Differenze tra le versioni di "Christopher Hitchens"

m
nessun oggetto della modifica
m
*Dimenticate tutte quelle sciocchezze che avrete probabilmente sentito sul fatto che il [[Kosovo]] sia «la [[Gerusalemme]]» della [[Serbia]]. Potrebbe anche contenere dei bei siti culturali antichi serbi e serbi ortodossi, ma si tratta molto più di una Cisgiordania o di una Gaza di Serbia, con una popolazione oppressa, segregata e assoggettata che per generazioni fu trattata nella sua stessa terra natale come se fosse composta di rifiuti umani . Nessuno che abbia passato un po' di tempo nel territorio, come feci io durante e dopo lo sfratto delle milizie serbe, può credere per un solo istante che i kosovari si sottometterebbero di nuovo sotto il dominio di Belgrado. È finita.
:''Forget all the nonsense that you may have heard about Kosovo being "the Jerusalem" of Serbia. It may contain some beautiful and ancient Serbian and Serbian Orthodox cultural sites, but it is much more like Serbia's West Bank or Gaza, with a sweltering, penned-up, subject population who were for generations treated as if they were human refuse in the land of their own birth. Nobody who has spent any time in the territory, as I did during and after the eviction of the Serb militias, can believe for a single second that any Kosovar would ever again submit to rule from Belgrade. It's over.''<ref>{{en}} Da ''[http://www.slate.com/articles/news_and_politics/fighting_words/2008/02/the_serbs_selfinflicted_wounds.html The Serbs' Self-Inflicted Wounds: With Kosovo independent, Yugoslavia is finally dead]'', ''Slate.com'', 22 febbraio 2008.</ref>
*{{NDR|Su [[Benazir Bhutto]]}} Dimostrava sempre la stessa mancanza di imbarazzo privo di ironia. Mi ricordo di quanto graziosamente mi mentiva, e con uno sguardo impassibile da quegli occhi di topazio, su come il programma nucleare pakistano fosse esclusivamente pacifico e civile. Sembrava sempre ipocritamente indignata quando le venivano poste domande non gradite sull'enorme corruzione di cui lei e il suo marito playboy Asif Ali Zardari furono accusati. [...] E ora le due principali eredità del governo Bhutto - le armi nucleari e gli islamisti legittimati - si sono tangibilmente avvicinate.
:''She always displayed the same unironic lack of embarrassment. How prettily she lied to me, I remember, and with such a level gaze from those topaz eyes, about how exclusively peaceful and civilian Pakistan's nuclear program was. How righteously indignant she always sounded when asked unwelcome questions about the vast corruption alleged against her and her playboy husband, Asif Ali Zardari. [...] And now the two main legacies of Bhutto rule—the nukes and the empowered Islamists—have moved measurably closer together. ''<ref name="daughterdestiny"/>
*È vero che il tracollo dell'avventura americana in Indocina condannata al fallimento, fu seguito da una repressione e una rappresaglia massicce, specialmente in Cambogia, e dall'esilio di un numero enorme di capaci vietnamiti. Ma anche questo cupo totale fu un fatto minore, se paragonato alle enormi perdite imposte dalla stessa guerra. In Iraq, il genocidio, la repressione e l'aggressione hanno preceduto l'intervento della coalizione e sono stati condannati da una piccola ma notevole serie di risoluzioni dell'Onu.
