Differenze tra le versioni di "Ruhollah Khomeyni"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  3 anni fa
sistemo
m (sistemo)
(sistemo)
 
==Citazioni di Ruhollah Khomeyni==
*{{NDR|Sulla [[guerra Iran-Iraq]]}} La nostra non è una guerra contro le superpotenze dell'Est o dell'Ovest, la nostra non è solo una guerra della nostra ideologia contro tutte le tirannidi. È la guerra dell'Islam contro le disuguaglianze del mondo, contro l'arroganza internazionale.<ref>Citato in [http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/07/08/funerali-di-teheran-colpire-al-cuore.html?ref=search ''I funerali di Teheran. "Colpire al cuori gli Usa"''], ''la Repubblica'', 8 luglio 1988.</ref>
*L'Iran continuerà a combattere l'influenza degli Stati Uniti nella regione e a chiedere che le marine straniere sgomberino le acque del golfo.<ref>Citato in [http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/07/21/khomeini-spiega-perche-ha-ceduto-per-me.html?ref=search ''Khomeini spiega perché ha ceduto. 'Per me è stato come bere veleno''], ''La Repubblica'', 21 luglio 1988.</ref>
*Ovviamente è possibile che, a causa dei metodi sbagliati e dell'operato dei precedenti uomini di governo comunisti in campo economico, si affacci l'immagine del verde giardino del mondo occidentale. La verità è tuttavia altrove. Se in questa circostanza si limiterà a un mero sciogliere i nodi gordiani dell'economia comunista e socialista ricorrendo alle regole del capitalismo occidentale, non solo non curerà i mali della Sua società, ma sarà altresì necessario che altri venga a porre rimedio ai Suoi errori. Oggi infatti, se per quanto riguarda i metodi economici e sociali il marxismo è giunto a un vicolo cieco, anche il mondo occidentale si trova in difficoltà di fronte a questi stessi problemi, sebbene in forme diverse, oltre a dover fronteggiare altre difficoltà. (da una lettera inviata a [[Michail Gorbačëv]] nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov>Riportata in [http://www.diruz.it/la-lettera-di-khomeini-a-gorbaciov/ ''La lettera di Khomeini a Gorbaciov''], ''Diruz.it'',
3 luglio 2012.</ref>)
*La difficoltà principale del Suo Paese non è costituita dal problema della proprietà, dell'economia e della libertà. Il vostro problema è l'assenza di una vera credenza in Dio, lo stesso problema che ha trascinato o trascinerà l'Occidente in un vicolo cieco, nel nulla. Il vostro problema principale è la lunga lotta contro Dio, contro la Fonte dell'esistenza e della creazione. (da una lettera inviata a Michail Gorbačëv nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov/>)
*Egregio Signor Gorbaciov, è chiaro a tutti che d'ora in poi bisognerà cercare il comunismo nei musei della storia politica del mondo. Il marxismo, infatti, non rappresenta una risposta a nessunissimo reale bisogno dell'uomo. Si tratta di una dottrina materialistica e col materialismo non si può certo far uscire l'umanità dalla crisi provocata proprio dalla non credenza nello spirito. È questo il male principale della società umana, all'Est come all'Ovest. (da una lettera inviata a Michail Gorbačëv nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov/>)
*L'uomo, per sua natura, anela a ogni perfezione in modo assoluto. (da una lettera inviata a Michail Gorbačëv nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov/>)
*Le chiedo di compiere un serio e approfondito studio dell'Islam, e questo, non perché l'Islam e i musulmani abbiano bisogno di Lei, ma per i valori superiori e universali di questa religione. Tali valori possono essere strumento di liberazione e di benessere di tutti i popoli, possono aiutare a sciogliere i nodi e le difficoltà fondamentali dell'umanità. Una seria riflessione sull'Islam potrebbe liberarLa per sempre dal problema dell'Afghanistan e da difficoltà di questo genere esistenti nel mondo. Noi consideriamo i musulmani di tutta la terra alla stessa stregua dei musulmani del nostro Paese e ci consideriamo partecipi del loro destino. (da una lettera inviata a Michail Gorbačëv nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov/>)
