Il nome della rosa (film): differenze tra le versioni

m (Annullate le modifiche di 37.227.4.141 (discussione), riportata alla versione precedente di Webwizard)
Etichetta: Rollback
*Quando la femmina, che per sua natura è tanto perversa, diventa sublime per la sua santità, essa può essere il più nobile veicolo della grazia... ''Pulchra enim sunt ubera, quae paululum supereminent.'' ('''Ubertino''')
*Belli sono infatti i seni di piccola fattura.
*Nella grande saggezza c'è grande dolore e chi incrementa il proprio sapere incrementa il proprio dolore. ('''Venanzio''') {{NDR|a Jorge, citando la versione latina dell<nowiki>'</nowiki>''Ecclesiaste'', libro della ''[[Bibbia]]'' (traduzione in sovraimpressione)}} {{NDR|[[Ultime parole dai film|ultime parole]]}}
*''Penitenziagite! Watch out for the draco who cometh in futurum to gnaw on your anima! La morte est supra nobis! You contemplata me apocalypsum, eh? La bas! Nous avons il diabolo! Ugly come Salvatore, eh? My little brother! Penitenziagite!!'' ('''Salvatore''')
*''Verba vana aut risui apta non loqui''. ('''Jorge da Burgos''')
*Apprendi a mortificare il tuo intelletto! Piangi sulle ferite di Nostro Signore! E soprattutto getta tutti i tuoi libri! ('''Ubertino'''){{NDR|fuggendo dall'abbazia}}
*Temete le ultime trombe, amici miei! Il prossimo verrà dal cielo... e poi verranno mille e mille scorpioni! ('''Ubertino''') {{NDR|fuggendo dall'abbazia}}
*No... no! ('''Severino''') {{NDR|[[Ultime parole dai film|ultime parole]]}}
*La settima tromba... l'invasione degli scorpioni... ('''Malachia''') {{NDR|[[Ultime parole dai film|ultime parole]]}}
*Il [[Risata|riso]] uccide la paura, e senza la paura non ci può essere la [[fede]]. ('''Jorge da Burgos''')
*Ora sigillo per sempre questa conoscenza con la tomba che io divento! ('''Jorge da Burgos''') {{NDR|[[Ultime parole dai film|ultime parole]]}}
*Aiuto, vi prego, aiuto! ('''Bernardo Gui''') {{NDR|[[Ultime parole dai film|ultime parole]]}}
*Ripeto ancora oggi a me stesso che la mia scelta fu buona e feci bene a seguire il mio maestro. Quando infine ci separammo, egli mi fece dono delle sue lenti, poi mi abbracciò con la tenerezza di un padre e mi disse: "Tu hai vissuto in questi giorni, mio povero ragazzo, una serie di avvenimenti in cui ogni retta regola sembrava essersi sciolta, ma l'Anticristo può nascere dalla stessa pietà, dall'eccessivo amor di Dio o della Verità, come l'eretico nasce dal santo e l'indemoniato dal veggente, e la verità si manifesta a tratti anche negli errori del mondo, così che dobbiamo decifrarne i segni anche là dove ci appaiono oscuri e intessuti di una volontà del tutto intesa al male". Non lo vidi più, né so che cosa sia accaduto di lui, ma prego sempre che Dio abbia accolto l'anima sua e gli abbia perdonato i molti atti d'orgoglio che la sua fierezza intellettuale gli aveva fatto commettere. Ma ora che sono molto, molto vecchio, mi rendo conto che di tutti i volti che in passato mi ritornano in mente, più chiaro di tutti, vedo quello della fanciulla che ha visitato tante volte i miei sogni di adulto e di vegliardo. Eppure, dell'unico amore terreno della mia vita non avevo saputo, né seppi mai: il nome... ('''Adso''')