Differenze tra le versioni di "Publio Cornelio Tacito"

→‎Annali: Fingebant, simul credebantque
(+2)
(→‎Annali: Fingebant, simul credebantque)
*[I pompeiani e i nucerini convenuti ai] ludi gladiatori banditi da quel Livineio Regolo, che ho già ricordato espulso dal senato, dapprima si scambiarono ingiurie con l'insolenza propria dei provinciali, poi passarono alle sassate, alla fine ricorsero alle armi, prevalendo i cittadini di [[Pompei]], presso i quali si dava lo spettacolo. Furono perciò riportati a casa molti di quelli [[Nuceria Alfaterna|Nocera]] con il corpo mutilato per ferite, e in quella città parecchi fra i cittadini piansero la morte di figli e di genitori.
:''Nucerinos Pompeianosque gladiatorio spectaculo, quod Livineius Regulus, quem motum senatu rettuli, edebat. quippe oppidana lascivia in vicem incessentes probra, dein saxa, postremo ferrum sumpsere, validiore Pompeianorum plebe, apud quos spectaculum edebatur. ergo deportati sunt in urbem multi e Nucerinis trunco per vulnera corpore, ac plerique liberorum aut parentum mortes deflebant.'' (XIV, 17)
 
*{{NDR|Rivolto a [[Germani]]}} Credevano in ciò che avevano appena immaginato.
:''Fingebant, simul credebantque.'' (V. 10).
 
==''Germania''==
2

contributi