Differenze tra le versioni di "Alberto Savinio"

nessun oggetto della modifica
m (→‎Citazioni di Alberto Savinio: wikilink europeismo)
 
==Citazioni di Alberto Savinio==
*A [[Catania]] il barocco è una malattia eruttiva.<ref name=sici>Citato in Salvatore FerlitaDa ''[http://palermoScritti dispersi.repubblica.it/dettaglio/il 1943-diario-di-savinio/1462374 Il diario di Savinio Ritratto della Sicilia isola di mito e morte]1952'', ''Repubblica.it'', 21 maggio 2008.</ref>
*Difatti, nel fondo, l'[[Etna]] fa cono. Quanto diverso però dall'immaginato! Questo il tremendo Mongibello, l'infocato carcere di Tifone? Il monte più armonico di forme, più mite d'aspetto che io abbia mai veduto. Me lo sono fatto indicare da gente del posto, per assicurarmi che è veramente lui. Solo che tutte le nuvole del cielo, poche o molte che siano, se le raccoglie intorno lui, come chioccia i pulcini.<ref name=sici>Citato in Salvatore Ferlita ''[http://palermo.repubblica.it/dettaglio/il-diario-di-savinio/1462374 Il diario di Savinio Ritratto della Sicilia isola di mito e morte]'', ''Repubblica.it'', 21 maggio 2008.</ref>
*È con le [[occasione|occasioni]] mancate che a poco a poco noi ci costituiamo un patrimonio di felicità. Quando il desiderio è soddisfatto, non resta che morire. (da ''Ascolto il tuo cuore, città'', Adelphi)
*È la prima volta ch'io vedo la [[Sicilia]]. Essa è la culla, mi diceva mio padre, della nostra gente. Quella terra laggiù, disegnata in turchino da sapientissima mano, è dunque in maniera più ampia della strettamente umana, un'antica madre, un'antica madre per me.<ref name=sici/>
==Bibliografia==
*Alberto Savinio, ''Casa «La Vita»'', Adelphi, Milano, 1988.
*Alberto Savinio, ''Scritti dispersi. 1943-1952'', a cura di Paola Italia, Adelphi, Milano, 2004.
 
==Voci correlate==
41 384

contributi