Differenze tra le versioni di "Papa Pio XII"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  3 anni fa
ortografia
m (→‎Altri progetti: +cat papi using AWB)
(ortografia)
*L'[[Italia]], ideata e voluta da Dio come terra in cui ha sede il centro della sua Chiesa, fu oggetto, come di un suo speciale amore, così di una sua specialissima azione. Nessun popolo ha, come il popolo italiano, i suoi destini congiunti con l'opera di Cristo. (da [http://www.vatican.va/holy_father/pius_xii/speeches/1958/documents/hf_p-xii_spe_19580323_marchigiani_it.html Discorso ai marchigiani residenti a Roma], Basilica Vaticana, 23 marzo 1958)
*La bella [[musica]] è un linguaggio universale che parla direttamente da [[cuore]] a cuore, oltre i muri, oltre i confini delle nazioni. (citato in [[Salvino Chiereghin]], ''La musica, divina armonia'', SEI, Torino 1953.)
*La natura ha dato, è vero, il desiderio istintivo del godimento e lo approva nelle legittime nozze, ma non come fine a se stesso, bensì insomma per il servizio della vita. (da ''Discorso al Congresso Unione Cattolica Italiana OstreticheOstetriche'' del 1951)
*Ma la giovinezza immortale della [[Chiesa]] si manifesta — oh cosa mirabile ! — specialmente nel dolore. Essa è «Sposa di sangue» (cfr. Exod. 4, 25). Nel sangue sono i suoi figli, i suoi ministri, calunniati, imprigionati, uccisi, sgozzati. Chi avrebbe creduto mai possibile, in questo secolo ventesimo — dopo tanti progressi di civiltà, dopo tante affermazioni di libertà —, tante oppressioni, tante persecuzioni, tante violenze? Ma la Chiesa non teme. Essa vuole essere Sposa di sangue e di dolore, per ritrarre in sé l'immagine del suo Sposo divino, per soffrire, per combattere, per trionfare con Lui. (da [http://www.vatican.va/holy_father/pius_xii/speeches/1947/documents/hf_p-xii_spe_19470907_uomini-azione-cattolica_it.html ''Agli uomini di Azione Cattolica''], 7 settembre 1947)
*Non è esagerato affermare che il [[futuro]] della società moderna e la stabilità della sua [[vita]] interiore dipendono in gran parte dal mantenimento di un equilibrio tra la [[forza]] delle tecniche di comunicazione e la capacità di reazione dell'individuo. (dal discorso del 17 febbraio 1950)
1 549

contributi