Lewis Carroll: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
m (+wikilink)
mNessun oggetto della modifica
'''Lewis Carroll''', pseudonimo di '''Charles Lutwidge Dodgson''' (1832 – 1898), scrittore britannico.
 
==Citazioni di Lewis Carroll==
*È una ben povera [[memoria]] quella che funziona solo all'indietro. (da ''Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò'')
*Questo ve l'ho detto tre volte, e perciò è vero. (da ''The Hunting of the Snark'')
 
====Bianca Tarozzi====
Alice cominciava a essere stanca di starsene seduta insieme a sua sorella lungo la riva del fiume, senza niente da fare: una volta o due aveva lanciato un'occhiata al [[libro]] che la sorella stava leggendo, ma non c'erano né figure né dialoghi, "e a cosa serve un libro senza figure e dialoghi?" pensava Alice<ref>Il libro si apre con una lunga poesia, le cui prime strofe sono: "«''Insieme nel dorato pomeriggio | Senza fretta sull'acqua scivoliamo; | Poiché i remi, con scarsa perizia, | Sono affidati a minuscole braccia; | E a manine che fan finta di guidare | Il nostro languido vagabondare."''»</ref>.<br>
 
===Citazioni===
*«Ma io non voglio andare fra i matti», osservò Alice. <br />«Be', non hai altra scelta», disse il Gatto «Qui siamo tutti matti. Io sono matto. Tu sei matta.» <br />«Come lo sai che sono matta?» disse Alice. <br />«Per forza,» disse il Gatto: «altrimenti non saresti venuta qui.»
*Bada al senso, e i suoni baderanno a sé stessi.
*{{NDR|Humpty Dumpty e Alice.}} «Quanti anni hai detto di avere?» <br />«Sette e mezzo.» <br />«Sbagliato! Non l'hai mai detto!» <br />«Credevo volessi dire quanti anni ho.» <br />«Se avessi voluto dirlo, l'avrei detto.»
*«Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro.» (la Duchessa)
*{{NDR|Alice e la Lepre Marzolina.}} «Prendi più tè.» <br />«Non ne ho ancora preso niente, non posso prenderne di più.» <br />«Vuoi dire non puoi prenderne di meno. È facile prendere più di niente.»
*Siccome non era in grado di rispondere a nessuna delle [[domanda|domande]], non dava molto peso alla maniera in cui se le poneva.
*Le erano successe tante cose straordinarie che Alice cominciava sul serio a credere che per lei non ci fossero cose impossibili.
*Di solito Alice si dava degli ottimi [[consiglio|consigli]], però poi li seguiva raramente.
*{{NDR|Dopo aver esposto un piano per recuperare la propria statura.}} Senza dubbio questo era un piano eccellente, semplice e davvero ben congegnato. C'era solo una difficoltà: che Alice non aveva la più piccola idea di come realizzarlo.
*«Il modo di ragionare degli animali é terribile» disse tra sé. «Ci sarebbe da diventar pazzi!» (Alice)
*{{NDR|[[Indovinelli dai libri|indovinello]]}} Che cos'hanno in comune un [[corvo]] e una [[scrivania]]? (2004, cap. VII, p. 78)