Differenze tra le versioni di "Canti popolari"

(→‎Bibliografia: Riferimenti bibliografici.)
*''<nowiki>'</nowiki>A signora donna [[Eleonora Pimentel Fonseca|Dionora]] | che cantava 'ncoppa 'o triato | mo abballa mmiez' 'o [[Piazza del Mercato (Napoli)|mercato]].''<ref>Citato in ''Feste, Farina e Forca'', p. 190.</ref>
*''Frusta ccà Margaritella''<ref>Margherita di Durazzo. {{cfr}} ''Feste, Farina e Forca'', p. 180.</ref>''| ca si troppa scannalosa | che pe' ogni poca cosa | tu vuoje annanze la gonnella | frusta ccà {{sic|Margheritella}}.''<ref>Citato in ''Feste, Farina e Forca'', p. 181.</ref>
*''Jesce sole, jesce sole, | nun te fa' cchiù suspirà |: siente maje ca li ffigliole | hanno tanto da prià. | Jesce sole, jesce sole...''<ref>Canzone delle lavandaie del Vomero. Citato in Mimmo Piscopo, ''Vomero e dintorni.{{small|Viaggio nella memoria di un vomerese accanito}}'', ''Lettere Italiane'', Alfredo Guida Editore, Napoli. ISBN 88-7188-419-1, [https://books.google.it/books?id=UPsZP7wtQ0UC&lpg=PA38&dq=&pg=PA38#v=onepage&q&f=false p. 38]. ISBN 88-7188-419-1 e, parzialmente in ''Feste, Farina e Forca'', pp. 179-180.</ref>
*''Muorto è lu purpo e sta sotto la preta, | muorto è Ser Janni''<ref>Ser Gianni Caracciolo (1372 circa – Napoli, 19 agosto 1432).</ref>''figlio de poeta.''<ref name=octopus>Citato in Feste, Farina e Forca, p. 180.</ref>
*''Nun me chiammate cchiù donna Sabella''<ref>Isabella d'Aragona o, secondo Benedetto Croce, Isabella di Lorena. {{cfr}} ''Feste, Farina e Forca'', p. 180.</ref>''| chiammateme Sabella sventurata | patrona 'i era 'e trentasei castella | la Puglia bella e la Basilicata...''<ref name=octopus/>