Differenze tra le versioni di "Nikolaj Ivanovič Ežov"

interessante, ma per una voce così breve per ora basta una sola foto
(autore della citazione)
(interessante, ma per una voce così breve per ora basta una sola foto)
[[File:Voroshilov, Molotov, Stalin, with Nikolai Yezhov.jpg|thumb|Ežov, ultimo a destra, a fianco di [[Stalin]]]]
[[File:The Commissar Vanishes 2.jpg|thumb|La stessa foto, ritoccata, dopo la sua condanna]]
'''Nikolaj Ivanovič Ežov''' (1895 – 1940), politico e militare sovietico, capo dell'NKVD.
 
==Citazioni su Nikolaj Ivanovič Ežov==
*Nel 1936 al posto di [[Genrich Grigor'evič Jagoda|Jagoda]] come primo capo dell'NKVD<ref>''Narodnyj komissariat vnutrennich del'', Commissariato del popolo per gli affari interni.</ref>, c'era Ežov, il «nano sanguinario». Era alto poco più di un metro e mezzo, stava nel Partito dal 1917. Aveva denunciato il suo predecessore come ex spia della polizia zarista, ladro e malversatore. [...] Quando arrivò a Kiev, nel 1938, fece fucilare secondo le ultime rivelazioni 30.000 persone. Un bel numero. E quando venne arrestato, nel tentativo di difendersi, denunciò tutti.<br> Ma nessun boia, nella storia russa, si salva dal destino delle sue vittime; Ežov venne ucciso, nel manicomio criminale dove lo avevano relegato per il suo squilibrio mentale, con un colpo di pistola e lo trovarono impiccato a un albero con un cartello scritto da diverse mani: «Io sono una merda». ([[Enzo Biagi]])
 
==Note==