Differenze tra le versioni di "Organizzazione Gladio"

Annullata la modifica 924848 di 93.148.80.29 (discussione) non pertinente
(Annullata la modifica 924848 di 93.148.80.29 (discussione) non pertinente)
Etichetta: Annulla
*I padri di Gladio sono stati [[Aldo Moro]], [[Paolo Emilio Taviani]], Gaetano Martino e i generali Musco e De Lorenzo, capi del Sifar. Io ero un piccolo amministratore. Anche se mi sono fatto insegnare a Capo Marrangiu a usare il plastico. ([[Francesco Cossiga]])
*Tutta questa storia della Falange Armata faceva parte di quelle operazioni psicologiche previste dai manuali di "Stay-behind" {{NDR|Gladio}}: facevano esercitazioni, come si può creare il panico in mezzo alla gente, creare le condizioni per destabilizzare il Paese, questa è sempre l'idea. ([[Francesco Paolo Fulci]])
*Il [[Kgb]] è intervenuto materialmente nel sequestro [[Aldo Moro|Moro]]. [[Francesco Cossiga|Cossiga]] e [[Giulio Andreotti|Andreotti]] sapevano dov'era tenuto prigioniero, ma impedirono al generale [[Carlo Alberto Dalla Chiesa|Dalla Chiesa]] di intervenire. [[Giovanni Falcone|Falcone]] e [[Paolo Borsellino|Borsellino]]? Lì c'è la mano di Gladio e della [[Cia]]. [...] La Cia era il braccio armato di questa politica che voleva in tutti i modi eliminare un personaggio che metteva a repentaglio la sicurezza del blocco occidentale e poteva causare l'infiltrazione dei comunisti nel governo italiano. Oltretutto la Cia controllava i servizi segreti italiani, come ha pubblicamente ammesso [[Gianadelio Maletti|Maletti]] (ex generale del Sisde, ndr). La Cia li finanziava con un budget da 500 milioni di dollari all'anno. [...] Certo, finanziava anche Gladio. Addirittura la Cia ha comprato la base di Gladio in Sardegna (la base di [[Centro addestramento guastatori|Capo Marrargiu]], ndr). [...] Sì, Cossiga e Andreotti sapevano. C'è un documento del 2 marzo 1978 del quale io venni a conoscenza solo 25 anni dopo e che pubblico sul mio libro che lo prova. Anche Dalla Chiesa venne a conoscenza del luogo di prigionia di Moro e fin dai primi di aprile voleva intervenire per liberarlo. Quando fu bruciata la base di via Gradoli lo si fece proprio per impedire l'intervento di Dalla Chiesa. Al generale è stato l'ordine di abbandonare il campo, poi lui ne ha parlato con il giornalista [[Mino Pecorelli]] e lui ne ha scritto. Entrambi sapevano ed entrambi sono stati ammazzati. ([[Ferdinando Imposimato]])
 
===[[Paolo Bolognesi]]===