:''How do I dislike President George Bush? Let me count the ways. Most of them have to do with his contented assumption that 'faith' is, in and of itself, a virtue. This self-satisfied mentality helps explain almost everything, from the smug expression on his face to the way in which, as governor of Texas, he signed all those death warrants without losing a second's composure. It explains the way in which he embraced ex-KGB goon Vladimir Putin, citing as the basis of a beautiful relationship the fact that Putin was wearing a crucifix. (Has Putin been seen wearing that crucifix before or since? Did his advisers tell him that the President of the United States was that easy a pushover?) It also explains the unforgivable intervention that Bush made into the private life of the Schiavo family: leaving his Texas ranch to try and keep "alive" a woman whose autopsy showed that her brain had melted to below flatline a long time before. Here is a man who believes the "jury" is still "out" on whether we evolved as a species, who regards stem cell research as something profane, who affects the odd belief that Islam is "a religion of peace". However that may be, I always agreed with him on one secular question, that the regime of Saddam Hussein was long overdue for removal.''<ref name="iraqvietnam">Da "To invoke Vietnam was a blunder too far for Bush", ''The Guardian'' (26 agosto 2007)</ref>
*I regimi sostenuti da Washington in Vietnam tendevano, tra l'atro, a identificarsi fortemente con una sola minoranza confessionale (quella cattolica), escludendo le forze laiche, nazionaliste e buddiste; il governo eletto in Iraq può anche avere una connotazione settaria, ma almeno attinge a popolazioni maggioritarie finora represse (curdi e sciiti) e per lo meno l'ambasciata americana cerca di attenuare le divisioni religiose ed etniche anziché alimentarle.
:''The American-sponsored regimes in Vietnam tended, among other things, to be strongly identified with one confessional minority (Catholic) to the exclusion of secular, nationalist and Buddhist forces. The elected government in Iraq may have a sectarian hue, but at least it draws upon hitherto repressed majority populations - Kurds and Shias - and at least the American embassy works as a solvent upon religious and ethnic divisions rather than an inciter of them.''<ref name="iraqvietnam"/>
*Il presidente Eisenhower ammise che, se mai in Vietnam si fosse votato correttamente, avrebbe vinto Ho Chi Minh; i successori del partito Baath si sono rifiutati di partecipare alle elezioni in Iraq e i loro alleati jihadisti hanno dichiarato che la democrazia è un concetto estraneo ed hanno minacciato di uccidere chiunque fosse andato a votare.
:''President Eisenhower admitted that if there had ever been a fair election in Vietnam, it would have been won by Ho Chi Minh; the Baath party's successors refused to participate in the Iraqi elections and their jihadist allies declared that democracy was an alien concept and threatened all voters with murder.''<ref name="iraqvietnam"/>
*[[Slobodan Milošević|Milošević]] non aveva esattamente il potere psicopatico d'un [[Saddam Hussein]] o d'un [[Osama Bin Laden]]. Apparteneva a quel genere più pericoloso di persona: il funzionario mediocre e conformista che resta in attesa e maschera i suoi rancori. Da burocrate ascese al potere supremo, e sebbene abbia cavalcato un'ondata di fervore religioso e xenofobo, è perfettamente plausibile che non gliene sia mai veramente importato nulla dei totem e dei simboli che egli sfruttò. Sia in ufficio che sul banco degli imputati, incarnava la banalità del male. Nell'eccellente libro del 1995, ''The Death of Yugoslavia'', scritto da Laura Silber e Allan Little, e nella raffinata serie tv girata dalla Bbc che l'accompagnava, si può assistere alle tattiche meschine e al cinico opportunismo che egli adoperò come un pigro verme nel cuore dello stato che continua senza rimorsi ad ingozzarsi. A quanto pare ebbe un solo vero amico; la sua adorabile moglie ideologa, Mirjana Marković, che lo tirava su col morale parlando a proposito della sua figura dal volto impassibile e dalle grandi orecchie, e del suicidio di entrambi i suoi genitori. [[riguardi|Guàrdatevi]] da quelle nullità rancorose che entrano in politica per motivi terapeutici.
:''Milosevic did not have quite the psychopathic power of a Saddam Hussein or an Osama Bin Laden. He was that most dangerous of people: the mediocre and conformist official who bides his time and masks his grievances. He went from apparatchik to supreme power, and though he rode a tide of religious and xenophobic fervor, it is quite thinkable that he never really cared about the totems and symbols that he exploited. In office and in the dock, he embodied the banality of evil. In the excellent 1995 book The Death of Yugoslavia, written by Laura Silber and Allan Little, and in the fine BBC TV series that accompanied it, you can actually see the petty tactics and cynical opportunism that he employed like a sluggish maggot at the heart of the state that just keeps eating remorselessly away. He apparently had only one true friend, his adorable ideologue of a wife, Mirjana Markovic, who used to cheer him up about his big-eared and stone-faced appearance and about the suicide of both of his parents. Beware of those resentful nonentities who enter politics for therapeutic reasons.''<ref>{{en}} Da ''[http://www.slate.com/articles/news_and_politics/fighting_words/2006/03/no_sympathy_for_slobo.html No Sympathy for Slobo: Let's not forget Milosevic's many crimes]'', ''Slate.com'', 13 marzo 2006.</ref>
*Non c'è assolutamente alcun mistero nella domanda «perché ci odiano?», almeno per quanto riguarda il Pakistan. Ci odiano perché sono indebitati con noi e sono dipendenti da noi. I due principali simboli dell'orgoglio pakistano - il suo esercito e il suo programma nucleare – fagocitano totalmente la condiscendenza ed il mecenatismo americano.