*Con la parziale libertà di culto concessa in alcune Repubbliche Sovietiche Lei ha dimostrato di non pensare più che la religione è l'oppio della società. A proposito, la religione che, di fronte alle superpotenze, ha reso l'Iran saldo come una roccia è forse l'oppio della società? La religione che vuole l'attuazione della giustizia nel mondo, che vuole liberare gli uomini dalle pastoie materiali e psichiche, è forse l'oppio della società? Sì, una religione che si faccia strumento attraverso cui porre a disposizione delle potenze, grandi o piccole, le risorse materiali e spirituali dei Paesi Islamici e non, una fede che gridi alla gente che la religione deve essere separata dalla politica, è sì l'oppio della società. Ma questa non è la vera religione, ma una religione che il nostro popolo chiama americana.<br>Concludendo, dichiaro chiaramente che la Repubblica Islamica dell'Iran, che è il bastione più saldo dell'Islam nel mondo, può facilmente riempire il vuoto ideologico del vostro sistema. (da una lettera inviata a Michail Gorbačëv nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov/>)
*Affermiamo che le scuole miste sono un ostacolo per una vita piena; sono un affronto materiale e morale al paese e contrarie alla volontà divina. Affermiamo che la musica genera immoralità, lussuria e licenziosità, e che soffoca il coraggio, il valore e lo spirito cavalleresco; è proibita dalla legge coranica e non deve essere insegnata nelle scuole. Radio Tehran, trasmettendo musica occidentale, orientale e iraniana, riveste un ruolo nefasto instillando immoralità e licenziosità nelle famiglie rispettabili.<ref name=quaderni>Da ''I quaderni dell'ayatollah: selezione delle fatawah e dei detti di Ayatollah Mosavi Khomeini'', traduzione italiana a cura della KU.FR Incorporation, 2011</ref>
*Ai ragazzi e alle ragazze giovani, nel pieno dell'effervescenza sessuale, viene negato di sposarsi prima della maggiore età. Questo va contro la volontà delle leggi divine. Perché mai il matrimonio tra ragazzi e ragazze pubescenti dovrebbe essere proibito in base alla minore età, mentre è concesso loro di ascoltare la radio e musica sessualmente eccitante?<ref name=quaderni/>
*Al figlio che scelse l'infedeltà di essere non musulmano sarà chiesto di pentirsi (e tornare all'Islam), altrimenti sarà messo a morte.<ref name=fog>Citato in ''[http://www.ilfoglio.it/zakor/119 The best of imam Khomeini]'', ''Il foglio.it'', 25 giugno 2009.</ref>
*Chi dovesse addormentarsi nel corso della preghiera dovrà ripeterla se si rende conto di essersi assopito durante di essa; ma se non ne fosse certo la preghiera resterebbe valida. Tossire, ruttare fragorosamente o singhiozzare non invalidano la preghiera. D'altro canto, la preghiera è invalida se si pronunciano interiezioni di due o più lettere.<ref name=quaderni/>
*Con la parziale libertà di culto concessa in alcune Repubbliche Sovietiche Lei ha dimostrato di non pensare più che la religione è l'oppio della società. A proposito, la religione che, di fronte alle superpotenze, ha reso l'Iran saldo come una roccia è forse l'oppio della società? La religione che vuole l'attuazione della giustizia nel mondo, che vuole liberare gli uomini dalle pastoie materiali e psichiche, è forse l'oppio della società? Sì, una religione che si faccia strumento attraverso cui porre a disposizione delle potenze, grandi o piccole, le risorse materiali e spirituali dei Paesi Islamici e non, una fede che gridi alla gente che la religione deve essere separata dalla politica, è sì l'oppio della società. Ma questa non è la vera religione, ma una religione che il nostro popolo chiama americana.<br>Concludendo, dichiaro chiaramente che la Repubblica Islamica dell'Iran, che è il bastione più saldo dell'Islam nel mondo, può facilmente riempire il vuoto ideologico del vostro sistema. (da una lettera inviata a Michail Gorbačëv nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov/>)
*Dopo l'urinazione, si deve lavare prima l'ano se è stato sporcato dall'urina; poi si deve premere tre volte con il dito medio della mano sinistra la parte tra l'ano e la radice del pene; dopodiché si deve impugnare il pene tra il pollice (ponendolo al di sopra di esso) e l'indice (ponendolo al di sotto) e tirarne la pelle in avanti tre volte fino all'anello di circoncisione; dopodiché spremere tre volte la punta del pene.<ref name=quaderni/>
