Domenico Ghirlandaio: differenze tra le versioni

→‎Citazioni sul Ghirlandaio: autore dell'ultima citazione
(altra di Venturi, sezione Note)
(→‎Citazioni sul Ghirlandaio: autore dell'ultima citazione)
*Domenico Bigordi esordì nell'arte come orefice, e tant'era la sua abilità nel cesellare l'oro e l'argento per formarne quei graziosi serti con i quali le donne fiorentine usavano allora adornarsi il capo, che gli venne dato il soprannome di ''Ghirlandaio''. ([[Evelyn Franceschi Marini]])
*Il Ghirlandaio, continuando i concetti dell'[[Beato Angelico|Angelico]], aveva fatto litaniare gli {{sic|angioli}} e i santi affollati in cielo e in terra. ([[Adolfo Venturi (storico dell'arte)|Adolfo Venturi]])
*La educazione pittorica di Domenico Ghirlandaio si può ricercare nell'opera che con tutta probabilità è la prima in cui l'artista si esprima compiutamente, cioè nella cappella di Santa Fina a San Gimignano, ove sembra un continuatore perfezionato, raffinato di [[Benozzo Gozzoli|Benozzo di Lese]]<ref>Benozzo di Lese di Sandro (1420 circa – 1497), più noto con il nome di Benozzo Gozzoli.</ref>. ([[Adolfo Venturi (storico dell'arte)|Adolfo Venturi]])
 
==Note==
34 678

contributi