Ottimismo: differenze tra le versioni

111 byte rimossi ,  3 anni fa
Annullata la modifica 956158 di 31.131.240.12 (discussione) senza fonte
Nessun oggetto della modifica
(Annullata la modifica 956158 di 31.131.240.12 (discussione) senza fonte)
Etichetta: Annulla
*Se si conducesse il più ostinato ottimista attraverso gli ospedali, i lazzaretti, le camere di martirio chirurgiche, attraverso le prigioni, le stanze di tortura, i recinti degli schiavi, pei campi di battaglia e i tribunali, aprendogli poi tutti i sinistri covi della [[miseria]], ove ci si appiatta per nascondersi agli sguardi della fredda curiosità, e da ultimo facendogli ficcar l'occhio nella torre della fame di Ugolino, certamente finirebbe anch'egli con l'intendere di qual sorte sia questo ''meilleur des mondes possibles''. ([[Arthur Schopenhauer]])
*Un ottimista è un uomo che non sa vedere dove tira il vento. (''[[Gambit - Una truffa a regola d'arte]]'')
 
*L'imperativo categorico del nostro tempo è l'ottimismo, fosse pure sull'orlo del baratro. ([[Albert Caraco]])
===[[Helen Keller]]===
*Abbiamo scoperto che i nostri grandi filosofi e i nostri grandi uomini dell'azione sono ottimisti, così come i più grandi uomini di lettere sono stati ottimisti nei loro libri e nelle loro vite. Nessun pessimista ha mai guadagnato un pubblico ampio quanto il suo genio, mentre molti scrittori ottimisti sono stati letti e il loro talento sopravvalutato solo perché hanno scritto del lato luminoso della vita.