Differenze tra le versioni di "Le straordinarie avventure di Pinocchio"

nessun oggetto della modifica
==[[Incipit]]==
{{incipit film}}
'''Pepe''': Tanti ma tanti anni orsonoor sono, in una terra lontana, un giovane falegname raggiunse la foresta in gran segreto. Il suo nome era Geppetto, ed era timido e silenzioso... Ah, e molto innamorato!<br>'''Geppetto''': Incido un cuore per te, mia amata Leona, in questa placida foresta, il mio sogno d'amore continuerà a vivere. Per sempre tuo, Geppetto.<br>'''Pepe''': Presto o tardi, però, quando il cuore freme e il cielo non è sordo ai suoi palpiti... la magia è inevitabile che si compia!
 
==Frasi==
*'''Pinocchio''': Non ne combino una giusta...<br>'''Pepe''': È l'eterno dilemma dell'uomo...<br>'''Pinocchio''': Chi ha parlato?!<br>'''Pepe''': ...o è l'eterno dilemma della marionetta? Hai ancora un po' di panna sulla bocca. Ehi! Non è educazione schiacciare qualcuno senza che ti sia stato presentato!<br>'''Pinocchio''': Sei... Tu sei una termite?<br>'''Pepe''': Oh, per cortesia!<br>'''Pinocchio''': Allora non puoi mangiarmi.<br>'''Pepe''': Grazie, ma sto seguendo una dieta povera di legno. E ora permetti che mi presenti: mi chiamo Pugnazio Elocuzio P. Elegante! Datemi una P, una E una P, una E, mettetele tutte insieme e chiamatemi... Pepe!<br>'''Pinocchio''': "Pepe"?<br>'''Pepe''': Che è, non ti piace?<br>'''Pinocchio''': Be', sì.<br>'''Pepe''': Sono sensibile sull'argomento.<br>'''Pinocchio''': No, no, è carino!<br>'''Pepe''': Non possiamo chiamarci tutti "Pinocchio"!
 
*'''Pasticcera''': È lui, vostroVostro onoreOnore! Ha assassinato la mia torta, rovinato i miei cannoli, le mie torte di frutta!<br>'''Giudice''': Silenzio, donna.<br>'''Pasticcera''': Ha anche distrutto la mia torta della nonna piena di pistacchi, cioccolata, questo e quest'altro...!<br>'''Giudice''': Ha terminato?<br>'''Pasticcera''': Non ho terminato! Allora, si è mangiato anche...<br>'''Giudice''': Arrestatela!<br>'''Pasticcera''' {{NDR|si calma subito}}: Terminato! Basta dirlo, terminato.<br>'''Giudice''': Or dunque, dato sì che voi, Geppetto, siete responsabile per questo... questo... questa marionetta, come vi dichiarate?<br>'''Geppetto''': Colpevole.<br>'''Giudice''': Dovrete pagare ventimila e cento lire ai pasticceri e ventimila a questa corte.<br>'''Geppetto''': Ma io non possiedo tanto denaro, solo il guadagno di tre anni!<br>'''Giudice''': Se non potete pagare sarete rinchiuso nella prigione dei debitori! {{NDR|batte il martello}} Tre anni sottochiave!<br>'''Lorenzini''': Vostro Onore, umilmente chiedo la corte di consentirmi di pagare l'ammenda per questo povero e miserabile pezzente...<br>'''Giudice''': Molto generoso da parte vostra, signor Lorenzini.<br>'''Lorenzini''': La carità è la mia debolezza! D'altro canto... ogni buona azione merita una qualche ricompensa, quindi tutto ciò che chiedo è avere Pinocchio in cambio.<br>'''Geppetto''': Lorenzini, vi prego, chiedetemi qualunque altra marionetta! Lavorerò per voi giorno e notte finché sarò in vita!<br>'''Lorenzini''': Geppetto, è solo una questione di vile denaro, per voi? Pinocchio ha diritto a una casa! E tutto ciò che voi potete offrirgli sono avanzi di cibo e fredde notti invernali! Invece con me avrà una vera famiglia!<br>'''Pinocchio''' {{NDR|a Geppetto}}: Cos'è una famiglia, papà?<br>'''Lorenzini''': Bontà divina! Questa domanda mi spezza il cuore! Non si dovrebbe avere bisogno di chiederlo. Pinocchio, io ti darò una vita degna di questo nome, una vita che gli altri ragazzi possono solo sognare.<br>'''Giudice''': Qual è la vostra decisione, Geppetto?<br>'''Geppetto''' {{NDR|guarda Leona seduta tra la gente, poi a malincuore prende la decisione}}: Pinocchio...<br>'''Pinocchio''': Sì, papà?<br>'''Geppetto''': Ascoltami bene, tu adesso andrai via insieme a quell'uomo.<br>'''Pinocchio''': Ma io voglio stare con te!<br>'''Geppetto''': Questo lo so, ma il fatto è che... il fatto è che non abbiamo altra scelta.<br>'''Pinocchio''': Tu sei il mio papà!<br>'''Geppetto''': Io non posso essere il tuo papà! Sei fatto di legno! Non sei di carne, non sei un ragazzo vero! E ora va'! Per il bene di tutti! {{NDR|Pinocchio è visibilmente ferito}}<br>'''Lorenzini''': Andiamo... figliolo! {{NDR|Pinocchio scende e si fa prendere}} Ragazzo mio... <br>'''Pinocchio''' {{NDR|a Geppetto, mentre viene portato via}}: Ti voglio bene, papà...
 
*'''Pinocchio''': Fantastico! Mi piace essere un divo!<br>'''Lorenzini''': Ah, non avevo dubbi! A tutti i veri ragazzi piace il successo. {{NDR|gli regala dei zecchini}} Ora questi sono tutti tuoi, Pinocchio! Ti potrai comprare tutto ciò che vuoi, e dopo questa serata ce ne saranno molti ancora. Tieni! Ora corri, figliolo, preparati per la prossima scena!
Utente anonimo