Differenze tra le versioni di "Arthur Rimbaud"

no originale, fix ordine sezioni
(- voce cancellata)
(no originale, fix ordine sezioni)
:''È ritrovata. | Che? – L'[[Eternità]] | È il mare andato | Con il sole.'' (1978)
*''Il [[lupo]] urlava sotto le foglie | Sputando le piume più belle | Del suo pasto di polli: | Come lui mi consumo.'' (da ''Il lupo urlava'', vv. 1-4; 1992)
 
===''Stupra''===
 
*''Un tempo gli animali montavano anche in corsa, | Con il sesso fasciato di escrementi e di sangue. | I nostri padri ostentavano il [[pene|membro]] fieramente | Dalla grana del sacco e da guaìne aperte.'' (''I'', vv. 1-4; 1992)
*''I nostri [[natiche|deretani]] non sono i loro. Spesso | Ho visto gente sbottonata di là da qualche siepe | E, nei bagni impudichi in cui l'infanzia gioca, | Osservavo gli scorci e gli effetti dei culi.'' (''II'', vv. 1-4; 1992)
*''È l'estatica oliva e il flauto carezzevole, | È il tubo ove scende la mandorla celeste, | Femmineo Canaàn cinto agli umidori.'' (''III'', vv. 12-14; 1992)
 
===[[Incipit]] de ''Il battello ebbro''===
a frecciate, e inchiodati ai pali variopinti.</poem>
{{NDR|citato in [[Fruttero & Lucentini]], ''Íncipit'', Mondadori, 1993}}
 
===''Stupra''===
*''Un tempo gli animali montavano anche in corsa, | Con il sesso fasciato di escrementi e di sangue. | I nostri padri ostentavano il [[pene|membro]] fieramente | Dalla grana del sacco e da guaìne aperte.'' (''I'', vv. 1-4; 1992)
*''I nostri [[natiche|deretani]] non sono i loro. Spesso | Ho visto gente sbottonata di là da qualche siepe | E, nei bagni impudichi in cui l'infanzia gioca, | Osservavo gli scorci e gli effetti dei culi.'' (''II'', vv. 1-4; 1992)
*''È l'estatica oliva e il flauto carezzevole, | È il tubo ove scende la mandorla celeste, | Femmineo Canaàn cinto agli umidori.'' (''III'', vv. 12-14; 1992)
 
==''Una stagione all'inferno''==
===[[Incipit]]===
====Originale====
<poem>Jadis, si je me souviens bien, ma vie était un festin où s'ouvraient tous les coeurs, où tous les vins coulaient.
Un soir, j'ai assis la Beauté sur mes genoux. – Et je l'ai trouvée amère. – Et je l'ai injuriée.
Je me suis armé contre la justice.
Je me suis enfui. O sorcières, ô misère, ô haine, c'est à vous que mon trésor a été confié !
Je parvins à faire s'évanouir dans mon esprit toute l'espérance humaine. Sur toute joie pour l'étrangler j'ai fait le bond sourd de la bête féroce.
J'ai appelé les bourreaux pour, en périssant, mordre la crosse de leurs fusils. J'ai appelé les fléaux, pour m'étouffer avec le sable, avec le sang. Le malheur a été mon dieu. Je me suis allongé dans la boue. Je me suis séché à l'air du crime. Et j'ai joué de bons tours à la folie.
Et le printemps m'a apporté l'affreux rire de l'idiot.</poem>
 
====Gabriele-Aldo Bertozzi====
Un tempo, se ben ricordo, la mia vita era un festino dove si schiudeva ogni cuore, ogni vino scorreva.<br />Una sera, feci sedere la [[Bellezza]] sulle mie ginocchia. — E la trovai amara. — E l'ingiuriai.<br />Mi armai contro la giustizia.<br />Fuggii. Oh streghe, oh miseria, oh odio, a voi il mio tesoro fu affidato!<br />Riuscii a cancellare dal mio spirito ogni speranza umana. Su ogni gioia per strangolarla feci il balzo sordo della bestia feroce.<br />Invocai i carnefici per mordere morendo il calcio dei loro fucili. Invocai i cataclismi per soffocarmi con la sabbia, il sangue. La sciagura fu la mia dea. Mi stesi nel fango. Mi asciugai al vento del crimine. E giocai brutti tiri alla follia.<br />E la primavera mi portò il riso orrendo dell'idiota.