Differenze tra le versioni di "Stefan Zweig"

333 byte aggiunti ,  2 anni fa
fonti in nota, +1
(fonti in nota, +1)
 
==Citazioni di Stefan Zweig==
*Ancora la nostra generazione a [[scuola]] ha appreso più cose su Serse, Dario e Cambise, su re barbarici a noi del tutto indifferenti, che su Leonardo, Volta, Franklin, Montgolfier e Gutenberg. Eravamo tenuti a sapere a memoria ogni minima battaglia, ma nei testi non c'era una riga su chi aveva costruito le prime ferrovie o inventato la chimica moderna. Eravamo intenzionalmente tenuti all'oscuro circa gli apporti culturali dei popoli a noi vicini e sapevamo soltanto in quali battaglie e sotto quali generali li avevamo affrontati sul campo. (da<ref>Da ''Tempo e mondo'', traduzione Emilio Picco, Piano B, 2014) .</ref>
*[[Charles Dickens|Dickens]] narra con tale precisione, con tale minuziosità, da costringerci a seguire il suo sguardo ipnotizzante. Non aveva lo sguardo magico di [[Balzac]] [...], ma uno sguardo tutto terreno, uno sguardo da marinaio, da cacciatore, uno sguardo di falco per le piccole cose umane. – Ma sono le piccole cose – disse egli una volta – che formano il senso della vita. (da<ref>Da ''Tre maestri: Balzac, Dickens, Dostoevskij'', traduzione Berta Burgio Abrens, Sperling & Kupfer, Milano, 1938) .</ref>
*Forse nessun uomo ha posto pretese morali tanto alte a se stesso (con sì scarsa capacità di adempiere a un ideale categorico) come [[Heinrich von Kleist]]. (citato<ref>Citato in ''Corriere della seraSera'', 28 luglio 2001).</ref>
*I più commoventi fra questi individui erano per me – quasi m'avesse già sfiorato il presagio del mio futuro destino – gli uomini senza [[patria]], o ancor peggio, quelli che in luogo di una patria ne avevano due o tre e non sapevano interiormente a quale appartenessero. (da<ref>Da ''Il mondo di ieri'', capitolocap. ''Nel cuore dell'Europa'').</ref>
*Se non ci fossero che artisti della specie di [[Lev Tolstoj|Tolstoj]] si finirebbe facilmente per supporre che l'arte sia qualcosa di estremamente facile…<ref>Citato in Roberto Coaloa (a cura di), ''Lev Tolstoj e l'Italia'', Gli Ori, Pistoia, 2016, p. 29. ISBN 978-88-7336-645-4</ref>
 
==''Erasmo da Rotterdam''==