Differenze tra le versioni di "Edoardo Boncinelli"

ortografia
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
(ortografia)
 
*{{NDR|Con riferimento alla teoria della Relatività generale}} Il [[tempo]] è fermo, bloccato, congelato.<ref>Da ''Che cos'è il tempo?''.</ref>
*{{NDR|Su [[Marvin Minsky]]}} L'ho incontrato diverse volte e fra queste metto un colloquio memorabile avuto con lui a Bergamo Scienza. Mi ha sempre lasciato impressionato dall'intelligenza, dall'ironia e dalla vastità dei suoi interessi scientifici, ma anche filosofici. In quell'occasione parlò, infatti, della possibile emotività nei [[computer]]. Oggi non si parla più molto dell'intelligenza artificiale, ma se ne è parlato tanto in passato, e ora la si considera più come una possibile minaccia per noi e per la nostra intelligenza.<ref>Dall'articolo ''[http://www.corriere.it/cronache/16_gennaio_26/marvin-minsky-padre-intelligenza-artificiale-f25bb648-c41b-11e5-8e0c-7baf441d5d56.shtml Marvin Minsky, scompare uno dei padri dell'Intelligenza artificiale]'', ''corriere.it'', 26 gennaio 2016.</ref>
*L'[[Italia]], la patria di [[Galileo Galilei|Galileo]], destina le briciole del suo bilancio alla ricerca scientifica. La [[scienza]] apre le porte della conoscenza agli uomini e li rende liberi. Non è la scienza a spaventare. Ma un esercito di uomini liberi, dotati di senso critico e capacità di ragionamento – forse – può spaventare qualcuno. Non riusciamo a immaginare nulla che non abbia uno scopo, un disegno, una finalità. Anche il [[caos]] privo di senso è un'idea che da sola può fare tanta paura.<ref>Dall'intervista di Giuseppe Mariggiò, ''[http://www.datamanager.it/rivista/edoardo-boncinelli-il-paese-ha-bisogno-della-scienza-51459.html Edoardo Boncinelli – Il Paese ha bisogno della scienza]'', ''datamanager.it'', 26 novebrenovembre 2013.</ref>
*La [[password]] però non la devo conoscere soltanto io; sennò non serve a niente. Ci deve essere qualcuno o più probabilmente qualcosa che sa che la mia password per quel determinato servizio è proprio quella e deve poter controllare. Ci avviamo quindi ad avere ciascuno di noi un suo doppio: il detentore di questa informazione. Anzi, una molteplicità di doppi, ciascuno per un determinato servizio. Non solo si dovrà così mappare la nostra memoria ma la si dovrà proiettare su una matrice ([[Matrix]]?) di detentori-controllori. Ognuno di noi diverrà così sempre più se stesso, ma condizionatamente a un sistema sociale efficiente e permanente. Saremo condannati a materializzarci in un astratto costrutto sociale che ha in qualche modo la nostra stessa deperibilità. Ma ovviamente sto scherzando.<ref>Dall'articolo ''[http://www.corriere.it/tecnologia/13_gennaio_20/in-quelle-parole-mille-identita-boncinelli_f6a4708a-62d2-11e2-b1d5-38c6a83a1ea2.shtml In quelle parole (d'ordine) le nostre mille identità]'', ''corriere.it'', 20 genaio 2013.</ref>
*La [[vita]] non ha senso e non ha senso nemmeno chiederselo. La domanda sul senso della vita è in effetti un'estensione indebita della domanda sul senso di questa o quella azione alla vita in toto. Ciò non toglie che uno non possa dare un suo senso, individuale e personale, alla vita, ma ne deve essere consapevole. Un mio aforisma dice: "Non posso fare a meno di pormi certe domande, ma debbo resistere alla tentazione di darvi una risposta. Tanto sarebbe priva di ogni fondamento".<ref>Dall'intervista di Ivo Nardi, ''[http://www.riflessioni.it/senso-della-vita/edoardo-boncinelli.htm Intervista a Edoardo Boncinelli. Riflessioni sul senso della vita]'', ''riflessioni.it'', gennaio 2011.</ref>
1 296

contributi