Differenze tra le versioni di "Utente:Almicione/Citazioni memorabili"

nessun oggetto della modifica
*Possano i giorni essere senza meta. Le stagioni scorrano. Non si prosegua l'azione secondo un piano. ([[Don DeLillo]])
*Il genio è per l'1% ispirazione e per il 99% sudore. ([[Thomas Edison]])
*È un pezzo che scappi, disse Jason, ma non sei mai andata piú in là dell'ora di cena. ([[William Faulkner]])
*Quando l'ombra del telaio si disegnò sulle tendine era tra le sette e le otto del mattino, e fui di nuovo dentro il tempo, sentendo il ticchettio dell'orologio. Era quello del nonno e quando me lo diede il babbo disse: Quentin, eccoti il mausoleo di ogni speranza e desiderio; è molto probabile, purtroppo, che te ne serva anche tu per ottenere il reducto absurdum di ogni umana esperienza, che non farà per i tuoi bisogni individuali piú di quanto fece per i suoi o per quelli di suo padre. Non te lo do perché tu possa ricordarti del tempo, ma perché ogni tanto tu possa dimenticarlo per un attimo e non sprecare tutto il tuo fiato nel tentativo di vincerlo. Perché, disse, le battaglie non si vincono mai. Non si combattono nemmeno. L'uomo scopre, sul campo, solo la sua follia e disperazione, e la vittoria è un'illusione dei filosofi e degli stolti. ([[William Faulkner]])
*Non è quando capisci che nulla può aiutarti – religione, orgoglio, qualsiasi cosa – è quando capisci di non aver bisogno di nulla. (William Faulkner)
*Le cose che possiedi alla fine ti possiedono. (''[[Fight Club (film)|Fight Club]]'')
*Questa è la tua vita e sta finendo un minuto alla volta. (''Fight Club'')
*L'uomo è un despota per natura e ama infliggere tormenti.
*Lasciateci soli, senza libri, e ci confonderemo subito, ci smarriremo: non sapremo dove far capo, a che cosa attenerci; che cosa amare e che cosa odiare, che cosa rispettare e che cosa disprezzare.
 
==[[William Faulkner]]==
*È un pezzo che scappi, disse Jason, ma non sei mai andata piú in là dell'ora di cena. ([[William Faulkner]])
*L'uomo fa molto più di ciò che può o deve sopportare. E così finisce col credere di poter sopportare qualunque cosa. E questo è il terribile. Che possa sopportare qualunque cosa, qualunque cosa.
*La salvezza del mondo sta nella sofferenza dell'uomo.
*Molto spesso un uomo è la somma delle sue disgrazie.
*Non è quando capisci che nulla può aiutarti – religione, orgoglio, qualsiasi cosa – è quando capisci di non aver bisogno di nulla. (William Faulkner)
*Quando l'ombra del telaio si disegnò sulle tendine era tra le sette e le otto del mattino, e fui di nuovo dentro il tempo, sentendo il ticchettio dell'orologio. Era quello del nonno e quando me lo diede il babbo disse: Quentin, eccoti il mausoleo di ogni speranza e desiderio; è molto probabile, purtroppo, che te ne serva anche tu per ottenere il reducto absurdum di ogni umana esperienza, che non farà per i tuoi bisogni individuali piú di quanto fece per i suoi o per quelli di suo padre. Non te lo do perché tu possa ricordarti del tempo, ma perché ogni tanto tu possa dimenticarlo per un attimo e non sprecare tutto il tuo fiato nel tentativo di vincerlo. Perché, disse, le battaglie non si vincono mai. Non si combattono nemmeno. L'uomo scopre, sul campo, solo la sua follia e disperazione, e la vittoria è un'illusione dei filosofi e degli stolti. ([[William Faulkner]])
 
==[[Federico Fellini]]==
2 792

contributi