Differenze tra le versioni di "Nur Mohammad Taraki"

m
nessun oggetto della modifica
(Creata pagina con "thumb|Taraki nel 1970 '''Nur Mohammad Taraki''' (1913 – 1979), politico afghano. ==Citazioni di Nur Mohammad Taraki== *Qui non è rimasto p...")
 
m
 
==Citazioni di Nur Mohammad Taraki==
{{cronologico}}
*Qui non è rimasto più nulla da nazionalizzare. (da una dichiarazione nel 9 giugno 1978)
:''There is nothing left here to be nationalized.''<ref>{{en}} Citato in J. Bruce Amstutz, ''Afghanistan : the first five years of soviet occupation'', National Defence University, 1986.</ref>
*Vogliamo creare una società in cui i nostri operai e i nostri agricoltori possano permettersi di comparire in abiti eleganti e godere una buona vita (una vita felice) e di buona salute; vogliamo questo tipo di società. (da un discorso nel 1º agosto 1978)
:''We want to create a society in which our workers and farmers can afford to appear in handsome attire and enjoy a good life and health; we want this kind of society.''<ref name="1agosto1978">{{en}} Citato in [http://www.larouchepub.com/eiw/public/1978/eirv05n35-19780912/eirv05n35-19780912_061-who_are_afghanistans_new_leaders.pdf ''Who Are Afghanistan/s New Leaders?''], '' EIR News Service Inc'', 17 dicembre 1978.</ref>
*Il riconoscimento dell'indipendenza dell'Afghanistan da parte di un grande stato rivoluzionario, l'Unione Sovietica, che fu ispirato dall'amicizia e dalla disponibilità a dare sostegno, resterà per sempre impressa nella nostra memoria come un gesto politico estremamente importante e prezioso che ha posto le basi per l'amicizia e la cooperazione tra i nostri due paesi, due buoni vicini. (da un discorso nel 5 dicembre 1978 durante un soggiorno nell'Unione Sovietica)
:''The recognition of Afghanistan's independence by a great revolutionary state, the Soviet Union, which was inspired by friendship and readiness to give support, will for ever be engraved in our memory as an exceedingly important and valuable political act that laid the groundwork for friendship and co-operation between our two countries, two good neighbours.''<ref name="5dicembre1978">{{en}} Citato in B. Szajkowski, ''Documents in Communist Affairs'', Springer, 1981,. ISBN 1349057274.</ref>
*Nel breve arco di sette mesi, il Governo della Repubblica Democratica dell'Afghanistan ha avviato la realizzazione di vasti e fondamentali cambiamenti negli ambiti politici, economici, ideologici, culturali, scientifici, tecnologici e sociali allo scopo di migliorare la vita del popolo e le condizioni per il suo sviluppo spirituale. (da un discorso nel 5 dicembre 1978 durante un soggiorno nell'Unione Sovietica)
:''In the brief span of seven months, the Government of the Democratic Republic of Afghanistan has set out to effect vast and fundamental changes in the political, economic, ideological, cultural, scientific, technological and social spheres in order to improve the people's life and the conditions for their spiritual development.''<ref name=5dicembre1978/>
:''The DRA declares for settling international conflicts by peaceful means, without using force. It resolutely supports international détente, including military détente, and favours its promotion and its extension to every part of the globe, because it considers that this process must not be restricted to one continent or region.''<ref name=5dicembre1978/>
*I contadini sono gente simpatica. Non nutrono rancore nei loro cuori. L'unico difetto che hanno è che sono analfabeti. (da una dichiarazione nel 13 marzo 1979)
:''Peasants are a nice lot. They don't nourish ill-feelings in their hearts. The only drawback they have is that they are illiterate.''<ref name="beverleymale">{{en}} Citato in Beverley Male, ''Revolutionary Afghanistan'', Palgrave Macmillan, 1982,. ISBN 0312679971.</ref>
*Mi congratulo con i miei connazionali, con i valorosi soldati, con i miei fratelli Pashtun e Beluci e con i lavoratori dell'Asia, dell'Africa, dell'Europa e dell'America nel primo anniversario della rivoluzione di Saur. La Rivoluzione di Saur non è limitata ai lavoratori e ai soldati dell'Afghanistan. È la rivoluzione dei lavoratori e delle masse oppresse di tutto il mondo. Questa rivoluzione, che è stata realizzata da militari armati sotto la direzione del Partito Democratico Popolare dell'Afghanistan, è un enorme successo e una vittoria per i lavoratori di tutto il mondo. La grande Rivoluzione d'Ottobre del 1917 scosse il mondo intero. Quella rivoluzione è un punto di riferimento e d'ispirazione per la nostra rivoluzione, che ancora una volta ha incominciato a far tremare il pianeta. (da un discorso in occasione del primo anniversario della rivoluzione di Saur, 27 aprile 1979)
:''I congratulate my fellow countrymen, gallant soldiers, my Pashtoon and Baluch brothers and the workers of Asia, Africa, Europe and America on the first birthday of Saur Revolution. The Saur Revolution is not limited to the workers and soldiers of Afghanistan. It is the revolution of the workers and oppressed masses of whole world. This revolution, which was carried out by armed soldiers under the leadership of Khalq Party, is a great success and a victory for the workers all over the world. The great October Revolution of 1917 shook the whole world. That revolution is a source of guidance and inspiration for our revolution, which once again has begun to shake the planet.''<ref>{{en}} Citato in [https://www.marxist.com/36-anniversary-of-the-saur-revolution.htm ''Afghanistan's Saur Revolution: The revolution obliterated from history''], ''Marxist.com'', 28 aprile 2014.</ref>
*Avevo notato da tempo che [[Hafizullah Amin|Amin]] ha la tendenza a concentrare potere nelle sue mani, ma non attribuivo particolare importanza a questo. Recentemente, però, questa tendenza è diventata pericolosa. (da una dichiarazione del 14 settembre 1979)
:''I noticed long ago that Amin has the tendency to concentrate power in his own hands but I did not attach any particular significance to this. However, recently this tendency has become dangerous.''<ref>{{en}} Citato in ''Afgantsy: The Russians in Afghanistan 1979-89'', Oxford University Press, 2013, p. 65,. ISBN 0199322481</ref>
 
==Note==