Radio: differenze tra le versioni

604 byte aggiunti ,  4 anni fa
nessun oggetto della modifica
(Ruggero Ruggeri)
Nessun oggetto della modifica
*Il telegrafo, il telefono, la radio e soprattutto il computer hanno fatto sì che chiunque, in qualsiasi parte del mondo, si trovi ora nella condizione di essere a portata d'orecchio. Purtroppo, il prezzo da pagare per questo è la perdita di privacy. ([[Steven Levy]])
*La mania della radio...si estinguerà in tempo. ([[Thomas Alva Edison]])
*La [[musica]] alla radio è un sogno febbrile condiviso, un'allucinazione collettiva, un segreto spifferato a milioni di persone, una voce che sussurra all'orecchio del Paese intero. Se è dirompente, sovverte il messaggio trasmesso tutti i giorni dalle autorità costituite, dalle agenzie pubblicitarie, dai mezzi di comunicazione di massa, dalle società di informazione e più in generale dai custodi dello status quo, abituati come sono a intorpidirci la mente, anestetizzarci l'anima e mortificare ogni traccia di vitalità. ([[Bruce Springsteen]], ''[[Born to Run (autobiografia)|Born to Run]]'')
*La prima volta che ho riascoltato quella radio mi sono chiesto dove fosse finito il quadro del video. Poi ho capito che il quadro del video sta qui dentro. {{NDR|indica la testa}} Perché io vi dico che la radio è una cosa in cui bisogna credere per goderne. (''[[Ai confini della realtà (serie televisiva 1959) (seconda stagione)|Ai confini della realtà]]'')
*La radio, come qualunque altro medium, ha un suo manto che la rende invisibile. Ci si presenta apparentemente in una forma diretta e personale che è privata e intima, mentre per ciò che più conta è una subliminale stanza degli echi che ha il potere magico di toccare corde remote e dimenticate. ([[Marshall McLuhan]])