Differenze tra le versioni di "Mare"

241 byte aggiunti ,  1 anno fa
+ Fabrizio De André
(+1.)
(+ Fabrizio De André)
*Alla fine, d'improvviso, vedevi il mare. Non l'aveva mai visto prima, lui. Ne era rimasto fulminato. L'aveva salvato, a voler credere a quello che diceva. Diceva: "È come un urlo gigantesco che grida e grida, e quello che grida è: 'banda di cornuti, la vita è una cosa immensa, lo volete capire o no? Immensa'". ([[Alessandro Baricco]])
*C'è una sorta di sollievo nel vuoto del mare. Né passato, né futuro. (''[[L'ultimo samurai]]'')
*''Che ne sai tu del mare | genovese di sto cazzo | sempre appeso alle tue tasche. | Invece il mare è femmina | e non la puoi tradire | con le sue curve azzurre | a sfruculiare le terre... | e non lo puoi capire.'' ([[Fabrizio De André]])
*''Che smisurato mar, dove non hanno | Freno gì'irati venti, e dove l'onda | Turgida spuma, ed implacabil s'erge!'' ([[Carlo Innocenzo Frugoni]])
*''Chi ha chiuso tra due porte il mare, | quando erompeva uscendo dal seno materno, || quando lo circondavo di nubi per veste | e per fasce di caligine folta? || Poi gli ho fissato un limite | e gli ho messo chiavistello e porte || e ho detto: "Fin qui giungerai e non oltre | e qui s'infrangerà l'orgoglio delle tue onde".'' (''[[Libro di Giobbe]]'')