Differenze tra le versioni di "Richard Nixon"

*Tentare di spegnere il fuoco quando già divampa non è sufficiente. Occorre andare al nocciolo del problema, cioè denunciare chi aiuta il terrorismo, tenendo presente che l'Unione Sovietica è l'imputato principale. (p. 52)
*La spinta espansionistica sovietica, quantunque inesorabile, raramente è stata incauta. I capi russi sono aggressori, ma prudenti. In buona parte le loro mosse sono lente, astute e attentamente camuffate, in modo da non destare dal suo sonno il "gigante addormentato" occidentale.<br>Cercano di colpire dove meno ci si aspetta, quando meno si si aspetta, e nel modo meno prevedibile. Il loro metodo preferito è quello di provocare disordine e caos in un paese preso di mira, per raccoglierne i cocci. (pp. 52-53)
*Il comunismo offeoffre lo slogan della "liberazione", la promessa dell'ordine; dice agli "emarginati" che li inserirà nel potere, ai socialmente inferiori che saranno al vertice. Parla in termini di certezza appassionata, e questo fa presa su chi sguazza nell'incertezza. (p. 53)
*Una delle tattiche preferite dai russi è la fanfaronata. Anche quando erano immensamente inferiori a noi come potenza, [[Nikita Sergeevič Chruščёv|Nikita Kruscev]] soleva snocciolare le sue minacce nucleari sperando di infondere nell'Occidente la paura della forza sovietica. I nostri capi di allora non si lasciarono ingannare; sapevano che Kruscev non aveva intenzione di commettere un suicidio nazionale, ma l'opinione pubblica fu fortemente scossa. (p. 56)
[[File:Leonid Brezhnev and Richard Nixon talks in 1973 cropped.JPG|thumb|Nixon insieme a [[Leonid Il'ič Brežnev|Leonid Brežnev]] nel 1973]]
20 264

contributi