Differenze tra le versioni di "Antoine de Saint-Exupéry"

nessun oggetto della modifica
*A scoprire amici che ci aiutano, facciamo presto. Quelli che ci chiedono di essere aiutati, li meritiamo lentamente.<ref>Da ''Lettera a un ostaggio'', , traduzione di Mario Bertin, p. VI; pubblicato come inserto di ''Scuola e formazione'', anno XVIII, n. 1/2, gennaio/febbraio 2015.</ref>
*Non confondere l'[[amore]] col delirio del [[possesso]], che causa le sofferenze più atroci. Perché contrariamente a quanto comunemente si pensa, l'amore non fa soffrire. Quello che fa soffrire è l'istinto della proprietà, che è il contrario dell'amore.<ref>Da ''Cittadella'', LIV (LV), p. 150; citato in [[Nuccio Ordine]], ''L'utilità dell'inutile'', Bompiani, 2013. ISBN 9788845274480, p. 174.</ref>
*Ognuno è [[responsabilità|responsabile]] di tutti. Ognuno daè solo èl'unico responsabile di tutti. Ognuno è l'unico responsabile di tutti. (Dada ''PilotePilota dedi guerreguerra'') {{c|migliorare la fonte}}
 
==''Il piccolo principe''==
*Antoine de Saint-Exupéry, ''Cittadella'', riduzione e traduzione di Ezio L. Gaya, con la collaborazione di M.lle Simone de Saint-Exupéry, Roma, Edizioni Borla, 1991.
*Antoine de Saint-Exupéry, ''Il piccolo principe'', traduzione di Yasmina Melaouah, Gribaudo, San Giovanni Lupatoto (VR), 2015. ISBN 978-88-580-1283-3
*Antoine de Saint-Exupéry, ''Pilota di guerra - La morale dell'inclinazione'', a cura di Leopoldo Carra, Mondadori, 2015.
*Antoine de Saint-Exupéry, ''Terra degli uomini'', traduzione di Renato Prinzhofer, Mursia, 1988.
*Antoine de Saint-Exupéry, ''Volo di notte'', traduzione di Cesare Giardini, Oscar Mondadori, 2001.
42 500

contributi