Differenze tra le versioni di "Ludwig Wittgenstein"

m (minuzie)
*D'una [[domanda e risposta|risposta]] che non si può formulare non può formularsi neppure la [[domanda e risposta|domanda]]. ''L'enigma'' non v'è. Se una domanda può porsi, ''può'' pure aver risposta. (p. 6.5)
*Noi sentiamo che, anche una volta che tutte le ''possibili'' domande scientifiche hanno avuto una risposta, i nostri problemi vitali non sono ancora neppur toccati. (p. 6.52)
* Il metodo corretto della filosofia sarebbe propriamente questo: Nulla dire se non ciò che può dirsi; dunque, proposizioni della scienza naturale – dunque qualcosa che con la filosofia nulla ha da fare –, e poi ogni volta che altri voglia dire qualcosa di metafisico, mostrargli che, a certi segni nelle sue proposizioni, egli non ha dato significato alcuno. Questo metodo sarebbe insoddisfacente per l'altro – egli non avrebbe il senso che gli insegniamo filosofia –, eppure esso sarebbe l'unico rigorosamente corretto. (p. 6.53)
 
==[[Explicit]]==
Utente anonimo