Differenze tra le versioni di "Tabagismo"

127 byte aggiunti ,  2 anni fa
+1
(+1, qui è forse pure più pertinente)
(+1)
*– Sai, non sono più io da quando ho smesso di fumare.<br>– Oh, e quando hai smesso?<br>– Sedici anni fa. (''[[Io e Annie]]'')
*– Salve cari bambini, allora... non dimenticate mai di spegnere le vostre sigarette dopo averle fumate.<br/>– Cosa!?<br/>– Cioè... non fumate! Non fumate mai a letto. {{NDR|la maestra lo guarda male}} O in un ristorante... o in... <br/>– No! Non si fuma! Non si fuma da nessuna parte!<br/>– E se qualcuno cerca di convincervi che fumare la pipa è meglio non credetegli, perché invece non è vero. (''[[Psych (terza stagione)|Psych]]'')
*Sei pazzo a fumare. Guarda come sono ridotto io. Ho visto la morte ed è tremenda. E anche adesso è dura. ([[Alberto Lupo]])
*Smettere di fumare è facile. Io l'ho fatto centinaia di volte.<ref>{{NDR|[[Citazioni errate|Citazione errata]]}} La frase non compare in nessuno degli scritti di Mark Twain.</ref> ''(erroneamente attribuita a [[Mark Twain]])''
*Tabacco. Sua utilità. Suoi piaceri: più innocenti di tutti gli altri al corpo e all'animo; meno vergognosi a confessarsi, immuni dal lato dell'opinione; più facili a conseguirsi, di poco prezzo e adattati a tutte le fortune; più durevoli, più replicabili. ([[Giacomo Leopardi]])