Differenze tra le versioni di "Senilità"

179 byte aggiunti ,  2 anni fa
+1
(+1)
(+1)
*La vecchiaia stessa è una malattia. ([[Publio Terenzio Afro]])
*La vecchiaia vorrà dire in noi, essenzialmente, la fine dello stupore. Perderemo la facoltà sia di stupirci, sia di stupire gli altri. Noi non ci meraviglieremo più di niente, avendo passato la nostra vita a meravigliarci di tutto; e gli altri non si meraviglieranno di noi, sia perché ci hanno già visto fare e dire stranezze, sia perché non guarderanno più dalla nostra parte. […] L'incapacità di stupirsi e la consapevolezza di non destare stupore farà sì che noi penetreremo a poco a poco nel regno della noia. La vecchiaia s'annoia ed è noiosa: la noia genera noia, propaga noia intorno come la seppia propaga l'inchiostro. Noi così ci prepareremo ad essere assieme e la seppia e l'inchiostro: il mare intorno a noi si tingerà di nero e quel nero saremo noi: proprio noi che il colore nero della noia l'abbiamo odiato e rifuggito tutta la vita. Fra le cose che ancora ci stupiscono c'è questo: la nostra sostanziale indifferenza nel sottostare a un simile nuovo stato. Tale indifferenza è provocata dal fatto che a poco a poco veniamo cadendo nell'immobilità della pietra. ([[Natalia Ginzburg]])
*La vita negli ''anni della vecchiaia'' assomiglia al quinto atto di una tragedia: si sa che la fine tragica è vicina, ma non si sa ancora quale sarà. ([[Arthur Schopenhauer]])
*Lo studio è la miglior [[previdenza]] per la vecchiaia. ([[Aristotele]])
*Ma dico io, al posto di sentirci nell''''autunno'''<!--Non rimuover il grassetto, sta così nel fumetto!--> della vita, non sarebbe più ottimista pensare di essere nella '''primavera'''<!--Non rimuover il grassetto, sta così nel fumetto!--> della morte? ([[Quino]])