:''There's absolutely no mystery to the "Why do they hate us?" question, at least as it arises in Pakistan. They hate us because they owe us, and are dependent upon us. The two main symbols of Pakistan's pride – its army and its nuclear program – are wholly parasitic on American indulgence and patronage.''<ref name="abbottobadtoworse"/>
*Quel che si sostiene senza prove può essere rigettato senza prove.
*Sono un ateo. Non sono neutrale rispetto alla religione, le sono ostile. Penso che essa sia realmente un male, non solo una falsità. E non mi riferisco solo alla religione organizzata, ma alla fede religiosa in sé e per sé.
:''I'm an atheist. I'm not neutral about religion, I'm hostile to it. I think it is a positively bad idea, not just a false one. And I mean not just organized religion, but religious belief itself.''<ref>Da ''[http://www.secularhumanism.org/library/fi/hitchens_16_4.html Christopher Hitchens On Mother Theresa (Interview)]'' di Matt Cherry, ''Free Inquiry'', vol. 16, n. 4, autunno 1996.</ref>
*Sta di fatto che l'indubbio coraggio di [[Benazir Bhutto|Benazir]] conteneva un certo fanatismo. Aveva il complesso di Elettra più grande di qualsiasi altra donna politica della storia moderna, totalmente consacrata alla memoria del suo padre giustiziato, l'affascinante e spregiudicato [[Zulfiqar Ali Bhutto]], che una volta dichiarò che il popolo del Pakistan avrebbe mangiato erba prima di rinunciare alla lotta per l'acquisizione d'un arma nucleare. (Era piuttosto preveggente a tal riguardo: il paese ora ha effettivamente le armi nucleari, e mentre milioni dei suoi abitanti a malapena si sfamano). Un socialista di nome, Zulfiqar Bhutto era un autocratico opportunista, e questa tradizione familiare fu continuata dal Ppp, un partito apparentemente populista che non ha mai avuto una vera elezione interna e che in realtà - come tante altre cose nel Pakistan - fu una proprietà della famiglia Bhutto.
:''The fact of the matter is that Benazir's undoubted courage had a certain fanaticism to it. She had the largest Electra complex of any female politician in modern history, entirely consecrated to the memory of her executed father, the charming and unscrupulous Zulfikar Ali Bhutto, who had once boasted that the people of Pakistan would eat grass before they would give up the struggle to acquire a nuclear weapon. (He was rather prescient there—the country now does have nukes, and millions of its inhabitants can barely feed themselves.) A nominal socialist, Zulfikar Bhutto was an autocratic opportunist, and this family tradition was carried on by the PPP, a supposedly populist party that never had a genuine internal election and was in fact—like quite a lot else in Pakistan—Bhutto family property.''<ref name="daughterdestiny"/>
*{{NDR|Sulla [[Partizione dell'India]]}} Tutti i moderni eufemismi – "campi di sterminio", "pulizia etnica" – potrebbero essere derivati dagli sfrenati spargimenti di sangue che irrigarono questo paesaggio piatto nel 1947 immediatamente dopo l'indipendenza. Interi carichi ferroviari di rifugiati, ed intere colonne di quanti fuggivano a piedi, vennero massacrate se sorprese nella zona "sbagliata". Molti incolpano ancora Lord Mountbatten, l'ultimo viceré inglese, per la sua abdicazione, per non aver preso provvedimenti per stroncare i fanatici indù o musulmani. E se ascolti i sopravvissuti essi discutono come se stessero parlando di ieri. Nessuno ha mai elaborato un conteggio esatto dei morti, e oserei predire che nessuno mai lo farà, ma un milione circa in pochissime settimane è probabilmente il minimo. Dall'altra parte di questa frontiera, c'è ancora una delle più venefiche ed instabili concentrazioni di violenza latente del mondo. Ogni aeroporto civile che ho visitato da Amritsar a Chandigarh era colmo di rifugi per aerei da guerra dal valore di miliardi di dollari. Ogni strada secondaria aveva un cartello di avvertimento contro l'imprudenza di fare fotografie e sulla presenza di installazioni militari. Il fatto che l'esercito indiano come il pakistano indossino uniformi e fregi di stile britannico e parlino di "mensa ufficiali", è considerato rassicurante da qualcuno perché di certo in queste forze armate baffute ed orientate verso la cavalleria deve essere rimasta qualche speranza di umorismo e di moderazione. Non però se si tiene presente che entrambi gli eserciti hanno testato armi nucleari, sono andati estremamente vicini ad impiegarle, sono divisi da casta e religione, hanno combattuto due guerre convenzionali e stanno ancora facendo le prove per la prossima, nel vicino Kashmir.