*È proibito consumare gli escrementi degli animali o le loro secrezioni nasali. Ma se questi sono mischiati in piccola proporzione con altri cibi la loro consumazione non è proibita.<ref name=quaderni/>
*È proibito urinare e defecare in quattro luoghi: (1) vicoli ciechi, eccetto avendo il permesso di coloro che vi vivono; (2) la proprietà di una persona che non ha dato il permesso di farlo; (3) luoghi di culto, quali le medersas [scuole Arabe]; (4) le tombe di credenti, a meno che lo non si faccia per insultarli.<ref name=quaderni/>
*Egregio Signor Gorbaciov, è chiaro a tutti che d'ora in poi bisognerà cercare il comunismo nei musei della storia politica del mondo. Il marxismo, infatti, non rappresenta una risposta a nessunissimo reale bisogno dell'uomo. Si tratta di una dottrina materialistica e col materialismo non si può certo far uscire l'umanità dalla crisi provocata proprio dalla non credenza nello spirito. È questo il male principale della società umana, all'Est come all'Ovest. (da una lettera inviata a Michail Gorbačëv nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov/>)
*Gli [[ebrei]] e i loro sostenitori stranieri sono contrari ai fondamenti stessi dell'Islām e desiderano stabilire il dominio ebraico in tutto il mondo.<ref name=fog/>
:[...] ''the Jews and their foreign backers are opposed to the very foundations of Islam and wish to establish Jewish domination throughout the world.'' (da ''Islamic Government'', p. 79)
*Jihad significa conquistare tutti i territori non islamici. Simili guerre possono essere legittimamente dichiarate una volta instaurato un governo islamico degno del proprio nome, tramite la guida dell'Imam o per suo ordine. Sarà allora dovere di ogni maschio adulto e sano unirsi spontaneamente a questa guerra conquistatrice, il cui fine ultimo è instaurare al potere la legge coranica da un capo all'altro della Terra. Ma il mondo intero dovrebbe comprendere che la supremazia universale dell'Islam si distingue considerevolmente dall'egemonia di altri conquistatori. È quindi necessario creare prima un governo islamico affidato all'autorità dell'Imam così che questi possa intraprendere tale conquista, che si distinguerà da tutte le altre guerre conquistatrici, che sono ingiuste e tiranniche e disdegnano i princìpi morali e civilizzatori dell'Islam.<ref name=quaderni/>
*L'Europa [l'Occidente] non è altro che un accorpamento di dittatori e inique; tutta l'Umanità deve percuotere questi seminatori di zizzania con un pugno di ferro, se desidera riconquistare la propria tranquillità. Se la civilizzazione islamica avesse governato l'Occidente, non ci ritroveremmo a confrontarci con simili eventi barbarici, indegni persino delle bestie selvatiche.<ref name=quaderni/>
*L'Iran continuerà a combattere l'influenza degli Stati Uniti nella regione e a chiedere che le marine straniere sgomberino le acque del golfo.<ref>Citato in [http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/07/21/khomeini-spiega-perche-ha-ceduto-per-me.html?ref=search ''Khomeini spiega perché ha ceduto. 'Per me è stato come bere veleno''], ''Lala Repubblica'', 21 luglio 1988.</ref>
*L'Islam è la religione di coloro che lottano per la verità e la giustizia, di coloro che proclamano la libertà e l'indipendenza. È la scuola di coloro che combattono il colonialismo.</br>I Musulmani che desiderano ristabilire l'equilibrio politico della società, e obbligare quelli al potere a adattarsi alle leggi e princìpi dell'Islam, non hanno alternative all'infuori della Jihad armata contro i governi profani.<ref name=quaderni/>
*L'Islam ha precetti per ogni cosa che riguardi l'uomo e la società. Questi precetti vengono dall'Onnipotente e sono trasmessi all'uomo tramite il Suo Profeta e Messaggero. C'è da sorprendersi di fronte alla maestosità di questi comandamenti, i quali ricoprono ogni aspetto della vita, dal concepimento alla tomba! Non vi è argomento sul quale l'Islam non abbia espresso un giudizio.<ref name=quaderni/>
