Differenze tra le versioni di "Rosa Luxemburg"

sposto fonte nella voce sull'autore della stessa
(ordine alfabetico, - titoletti fuori standard)
(sposto fonte nella voce sull'autore della stessa)
==Citazioni su Rosa Luxemburg==
*La migliore eredità di Rosa sta nell'idea che libertà e giustizia siano due fratelli siamesi. ([[Eduardo Galeano]])
*[[w:Paul Levi|Paul Levi]] vuole conquistarsi le simpatie della borghesia – e, conseguentemente, dei suoi agenti, la [[w:Seconda Internazionale|Seconda Internazionale]] e l’[[w:Unione dei Partiti Socialisti per l'Azione Internazionale|Internazionale due e mezzo]] – pubblicando proprio le opere di Rosa Luxemburg in cui ella aveva torto. A ciò noi rispondiamo citando poche righe di una vecchia favola russa: a volte un'aquila può volare più in basso di una gallina, ma una gallina non può mai salire tanto in alto quanto un'aquila. Rosa Luxemburg errò nella questione dell’indipendenza polacca; errò nel 1903 nel valutare il menscevismo; errò nella teoria dell’accumulazione del capitale; errò quando nel luglio 1914 si batté con [[w:Georgij Valentinovič Plechanov|Plechanov]], [[w:Emile Vandervelde|Vandervelde]], [[w:Karl Kautsky|Kautsky]] e altri per l'unificazione dei bolscevichi con i menscevichi; errò nei suoi scritti dal carcere nel 1918 (anche se in gran parte ella stessa corresse i propri errori dopo essere uscita dal carcere, alla fine del 1918 e al principio del 1919). Ma nonostante tutti questi errori era e rimane un'aquila: e non solo la sua memoria rimarrà sempre cara ai comunisti del mondo intero, ma anche la sua biografia e l'edizione ''integrale'' delle sue opere [...] costituiranno una lezione molto utile nell'educazione di molte generazioni di comunisti del mondo intero.<ref>Lenin, ''Appunti di un giornalista'' scritto nel febbraio 1922 e pubblicato per la prima volta sulla «Pravda», 16 aprile 1924 (citazione tratta da: Peter J. Nettl, ''Rosa Luxemburg'', Milano, Il Saggiatore, 1970, II, p. 370[[Lenin]])</ref>
 
==Note==