Differenze tra le versioni di "Umberto Terracini"

m
*L'Assemblea ha pensato e redatto la [[Costituzione della Repubblica Italiana|Costituzione]] come un patto di amicizia e fraternità di tutto il popolo italiano, cui essa la affida perché se ne faccia custode severo e disciplinato realizzatore.<ref>Da ''Come nacque la Costituzione'', Editori Riuniti, Roma, 1997.</ref>
*La formazione delle leggi resta sempre, e resterà in ogni società nazionale comunque organizzata, il momento supremo e decisivo della comune sorte progressiva del popolo.<ref name=discorso>Dal Discorso di insediamento alla Presidenza dell'Assemblea Costituente della Repubblica Italiana, 8 febbraio 1947; disponibile su ''[http://storia.camera.it/presidenti/terracini-umberto/assemblea-costituente-1/discorso:0#nav Camera.it]''.</ref>
*{{NDR|Sulle prime formazioni fasciste a [[Torino]]}} Le prime squadre furono costituite su base mercenaria, arruolando gli spostati che vivevano ai margini della città operosa.<ref>[Citato in ''[http://www.archiviolastampa.it/component/option,com_lastampa/task,search/mod,libera/action,viewer/Itemid,3/page,2/articleid,0073_01_1960_0095_0002_16575594/ Una grande folla gremisce l'Alfieri per la lezione sull'avvento del fascismo]'', ''La Stampa'', 20 aprile 1960</ref>
*{{NDR|Sul trattato di pace di Parigi}} Onorevoli colleghi, una ne è stata foggiata di queste leggi, che voi dovrete esaminare nei prossimi tempi: legge d'imperio e perciò stesso legge iniqua. Nessun italiano vi ha posto mano, e perciò suona a beffa il titolo di trattato del quale si orna. Essa non corrisponde ai diritti sacri che vennero proclamati come nuova Carta del mondo liberato dai fascismi; e per ciò manca di fondamento giuridico. Essa misconosce i sacrifici immani non ancora conclusi, che il popolo italiano incontrò per rovesciare la tirannide fascista, e, volontario, per la comune salvezza dei popoli; e per cio è ingiusta. Ma se essa intende umiliarci e deprimere in noi la capacità di ristimolare, centuplicandole, le nostre energie e la fermezza dei propositi tesi a rifare del nome italico un segnacolo di gloriose conquiste nel campo della pace feconda e laboriosa; qui essa perderà ogni vigore. Poiché non vi è arbitrio di forze collegate che abbia imperio su spiriti riconsacratisi, per olocausto di popolo, a libertà.<ref name=discorso/>
 
6 861

contributi