Differenze tra le versioni di "Pellegrino Artusi"

m
nessun oggetto della modifica
(+3, sistemo)
m
*Due sono le funzioni principali della [[vita]]: la nutrizione e la propagazione della specie. (''[[:s:Scienza in cucina e l'arte di mangiar bene/L'autore a chi legge|L'autore a chi legge]]'')
*Il mondo ipocrita non vuoi dare importanza al [[mangiare]]; ma poi non si fa festa, civile o religiosa, che non si distenda la tovaglia e non si cerchi di pappare del meglio. (''[[:s:Scienza in cucina e l'arte di mangiar bene/Frustata|Frustata]]'')
*Una volta si diceva che la [[minestra]] era la biada dell'uomo. (''[[s:Scienza in cucina e l'arte di mangiar bene/Minestre|Minestre]]'')
*Il troppo salato è il peggior difetto delle vivande. ([[:s:Scienza in cucina e l'arte di mangiar bene/Umidi/255. Fricandò|Umidi; 255, ''Fricandò'']])
*La gran questione dei Bianchi e dei Neri che fece seguito a quella dei Guelfi e dei Ghibellini e che desolò per tanto tempo l'Italia, minaccia di riaccendersi a proposito dei tartufi, ma consolatevi, lettori miei, che questa volta non ci sarà spargimento di sangue; i partigiani dei bianchi e dei neri, di cui ora si tratta, sono di natura molto più benevola di quei feroci d'allora. Io mi schiero dalla parte dei bianchi e dico e sostengo che il ''tartufo nero'' è il peggiore di tutti; gli altri non sono del mio avviso e sentenziano che il nero è più odoroso e il bianco è di sapore più delicato: ma non riflettono che i neri perdono presto l'odore. I bianchi di Piemonte sono da tutti riconosciuti pregevoli, e i bianchi di Romagna, che nascono in terreno sabbioso, benché sappiano d'aglio, hanno molto profumo. ([[s:Scienza in cucina e l'arte di mangiar bene/Erbaggi e legumi/408. Tartufi alla bolognese, crudi, ecc.|Erbaggi e legumi; 408, ''Tartufi alla bolognese, crudi, ecc.'']])
*A tutti è nota la natura calida di questo cibo, quindi mi astengo dal parlarne perché potrei dirne delle graziose. Pare che i tartufi venissero per la prima volta conosciuti in Francia nel Périgord sotto Carlo V. Io li ho conservati a lungo nel seguente modo, ma non sempre mi è riuscito: tagliati a fette sottili, asciugati al fuoco, conditi con sale e pepe, coperti d'olio e messi al fuoco per far loro alzare il bollore. Da crudi si usa tenerli fra il riso per comunicare a questo il loro profumo. ([[s:Scienza in cucina e l'arte di mangiar bene/Erbaggi e legumi/408. Tartufi alla bolognese, crudi, ecc.|Erbaggi e legumi; 408, ''Tartufi alla bolognese, crudi, ecc.'']])
*Se questo prezioso frutto della famiglia delle solanacee (''[[pomodoro|Solarium Lycopersicum]]''), originario dell'America meridionale, fosse più raro, costerebbe quanto e più dei tartufi. Il suo sugo si marita con tante vivande e fa ad esse così ottima compagnia, che merita conto di spendere qualche fatica per ottenere una buona conserva. (''[[s:La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene (1895)/Ricette/Conserve|Conserve; 542, ''Conserva di pomodoro senza sale'']])
*{{NDR|Sul [[babà]]}} Questo è un dolce che vuol vedere la persona in viso, cioè per riuscir bene richiede pazienza ed attenzione. ([[s:Scienza in cucina e l'arte di mangiar bene/Pasticceria/565. Babà|Pasticceria; 565, ''Babà'']])
*Quando il Babà è sformato, se è ben cotto, deve avere il colore della corteccia del pane [...]. ([[s:Scienza in cucina e l'arte di mangiar bene/Pasticceria/565. Babà|Pasticceria; 565, ''Babà'']])
 
==Altri progetti==
{{Interprogettointerprogetto}}
 
{{DEFAULTSORT:Artusi, Pellegrino}}