Differenze tra le versioni di "Canti popolari"

*''Muorto è lu purpo e sta sotto la preta, | muorto è Ser Janni''<ref>Ser Gianni Caracciolo (1372 circa – Napoli, 19 agosto 1432).</ref>''figlio de poeta.''<ref name=octopus>Citato in Feste, Farina e Forca, p. 180.</ref>
*''Nun me chiammate cchiù donna Sabella''<ref>Isabella d'Aragona o, secondo Benedetto Croce, Isabella di Lorena. {{cfr}} ''Feste, Farina e Forca'', p. 180.</ref>''| chiammateme Sabella sventurata | patrona 'i era 'e trentasei castella | la Puglia bella e la Basilicata...''<ref name=octopus/>
*{{NDR|Non c'è un attimo di respiro per la levatrice ('a vammana o mammana)}} ''Nun c'è n'ora, no momento | che può schitto resciatà, | neve, tronola, acqua e bbiento, | non c'è maje pe mme piatà, | curre, arranca, afferra, acchiappa, | suse, lascia, piglia, scappa.''<ref>Citato in ''C'era una volta Napoli'', p. 76.</ref>
*''Vi quant'è bella [[Napoli|Napule]] | pare nu franfellicco<ref>Zucchero caramellato modellato in forma di bastoncino. Era venduto dal ''franfelliccaro''. Franfellicco deriva dal francese ''fanfreluche'' (in francese antico ''fanfeluc'': fronzolo), che deriva dal basso latino ''famfaluca'' che risale a sua volta al greco ''pomphólux'': bolla d'aria. {{cfr}} Francesco D'ascoli, ''C'era una volta Napoli. {{small|Mestieri, oggetti, frutti, giochi infantili scomparsi o in via di estinzione}}'', prefazione di Gianni Infusino, Loffredo Editore, Napoli, 1987, p. 17.</ref>: | ognuno vene e allicca | arronza e se ne va.''<ref>Citato in Vanda monaco, ''La comunicazione teatrale, {{small|momenti di spettacolo teatrale dagli anni cinquanta a oggi}}'', Patron, 1981, [https://books.google.it/books?id=keELAQAAMAAJ&q=vi+quant%27%C3%A8+bella+napule&dq=vi+quant%27%C3%A8+bella+napule&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwj5nO309oLdAhWJ-aQKHdxgDMcQ6AEILDAB], p. 317</ref>