Differenze tra le versioni di "Aldo Busi"

50 byte aggiunti ,  2 anni fa
sistemo ult. ins, ma cambio la citazione perché quella era non pertinente
(sistemo ult. ins, ma cambio la citazione perché quella era non pertinente)
*Conta di più la vita o l'opera? L'opera, se la vita ne è la superflua coerenza. Se la vita non è coerente con l'opera che produce, il dibattito resta aperto, ma non per me: non conta né l'una né l'altra, entrambe contano solo per l'occasione sprecata di farne tutt'uno. Quindi, via, giù nell'imbuto dell'oblio delle cose che ne nascondono troppe altre per non appartenere più alla fogna dell'arrivare con meno problemi al ventisette del proprio mese che al ruscello di acqua davvero sorgiva e ristoratrice in tutte le sue preziose molecole per l'umanità assetata.<ref group="fonte:">Da ''[http://m.dagospia.com/un-aldissimo-busi-sfancula-dalla-e-il-catto-cazzullismo-ipocrita-dell-informazione-36226 Un Aldissimo Busi sfancula Dalla e la catto-ipocrisia dell'informazione]'', ''dagospia.com'', 3 marzo 2012.</ref>
*Cosa se ne fa l'umanità di uno scrittore che non vuole cambiare il mondo, possibilmente partendo da se stesso? Solo ai supermercati e ai politici e ai preti e ai militari e banchieri e ai pavidi in generale conviene che resti tale e quale. Che mi si legge a fare, altrimenti? E perché si dovrebbe mai leggere? Per sapere il significato della parola panopticon? L'etica civile non è una bella frase: implica consapevolezza, autocontrollo, soppressione dell'istinto di rapina. Se qualcuno legge le mie opere e non arriva al fondo della sua insaziabile trippa becera e animalesca, se non interviene per contenerla ed educarla, perde il suo tempo. Io volevo che a leggermi fossero operai, lavoratori, commesse. I cittadini, tutti! Io volevo e ancora voglio una rivoluzione, però stavolta dal basso verace, non dal bassissimo delle classi dirigenti. Ma loro, questi ''citoyens'' del mio Stivale, non ci sono: non vedo l'eco sociale della mia opera, mentre sempre più a migliaia continuano a lamentarsi di non vedermi più in televisione, nelle mie operette, per quanto deliziosamente fuori canone siano. E allora ecco l'assurdo che ripeto: pur di restare inedito, mi sono ridotto a pubblicare.<ref group="fonte:">Da un'intervista di Simonetta Sciandivasci, ''[http://www.nuoviargomenti.net/aldo-busi-la-volonta-la-violenza-e-la-tracotanza-per-scrivere/ Aldo Busi: la volontà, la violenza e la tracotanza per scrivere]'', ''Nuoviargomenti.net'', 23 giugno 2015.</ref>
* Consideri questa lettera che le scrivo {{NDR|riferendosiRiferendosi ad uno scritto del pittore [[Salvatore Garau]]}} come[...] qualcosaper dila eccezionaleprima chevolta ledopo capitatanti anni ho letto un racconto sino alla fine senza sentirmi frustrato.<ref group="fonte:">Citato in ''[http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2005/05/08/ST5PO_ST501.html?refresh_ce], La Nuova Sardegna, “QuelQuel pittore ha un'anima rock]'', "''La Nuova Sardegna'', 05/08/8 maggio 2015.</ref>
*"Da quando in qua la [[pedofilia]] è [[crimine|criminalità]]" l'ho sentita io stesso da me detta, senza alcun tono interrogativo, in verità, rintracciata pochi istanti fa su youtube.it grazie alla segnalazione del Vs lettore tanto solerte, e tanto criminale nella sua malafede, perché basterebbe ascoltare quanto viene detto prima e quanto viene detto dopo per capire che ha ogni significato meno quello infamante che le e mi si vuol dare a forza. [...] E poi che vile ritagliare frasi qui e là di pochi secondi o di un minuto all'interno di un contesto che minimo durava due ore e che girava tutto intorno alla perversa morale sessuale cattolica! Che il vostro Signore abbia pietà di voi, o ipocriti che volete il capro espiatorio per distogliere l'attenzione dai mostri che vi covate in seno, io mai.<ref group="fonte:">Citato in Marco Cavalli, ''[http://www.altriabusi.it/2010/03/31/ultima-risposta-ai-sordi-che-non-stanno-a-sentire/ Ultima risposta ai sordi che non stanno a sentire]'', ''Altriabusi.it'', 31 marzo 2010.</ref>
*Di fronte a tanta scelleratezza economicista, chiunque capisce che l'Europa si regge su fondamenta marce, profondamente menefreghiste e cinicamente mercantili, di sfruttamento a man bassa della sua cosiddetta dolcezza di vivere (venuta meno ben prima dell'Is anche per chi ha i soldi per permettersela, ma l'icona da luogo comune è quella, la sua aura sopravvive alla cosa morta, è tenuta in vita dal mercato che alimenta; dimmi tu che razza di relazioni stabilisce un turista o un viaggiatore o uno stanziale parziale come me a parte quelle con commercianti, personale alberghiero, agenzie affittuarie di appartamenti privati, taxisti, ristoratori eccetera: esiste più una parola a titolo gratuito in Europa?).<ref group="fonte:">Da una mail pubblicata su ''[http://m.dagospia.com/busi-e-la-strage-di-parigi-contro-i-terroristi-fanatici-cattocomunisti-e-cattofascisti-strafatti-113435 Dagospia.com]'', 23 novembre 2015.</ref>
28 284

contributi