*Il livello d'intensità fluttua a seconda dei tempi e dei luoghi, ma è una verità incontestabile che la [[religione]] non si accontenta – e sul lungo periodo non può farlo – delle proprie straordinarie pretese e delle proprie sublimi certezze. Essa deve cercare di interferire con la vita dei non credenti, degli eretici o degli adepti delle altre fedi. Può parlare di beatitudine nell'altro mondo, ma vuole il potere in questo. E non c'è da aspettarsi altro. In fin dei conti è un prodotto esclusivamente umano. E non avendo fiducia in ciò che essa stessa predica non può consentire alla coesistenza delle altre fedi. (p. 16)
*{{NDR|Sull'[[Iraq]]}} È stata una dei massimi centri di sapere e di cultura nella storia umana. Fu qui che alcune delle opere andate perse di [[Aristotele]] e di altri greci («perse» perché le autorità cristiane ne avevano chiuso le scuole di filosofia nella convinzione che prima della predicazione di Gesù non potessero darsi valide riflessioni morali) vennero conservate, ritradotte e trasmesse, attraverso l'Andalusia, agli ignoranti «cristiani» occidentali. Dotti e biblioteche, poeti e architetti di Baghdad erano rinomati. Gran parte di questa fioritura fu raggiunta sotto i califfi musulmani, il cui atteggiamento in fatto di cultura ondeggiava tra liberalità e repressione. Baghdad presenta anche tracce dell'antico cristianesimo caldeo e nestoriano ed è stata uno dei principali centri della diaspora ebraica. Fino a poco prima del 1950, ospitava altrettanti ebrei di Gerusalemme. (p. 24)
*Non intendo qui sviluppare un discorso sul rovesciamento di [[Saddam Hussein]] dell'aprile 2003. Dirò solo che coloro che consideravano «laico» il suo regime si ingannavano. È vero che il [[Partito Ba'th|Baath]] fu fondato da un certo [[Michel Aflaq]], un cristiano ambiguo con simpatie per il fascismo, ed è anche vero che l'iscrizione a questo partito era aperta a tutti, senza distinzioni religiose (sebbene abbia ragione di pensare che le adesioni ebraiche fossero assai limitate). Tuttavia, almeno a partire dalla disastrosa [[Guerra Iran-Iraq|invasione dell'Iran]], nel 1979, che suscitò contro di lui da parte della teocrazia iraniana furibonde accuse di essere un «infedele», Saddam Hussein aveva riverniciato il suo regime - basato, comunque, su una minoranza tribale della minoranza sunnita - come devoto e consacrato al ''jihad''. (p. 25)
*L'atteggiamento della [[scienza e religione|religione]] verso la medicina, come verso la [[scienza e religione|scienza]], è sempre inevitabilmente problematico e molto spesso inevitabilmente ostile. Un credente moderno può dire ed anche credere che la sua fede è del tutto compatibile con la scienza e la medicina, ma il fatto imbarazzante sarà sempre che l'una o l'altra hanno la tendenza ad infrangere il monopolio della religione. (p. 45)
*Poiché la religione si è dimostrata straordinariamente criminale nell'unico campo in cui l'autorità morale ed etica dovrebbe essere considerata universale e assoluta, penso che abbiamo il diritto di trarre almeno tre conclusioni provvisorie. La prima è che la religione e le chiese sono artefatti umani. La seconda è che l'etica e la moralità sono del tutto indipendenti dalla fede, e non possono derivarne. La terza è che la religione – a causa della pretesa a una speciale dispensa divina per le sue pratiche e le sue credenze – è non solo amorale, ma immorale. (p. 51)
