Javier Zanetti: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
m (riporto la nota anche qui)
mNessun oggetto della modifica
*[[Elio (cantante)|Elio]]! Un grande tifoso, un grande artista, è sempre vicino a noi. Abbiamo condiviso tanti momenti insieme, come cantante è uno dei più forti.<ref>Citato in ''[http://www.inter.it/aas/news/reader?N=59597&L=it Aspettando Prima Serata: Zanetti, Elio e le Storie Tese]'', ''Inter.it'', 28 settembre 2012.</ref>
 
*{{NDR|Parlando di [[Adriano Leite Ribeiro|Adriano]]}} Appena arrivato all'Inter, segna in amichevole con il Real Madrid un gol di una potenza impressionante. Mi sono detto: «Questo è il nuovo Ronaldo», ha fisico, talento, velocità. È un ragazzo delle ''favelas'', io conosco bene le ''villas'', loro sorelle di miseria in Argentina. Stavo vicino a Adriano, ho visto i pericoli che genera la ricchezza, piovendo su chi non ha mai avuto un soldo. È peggio della droga. Adriano aveva il padre che lo salvaguardava, era un eroe come per me lo è Rodolfo. Ricordo che siamo al Trofeo Tim<ref>In realtà il fatto avvenne in occasione del Trofeo Birra Moretti dello stesso anno. {{cfr}} Alessio Da Ronch, ''[http://archiviostorico.gazzetta.it/2004/agosto/05/Dramma_Adriano_morto_padre_ga_10_040805458.shtml Dramma Adriano, è morto il padre]'', ''La Gazzetta dello Sport'', 5 agosto 2004.</ref>, d'estate, quando il calcio in notturna è passatempo per chi torna dalla spiaggia. Gli telefonano per dirgli: «Adriano, papà è morto». Singhiozza, non si riprende. Io, la squadra, il presidente Moratti, gli stiamo vicino come a un fratellino. Lui dedica i gol al padre, alza occhi e mani in preghiera al cielo. Lo persuadiamo a far venire a Milano la mamma e la fidanzata, in allenamento resta una roccia e in tre non riusciamo a spostarlo con le brutte da quanto è forte. È un ragazzo buonissimo, con Iván Cordoba passiamo serate a incoraggiarlo. Iván gli dice: «Ti rendi conto? Sei un misto di Ronaldo e Ibrahimović, puoi diventare più bravo di loro, hai tutto». Abbiamo fallito, non siamo riusciti a strapparlo alla depressione. Adriano piange, ci dà ragione, per un po' fa la spola con il Brasile, litiga con la ragazza, ricade nella ''saudade''. Il talento non basta senza forza mentale.<ref>Da Javier Zanetti e Gianni Riotta, ''Giocare da uomo'', Mondadori, 2013, [https://books.google.it/books?id=ITpAAQAAQBAJ&pg=PT85 p. 85]. ISBN 8804633514</ref>
 
*Quanti sono gli Scudetti secondo me? [[Calciopoli]] è una pagina tristissima del calcio italiano, ma sono passati ormai diversi anni. In questo periodo sono state dette molte cose, ma la verità è sotto gli occhi di tutti. Anche se qualcuno vuole far finta di perdere la memoria... Il calcio italiano da allora è ripartito ed è giusto pensare al futuro. Noi siamo fieri e orgogliosi della nostra storia, come la Juve è fiera della sua. Di certo, però, non si può far finta che non sia successo niente.<ref name=mercato>Da un'intervista rilasciata al ''Corriere dello Sport''; citato in ''[http://m.calciomercato.it/news/330283/calciomercato-inter-zanetti-dybala-ci-piace-balotelli-se-mancini-lo-chiedesse.html Calciomercato Inter, Zanetti: "Dybala ci piace. Balotelli? Se Mancini lo chiedesse..."]'', ''Calciomercato.it'', 8 maggio 2015.</ref>