*L'Islam: tramite la conversione all'Islam, il corpo, la saliva, le secrezioni nasali e il sudore di un uomo o una donna non musulmani diventano automaticamente puri. Quanto ai loro abiti, se sono stati in contatto con il sudore del loro corpo prima dell'avvenuta conversione, restano impuri.<ref name=quaderni/>
*L'orifizio urinario può essere pulito solo con acqua, ed è sufficiente lavarlo una volta sola dopo l'urinazione. Ma coloro la cui urina fuoriesce attraverso qualche altro orifizio farebbero meglio a lavare quell'orifizio almeno due volte. Questo vale anche per le donne. Non è necessario nettarsi lo sfintere con tre pietre o con tre pezzi di stoffa: una singola pietra o un singolo pezzo di stoffa sono sufficienti. Ma se uno si pulisce con un osso, o con qualunque oggetto sacro —per esempio un pezzo di carta che reca il nome di Allah — non può dire le sue preghiere finché è in questo stato.<ref name=quaderni/>
*L'uomo, per sua natura, anela a ogni perfezione in modo assoluto. (da una lettera inviata a Michail Gorbačëv nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov/>)
*La carne di cavallo, mulo, o scimmia non è raccomandata. È assolutamente proibita se l'animale è stato sodomizzato vivo da un uomo. In quel caso, l'animale deve essere condotto fuori città e venduto.<ref name=quaderni/>
*La difficoltà principale del Suo Paese non è costituita dal problema della proprietà, dell'economia e della libertà. Il vostro problema è l'assenza di una vera credenza in Dio, lo stesso problema che ha trascinato o trascinerà l'Occidente in un vicolo cieco, nel nulla. Il vostro problema principale è la lunga lotta contro Dio, contro la Fonte dell'esistenza e della creazione. (da una lettera inviata a Michail Gorbačëv nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov/>)
*La fede e la giustizia islamica esigono che all'interno del mondo musulmano non si consenta la sopravvivenza di governi anti-islamici. L'instaurazione di un potere laico pubblico equivale all'opposizione attiva al progresso dell'ordine islamico. Qualsiasi potere non religioso, in qualsiasi veste e forma, è necessariamente un potere ateistico, lo strumento di Satana; rientra nei nostri doveri intralciarlo e combatterne gli effetti.</br>Per conseguire questo fine, l'unico mezzo che abbiamo è il rovesciamento di tutti i governi che non si fondano sui puri princìpi islamici, e che sono perciò sistemi amministrativi traditori, marci,iniqui e tirannici che ledono tali princìpi.<ref name=quaderni/>
*La giustizia islamica si basa sulla semplicità e sulla facilità. Appiana tutti le rimostranze penali e civili nella maniera più conveniente,elementare e spedita possibile. Tutto ciò che richiede è che un giudice islamico, munito di calamo, inchiostro e due o tre esecutori, si rechi al villaggio, giunga al suo verdetto su qualsiasi tipo di caso, e che lo renda immediatamente esecutivo. Guardate all'attuale costo, in termini di tempo e denaro, nella società occidentale, con tutte quelle procedure giuridiche che permeano ogni processo in nome di principi alieni all'Islam!<ref name=quaderni/>
*{{NDR|Sulla [[guerra Iran-Iraq]]}} La nostra non è una guerra contro le superpotenze dell'Est o dell'Ovest, la nostra non è solo una guerra della nostra ideologia contro tutte le tirannidi. È la guerra dell'Islam contro le disuguaglianze del mondo, contro l'arroganza internazionale.<ref>Citato in [http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/07/08/funerali-di-teheran-colpire-al-cuore.html?ref=search ''I funerali di Teheran. "Colpire al cuori gli Usa"''], ''la Repubblica'', 8 luglio 1988.</ref>
*La persona che governa la comunità islamica deve sempre avere a cuore i suoi interessi e non i propri. Per questo l'Islam ha condannato a morte così tante persone: per salvaguardare gli interessi della comunità islamica. L'Islam ha annientato molte tribù poiché erano fonte di corruzione e deleterie per il benessere dei musulmani.<ref name=quaderni/>