*La "fede" è da considerarsi una minaccia. Dovrebbe essere possibile per me continuare i miei studi e le mie ricerche, e per i buddisti girare la loro ruota. Ma il disprezzo per la ragione possiede la straordinaria peculiarità di non essere passivo. (p. 194)
*La Ginevra di [[Giovanni Calvino|Calvino]] fu il prototipo dello stato totalitario, e lo stesso Calvino era un sadico, un torturatore e un assassino che fece bruciare Serveto, grande pensatore e ricercatore dell'epoca. (p. 223)
*Lo stato [[Corea del Nord|nordcoreano]] nacque più o meno contemporaneamente alla pubblicazione di ''[[1984]]'', e si può quasi pensare che al sacro padre dello stato [[Kim Il-sung|Kim Il Sung]], fosse stata omaggiata una copia del romanzo e gli fosse stato chiesto se potesse metterlo in pratica. E tuttavia nemmeno [[George Orwell|Orwell]] osò immaginare che la nascita del «Grande Fratello» fosse accompagnata da portenti e segni miracolosi - come gli uccelli che salutano il glorioso evento cantando con parole umane. Né il Partito Interno o Pista Prima/Oceania spendono miliardi di preziosi dollari, in frangenti di tremenda carestia, per dimostrare che il ridicolo mammifero Kim Il Sung e il suo patetico cucciolo, [[Kim Jong-il|Kim Jong Il]], sono due diverse incarnazioni della stessa persona. (pp. 236-237)
*La connessione fra religione, razzismo e totalitarismo si può anche rivelare in un'altra fra le più odiose forme di regime dittatoriale del xx secolo: l'abietto sistema dell<nowiki>'</nowiki>''[[apartheid]]'' in Sud Africa. E non si trattava solo dell'ideologia di una tribù di lingua olandese decisa a estorcere lavoro forzato da uomini con un diverso colore di pelle, era anche una forma di calvinismo messo in pratica. La chiesa riformata olandese affermava come dogma biblico che a bianchi e neri fosse vietato mescolarsi, per non parlare di coesistere in termini di eguaglianza. Il razzismo è totalitario per definizione: segna le sue vittime in eterno e nega loro il diritto anche solo a uno straccio di dignità o di individualità, anche l'elementare diritto di fare l'amore, di sposari o di fare figli con una persona della tribù sbagliata, senza che l'amore sia annullato dalla legge... Questa era la vita di milioni di abitanti dell'«Occidente cristiano» fino ai nostri giorni. Il National Party al governo, che era anche pesantemente infettato di antisemitismo e aveva sostenuto i nazisti durante la seconda guerra mondiale, si appoggiò ai deliri dei pulpiti per avallare un proprio mito del sangue e dell'«esodo» che avrebbe conferito ai boeri il diritto al dominio esclusivo sulla «terra promessa». Il risultato fu una versione afrikaner del sionismo che creò uno stato retroguardo e dispotico, nel quale i diritti delle altre popolazioni vennero cancellati e nel quale alla fine la sopravvivenza degli stessi afrikaner fu minacciata dalla corruzione, dal caos e dalla brutalità; a quel punto gli ottusi notabili religiosi ebbero una rivelazione che permise il graduale abbandono dell'''apartheid''. Ciò però non potrà mai far perdonare il male commesso dalla religione finché si sentì forte a sufficienza. È merito di molti laici cristiani ed ebrei, e di molti atei e agnostici militanti dell'African National Congress, se la società sudafricana si salvò dalla completa barbarie e dall'implosione. (pp. 239-240)