Khmer Rossi: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
[[File:Khymer Rouge victims IMG 1438p.jpg|thumb|Teschi delle vittime dei Khmer Rossi]]
*Abbiamo adoperato metodi illegali come base siccome, di norma, fare la rivoluzione è «illegale». Non c'è una legge delle classi sfruttatrici che autorizza la rivoluzione.
*Il nostro popolo è unito col Partito. È soddisfatto coldel regime collettivista dadi cui godonogode ognitutti benei benefici, soprattutto i proletari, che costituiscono più del 90% della popolazione.
*Il Partito è il vero rappresentate delle classi povere. Se non è così, se il Partito sfrutta e schiaccia il popolo, il popolo si ribellerà e lo rifiuterà.
*Il Partito, il popolo, e l'impavido Esercito Rivoluzionario di Kampuchea amano la loro patria più delle loro stesse vite, e hanno inflitto una sconfitta pesante e ignobile senza precedenti sugli aggressori imperialisti statunitensi e i loro seguaci.
*La forza fondamentale della nostra rivoluzione sta nei contadini. La situazione nel nostro paese è diversa da quella dei paesi industriali; gli operai non erano la forza principale dietro la nostra rivoluzione. Inizialmente, fummo anche attivi fra gli operai. Dal 1955, eravamo riusciti a organizzare il movimento degli operai in tutto il paese. Il compagno che lavora come segretario assisstente del Partito fu dato l'incarico di guidare questo movimento. La nostra classe operaia però era numericamente bassa. Il movimento era attivo in ogni fabbrica, ma non poteva resistere all'opressione nemica. Ogni volta che il movimento si ribellava, fu presto distrutto. Il movimente riemergeva, e il nemico lo distruggerebbe di nuovo.
*La nostra ambizione è di edificare una società in cui la felicità, la prosperità e l'uguaglianza prevalga per tutti, una società dove non ci sono né persone sfruttatesfruttatipersone sfruttatricisfruttatori, e dove ognuno partecipa nellaalla produzione e nellaalla difesa nazionale.
*La situazione generale della rivoluzione socialista in Kampuchea è, tutto sommato, buona. Abbiamo gettato le basi del nostro socialismo collettivista, e li stiamo continuamente migliorando mentre li consolidiamo e li sviluppiamo.
*Ovunque, dobbiamo sempre esaminarci. Non solo il Partito lo deve fare, ma anche ogni organizazzione, ogni quadro, ogni membro del Partito, ogni risponsabile delle fabbriche, nei porti, nei servizi energici, nelle saline.
24 504

contributi