Differenze tra le versioni di "Giorgio Gaber"

sistemo
(sistemo)
'''Giorgio Gaber''', nome d'arte di '''Giorgio Gaberščik''' (1939 – 2003), cantautore, attore, commediografo e regista teatrale italiano.
 
==Citazioni di Giorgio Gaber==
*Bolognesi! Ricordatevi: [[Sting]] è molto bravo, però tenetevi il vostro [[Francesco Guccini|Guccini]]. Uno che è riuscito a scrivere 13 strofe su una locomotiva, può scrivere davvero di tutto.<ref>Citato in ''Portavo allora un eskimo innocente'', a cura di Massimo Cotto, Giunti, 2007, p. 11.</ref>
 
==Citazioni tratte da canzoni==
===''Il Riccardo / Donna donna donna''===
*''Uuuuh, che noia qui al bar, che noia la sera, la sera vedersi qui al bar | Che noia qui al bar [...] Ma per fortuna che c'è il Riccardo | che da solo gioca a [[biliardo]] | non è di grande compagnia | ma è il più simpatico che ci sia''. (da ''Il Riccardo'', 1969)
'''Etichetta''': Vedette VVN 33165, 1969.
 
*''Uuuuh, che noia qui al bar, che noia la sera, la sera vedersi qui al bar | Che noia qui al bar [...] Ma per fortuna che c'è il Riccardo | che da solo gioca a [[biliardo]] | non è di grande compagnia | ma è il più simpatico che ci sia''. (da ''Il Riccardo'', 1969lato A)
 
===''Il signor G''===
 
===''Anche per oggi non si vola''===
'''Etichetta''': Carosello, 1974.
 
*''Mi son fatto tutto da me, | mi son fatto tutto da me, | mi son fatto tutto da me! ...| Mi son fatto tutto di merda.'' (da ''L'odore'', disco 1, lato B, n. 1)
*''C'è solo la [[strada]] su cui puoi contare | la strada è l'unica salvezza | c'è solo la voglia, il bisogno di uscire | di esporsi nella strada, nella piazza. | Perché il [[giudizio universale]] | non passa per le case | in casa non si sentono le trombe | in casa ti allontani dalla vita | dalla lotta, dal dolore, dalle bombe.'' (da ''C'è solo la strada'')
*''Anche per oggi non si vola.'' (da ''La leggerezza'', disco 2, lato A, n. 3)
*''Mi son fatto tutto da me, mi son fatto tutto da me, mi son fatto tutto da me! ...Mi son fatto tutto di merda.'' (da ''L'odore'')
*''C'è solo la [[strada]] su cui puoi contare | la strada è l'unica salvezza | c'è solo la voglia, il bisogno di uscire | di esporsi nella strada, nella piazza. | Perché il [[giudizio universale]] | non passa per le case | in casa non si sentono le trombe | in casa ti allontani dalla vita | dalla lotta, dal dolore, dalle bombe.'' (da ''C'è solo la strada'', disco 2, lato B, n. 2)
*''Anche per oggi non si vola.'' (da ''La leggerezza'')
 
===''Libertà obbligatoria''===
'''Etichetta''': Carosello, 1976.
 
*''Ho bisogno di un delirio | che sia ancora più forte, | ma abbia un senso di vita | e non di morte.'' (da ''Il delirio'', disco 1, n. 5)
*''La [[solitudine]] | non è mica una follia | è indispensabile | per star bene in compagnia.'' (da ''La solitudine'', disco 2, n. 1)
*''Non c'è popolo che sia più giusto degli americani. Anche se sono costretti a fare una guerra, per cause di forza maggiore, s'intende, non la fanno mica perché conviene a loro. Nooo! È perché ci sono ancora dei posti dove non c'è né giustizia, né libertà. E loro... Eccola lì... PUMpum! Te la portano. Sono portatori, gli americani. Sono portatori sani di democrazia. Nel senso che a loro non fa male, però te l'attaccano.'' (da ''L'America'', disco 2, n. 8)
*''Si può, siamo liberi come l'aria | si può, siamo noi che facciam la storia | si può, libertà, libertà, libertà | libertà obbligatoria.'' (da ''Si può'', disco 2, n. 9)
*''Non si può ancora morire | mentre ti agiti inerte. | Aggrappati all'ultima azione | che ancora puoi fare: | non devi fallire la morte''. (da ''Il cancro'', disco 2, n. 11)
 
===''Polli d'allevamento''===
'''Etichetta''': Carosello, 1978.
 
*''Chi non ha mai commesso l'errore di togliersi i pantaloni prima delle scarpe,... costui non sa niente dell'amore''. (da ''Prima dell'amore'', disco 1, n. 4)
*''Non[...] non si è mai abbastanza [[coraggio e viltà|coraggiosi]] | da diventare [[coraggio e viltà|vigliacchi]] definitivamente''. (da ''La paura'', disco 1, n. 6)
*''Chi non ha mai commesso l'errore di togliersi i pantaloni prima delle scarpe, costui non sa niente dell'amore''. (da ''Prima dell'amore'')
*''Riassumiamo: io avevo avuto l'[[orgasmo]]... ghinnn! Niente a che vedere con quelli che mi organizzo da solo, eh!, Mama un discreto orgasmo per essere in due''. (da ''Dopo l'amore'', disco 2, n. 3)
*''Bisogna essere prudenti quando ci si ammazza., se Sennòno si fannofan delle figure!'' dai. (da ''Il suicidio'', disco 2, n. 10)
*''C'è una fine per tutto... E non è detto che sia sempre la morte.'' (da ''Il suicidio'', disco 2, n. 10)
 
===''Anni Affollatiaffollati''===
'''Etichetta''': Carosello, 1981.
 
'''Etichetta''': GO Igest, 1984.
 
*''Il percorso normale della [[conoscenza]] | è come non lo usassimo più. | Il percorso del pensiero | che ogni giorno diventa più avaro.'' (da ''Occhio, cuore, cervello'', n. 5)
 
===''Il grigio''===
===''Gaber 1999/2000''===
'''Etichetta''': –, 2000
*''Ma io ti voglio dire che non è mai finita che tutto quel che accade fa parte della vita.'' (da "''Verso il terzo millennio"'')
 
===''La mia generazione ha perso''===
 
==Bibliografia==
*Guido Harari (a cura di), ''Quando parla Gaber. {{Pedia|Pensieri e provocazioni per l'Italia di oggi}}'', a cura di Guido Harari, Chiarelettere, 2011. ISBN 9788861901841978-88-6190-184-1
 
==Altri progetti==
{{interprogetto}}
===Opere===
{{Pedia|Il signor G||(1970)}}
{{Pedia|I borghesi||(1971)}}
{{Pedia|Far finta di essere sani||(1973)}}
{{Pedia|Anche per oggi non si vola||(1974)}}
{{Pedia|Libertà obbligatoria|(1976)}}
{{Pedia|Polli d'allevamento||(1978)}}
{{Pedia|Anni affollati||(1981)}}
{{Pedia|Gaber (album)|''Gaber''|(1984)}}
 
{{DEFAULTSORT:Gaber, Giorgio}}