Differenze tra le versioni di "Frost/Nixon - Il duello"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  1 anno fa
ortografia
m (Automa: Correzione automatica trattini in lineette.)
(ortografia)
 
*'''Nixon''': Senta, quando si è in carica a volte bisogna fare molte cose che forse non si possono definire, nel senso stretto della legge, "legali" ma vengono fatte per conseguire il bene più alto della Nazione.<br>'''Frost''': Scusi, voglio essere sicuro d'aver capito. Sta veramente affermando che in certe situazioni il Presidente può decidere il migliore interesse della Nazione e poi fare qualcosa di illegale?<br>'''Nixon''': Sto dicendo che se è il Presidente a farlo vuol dire che non è illegale.<br>'''Frost''': Come, scusi?<br>'''Nixon''': È quello che io penso. {{NDR|pausa}} Ma mi rendo conto che nessun altro condivide questa opinione.
 
*'''Frost''' {{NDR|parlando della [[scandalo Watergate]]}}: Signor presidente, stavamo parlando del periodo che va dal 23 marzo al 13 apirleaprile e degli errori che ha commesso. Insomma, mi chiedo... se esista un altro termine. La parole "errori" sarebbe riduttiva per una sufficiente comprensione.<br>'''Nixon''': Mi dica, lei quale termine vorrebbe proporre?<br>'''Frost''': Mio Dio... {{NDR|butta a terra la cartelletta con gli appunti}} D'accordo. È lei che me lo chiede. Ritengo ci siano tre cose che la gente vorrebbe sentirle dire. La prima: "si è trattato molto più che di semplici errori", "ci sono stati illeciti" e "sì, potrei anche aver commesso un crimine". Seconda: che "ho abusato del potere che mi spettava in quanto presidente". E terza: "ho costretto il popolo americano a vivere due anni di inutile agonia e per questo chiedo scusa".<br>'''Nixon''': Ma io...<br>'''Frost''': E so quanto sia difficile per chiunque, specialmente per lei.<br>'''Nixon''': Grazie.<br>'''Frost''': Ma credo che la gente abbia bisogno di questo. E credo anche che sei lei non dovesse dirlo questo fantasma la perseguiterà per il resto della sua vita.<br>'''Nixon''': Ebbene, è vero. Ho commesso errori. Orribili errori. Erroiri di sicuro non degni di un presidente. Errori che non rispondono a quel grado di eccellenza che io avevo sempre sognato fin da bambino, ma... se lei ricorda bene, erano tempi difficili per me, ero costretto ad affrontare una guerra su cinque fronti: contro la parzialità della stampa, contro la parzialità del Congresso, la parzialità della Commissione Ervin, ma... Sì, ammetto che in alcuni momenti non sono stato all'altezza di quella responsabilità e sono stato coinvolto in un insabbiamento, come lei l'ha definito, e per tutti questi errori ho un profondo rammarico. Nessuno può sapere cosa si prova a dimettersi dalla presidenza. Ora, se volete che io mi getti per terra sul pavimento e mi metta a strisciare... no. Mai. Insisto nel dire che sono stati errori del cuore, non errori della testa, ma sono stati i miei errori e non incolpo nessuno. Mi sono rovinato da solo. Io ho dato loro una spada e poi mi hanno colpito e l'hanno rigirata nella piaga con soddisfazione. Suppongo che al loro posto mi sarei comportato ugualmente.<br>'''Frost''': E il popolo americano?<br>'''Nixon''' {{NDR|lunga pausa}}: L'ho tradito. Ho tradito i miei amici. Ho tradito... il Paese. E quel che è peggio... ho tradito il nostro sistema di governo e il sogno di tutti quei giovani ragazzi che avrebbero dovuto entrare in politica ma che ora pensano "Oh, è tutto troppo corrotto", eccetera... Sì. Ho tradito il popolo americano. E la mia coscienza dovrà sopportare questo peso fino alla fine dei miei giorni. La mia vita politica è finita.
 
==[[Explicit]]==
1 196

contributi