Differenze tra le versioni di "Gaio Svetonio Tranquillo"

m
nessun oggetto della modifica
(-1, in Zhang Heng)
m
'''Gaio Svetonio Tranquillo''' (70 – 122), scrittore latino.
 
*Il buon [[pastore]] deve tosare le [[pecora|pecore]], non scorticarle.
:''Boni pastoris est tondere pecus, non deglubere'' (dal ''De Vita Caesarum'', [[s:la:Vita Tiberi#.5B32.5D|III – 32]])
*{{NDR|Vespasiano}} Al figlio Tito, che lo criticava perché aveva escogitato perfino un'imposta sull'[[urina|orina]],<ref>Utilizzata dai conciatori di pellame, da cui ricavavano l'ammoniaca.</ref> mise sotto il naso il denaro ricavato dal primo versamento, chiedendogli se era disturbato dall'odore; e poiché egli rispose di no: «Eppure», disse, «viene dall'orina». (da ''Vita dei Cesari'', in ''Storici latini'')
*[[Gaio Giulio Cesare]], [[Cornelio Nepote]], [[Gaio Sallustio Crispo]], Gaio Svetonio Tranquillo, [[Publio Cornelio Tacito]], ''Storici latini'', a cura di Francesco Casorati, Cipriano Conti, Gian Domenico Mazzocato, Lidia Storoni Mazzolani, Maria Pia Vigoriti, traduzioni di Aa. Vv., Newton Compton, 2013.
 
== Altri progetti==
{{interprogetto|w|s2=la:Scriptor:Gaius Suetonius Tranquillus|s2_lingua=latina|s_lingua=italiana|commons=Category:Suetonius}}
 
[[Categoria{{DEFAULTSORT:Storici romani|Svetonio Tranquillo, Gaio]]}}
[[Categoria:Biografi]]
[[Categoria:Storici romani]]