Differenze tra le versioni di "Alberto Ronchey"

→‎Citazioni: l'Africa: il continente "ostacolo"
(→‎Citazioni: Herman Kahn (ispiratore del personaggio del dottor Stranamore))
(→‎Citazioni: l'Africa: il continente "ostacolo")
 
*A grandi linee, l'ideologia di [[Jawaharlal Nehru|Nehru]] può essere definita un paziente, moderato illuminismo pratico, non alieno dal compromesso con le tradizioni storiche, lo spirito e la cultura induisti, ma ostile alle loro degenerazioni e insofferente della loro staticità. (III - Gandhismo e nehruismo, p. 38)
 
*L'[[Africa]] oltre i deserti non fu mai, secondo l'intera storiografia occidentale, un continente-meta. Essa fu sempre il continente ostacolo: gli Europei dovevano «circumnavigare» l'Africa. Il continente si chiamò «nero» anche perché non se ne aveva nozione a causa dei deserti, del clima, dell'assenza di documentazione scritta sulle antiche culture africane: e il pensiero tradizionale europeo concedeva un valore esclusivo alla cultura scritta rispetto a quella orale. Nelle illustrazioni sulle «cinque razze dell'uomo», dal bianco di Emerson fino all'africano Bantù, questi rappresentò sempre l'infimo, la condizione «selvaggia». (Africanismo e «négritude» (Nuova etnologia e sviluppo), p. 116)
 
*[[Gamal Abd el-Nasser|Nasser]] credeva nella possibilità dello sviluppo tecnico ed economico dei popoli arabi unificati, credeva che la guida di tale unificazione dovesse spettare all'[[Egitto]], credeva in un socialismo che soprattutto fosse potere dello Stato e riflettesse in qualche misura i principi dell'[[Islam]] di [[Maometto]] e dei primi califfi, specialmente [[Abu Bakr]] e Omar<ref>ʿOmar (oʿUmar) ibn al-Khaṭṭāb, secondo califfo islamico dopo Abū Bakr. {{cfr}} [[w:ʿUmar ibn al-Khaṭṭāb|voce su Wikipedia]].</ref>. (IX. Politica e petrolio di Allah, p. 132)
23 656

contributi