Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
*Nella severa maestà del suo volto (sì vivamente rappresentata dalla scultura di [[Giovanni Battista Comolli|Giambatista Comolli]]), la grazia (non rara) di un sorriso dolce e delicato rivelava pienamente un animo sincerissimo e affettuoso. E la sincerità fu perfetta; che né voleva né poteva dissimulare non che fingere verun pensiero: e perciò detestava forte ogni falsità e simulazione: così avesse saputo da falsi e simulati difendersi! ([[Pietro Giordani]])
*''O VIATORE | IN QUESTA CASA | ADI' XIX. FEBBRAIO MDCCLI | NACQUE VINCENZO MONTI | ETERNO VANTO ALLE MUSE ALLA PATRIA ALL'ITALIA''. (Epigrafe sulla casa natale)
*''Questi è Vincenzo Monti Cavalieropoeta e cavaliero, | Gran traduttor dei traduttor d'Omero''.<ref>QuestoQui disticocitato sarcasticosecondo fuil dedicatotesto dalstabilito nell'Edizione nazionale, vol. II, Ugo Foscolo, al''Tragedie e poesie minori'', a cura di Guido Bezzola, Firenze, F. Le Monnier, 1961, p. 446: ''Epigramma IX. Contro Vincenzo Monti''. conIl distico sarcastico riferimentoallude al fatto che Vincenzo Monti tradusse in italiano l'''Iliade'' avvalendosi delladi una traduzione latina o di altra italiana in prosa.</ref>([[Ugo Foscolo]])
*''Salve, o Divino a cui largì natura | il cor di [[Dante]] e nel suo Duca il canto: | Questo fia il grido dell'età ventura, | Ma l'età che fu tua tel dice il canto''. ([[Alessandro Manzoni]])
*Sempre minaccia di cadere colla repentina sublimità de' suoi voli, e non cade mai. ([[Giuseppe Parini]])
Utente anonimo