Apri il menu principale

Modifiche

 
==Citazioni di Luciano di Samosata==
*Ascoltate [...] le [[parole]] che provengono dal [[cuore]]. (da ''Iuppiter tragoedus'', 19)
*''Io al mondo grave, con cattivo nome | [[gotta|Podagra]] detta son<ref name=gotta/>, terribil male, | con nervei lacci lego altrui le gambe; | penetrando ne' membri non veduta, | rido di quei che son da me percossi, | che il ver non dicon mai de' mali loro; | ma con pazze finzioni lusingandosi, | ciascun pasce sé stesso di bugie; | e con dire agli amici esserci svolto, | O percosso il suo piè, la cagion tace, | e agli altri ascoso vuol quel ch'ei non dice. | Ma il ver col tempo poi malgrado suo | mostrasi, e vinto allor mi chiama a nome; | e gli amici lo menano in trionfo. | La fatica è compagna de' miei mali, | io sola senza d'essa non son nulla.'' ('''Podagra'''; da ''Parnaso straniero'', ''L'ocipo o il celeripede'', [http://books.google.it/books?id=sBdrliWHpm0C&pg=RA2-PA32 p. 31])
*Ascoltate [...] le [[parole]] che provengono dal [[cuore]]. (da ''Iuppiter tragoedus'', 19)
:''Ἀκούετε [...] τά γε ἀπὸ καρδίας''.
*''Io al mondo grave, con cattivo nome | [[gotta|Podagra]] detta son<ref name=gotta/>, terribil male, | con nervei lacci lego altrui le gambe; | penetrando ne' membri non veduta, | rido di quei che son da me percossi, | che il ver non dicon mai de' mali loro; | ma con pazze finzioni lusingandosi, | ciascun pasce sé stesso di bugie; | e con dire agli amici esserci svolto, | O percosso il suo piè, la cagion tace, | e agli altri ascoso vuol quel ch'ei non dice. | Ma il ver col tempo poi malgrado suo | mostrasi, e vinto allor mi chiama a nome; | e gli amici lo menano in trionfo. | La fatica è compagna de' miei mali, | io sola senza d'essa non son nulla.'' ('''Podagra'''; da ''Parnaso straniero'', ''L'ocipo o il celeripede'', [http://books.google.it/books?id=sBdrliWHpm0C&pg=RA2-PA32 p. 31])
*Mi racconti sogni. (''Dialoghi dei morti'', 25,2)
:''Ονείρατά μοι λέγεις''.
 
==''La tragopodagra o il podagroso''==
19 841

contributi