*La radio e la televisione sono permesse se vengono impiegate per la diffusione di notizie o sermoni, per la divulgazione di buon materiale educativo, per pubblicizzare i prodotti e le curiosità del pianeta; ma dovranno proibire il canto, la musica, le leggi anti-islamiche, l'elogio dei tiranni, parole mendaci, e trasmissioni che disseminino il dubbio e incrinino la virtù.<ref name=quaderni/>
*Le chiedo di compiere un serio e approfondito studio dell'Islam, e questo, non perché l'Islam e i musulmani abbiano bisogno di Lei, ma per i valori superiori e universali di questa religione. Tali valori possono essere strumento di liberazione e di benessere di tutti i popoli, possono aiutare a sciogliere i nodi e le difficoltà fondamentali dell'umanità. Una seria riflessione sull'Islam potrebbe liberarLa per sempre dal problema dell'Afghanistan e da difficoltà di questo genere esistenti nel mondo. Noi consideriamo i musulmani di tutta la terra alla stessa stregua dei musulmani del nostro Paese e ci consideriamo partecipi del loro destino. (da una lettera inviata a Michail Gorbačëv nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov/>)
*Le donne del lignaggio del Profeta dell'Islam entrano in menopausa a sessant'anni; le altre, una volta superati i cinquanta.<ref name=quaderni/>
*Le immense difficoltà che avete affrontato ci hanno portato ad un passo dalla vittoria. Avete cacciato lo scià, che ha rovinato il paese e venduto l'esercito allo straniero. La nostra vittoria finale sarà assicurata il giorno in cui avremo spezzato tutte le dominazioni straniere che cercano di salvare la monarchia: costoro devono sapere che il passato non può tornare e che i loro tentativi saranno vani.<ref name=10anni>Discorso pronunciato il 1º febbraio 1979; citato in ''Khomeini, dieci anni di teocrazia'', ''la Repubblica'', 1º febbraio 1989.</ref>
*Nel defecare o urinare, ci si deve accovacciare in maniera tale da non rivolgersi verso [[La Mecca]] né darle le spalle. Non è sufficiente voltare altrove i propri genitali mentre si è rivolti o si danno le spalle a La Mecca; inoltre le proprie parti intime non devono mai essere esposte né quando si è rivolti verso La Mecca né quando le si danno le spalle.<ref name=quaderni/>
*Ogni parte del corpo di un non Musulmano è impura, anche i peli della sua mano, i capelli, le unghie, e tutte le secrezioni del corpo. Ogni uomo o donna che neghi l'esistenza di Allah, o creda in Suoi compagni [la Trinità Cristiana], o che non creda nel Suo Profeta Maometto, è impuro (allo stesso modo in cui lo sono gli escrementi, l'urina, il cane e il vino). È altrettanto impuro chiunque dubiti di uno qualsiasi di questi principi.<ref name=quaderni/>
*Ovviamente è possibile che, a causa dei metodi sbagliati e dell'operato dei precedenti uomini di governo comunisti in campo economico, si affacci l'immagine del verde giardino del mondo occidentale. La verità è tuttavia altrove. Se in questa circostanza si limiterà a un mero sciogliere i nodi gordiani dell'economia comunista e socialista ricorrendo alle regole del capitalismo occidentale, non solo non curerà i mali della Sua società, ma sarà altresì necessario che altri venga a porre rimedio ai Suoi errori. Oggi infatti, se per quanto riguarda i metodi economici e sociali il marxismo è giunto a un vicolo cieco, anche il mondo occidentale si trova in difficoltà di fronte a questi stessi problemi, sebbene in forme diverse, oltre a dover fronteggiare altre difficoltà. (da una lettera inviata a [[Michail Gorbačëv]] nel gennaio 1989<ref name=letteragorbaciov>Riportata in [http://www.diruz.it/la-lettera-di-khomeini-a-gorbaciov/ ''La lettera di Khomeini a Gorbaciov''], ''Diruz.it'',
3 luglio 2012.</ref>)
*Qualsiasi commercio in oggetti d'[[intrattenimento]], come gli strumenti musicali, per quanto piccolo possa essere, è assolutamente illegale.<ref name=quaderni/>
*Questi sono sei principi da osservare bevendo acqua: (1) risucchiarla dabbasso piuttosto che ingoiarla dall'alto; (2) bere eretti invocando i nome di Allah prima e dopo aver bevuto; (3) bere in tre passaggi; (4) bere di propria iniziativa; (5) ricordare il martirio di Hazrath Abu Abdullah e la sua famiglia e (6) maledire i loro assassini dopo aver bevuto.<ref name=quaderni/>