Differenze tra le versioni di "Vittorio Feltri"

→‎Citazioni di Vittorio Feltri: aggiunta frase pronunciata a le invasioni barbariche (gesto dell'ombrello)
(→‎Citazioni di Vittorio Feltri: aggiunta frase pronunciata a le invasioni barbariche (gesto dell'ombrello))
*La redazione {{NDR|di un giornale}} è il terminale della società. (citato in Marco Neirotti, ''Eroi del bene? Figli del male'', ''La Stampa'', 3 dicembre 1995, p. 20)
*La Repubblica di [[Eugenio Scalfari|Scalfari]] stilava ogni giorno il certificato di morte a [[Bettino Craxi|Craxi]], e Craxi campò [in totale] tre anni e mezzo. Quella di Mauro fa altrettanto con [[Silvio Berlusconi|Berlusconi]], e Berlusconi camperà cinque anni e vincerà anche le prossime elezioni. A una condizione: che guardi di più alla Thatcher e meno ad [[Giulio Andreotti|Andreotti]], al quale, gobba a parte, c'è poco da invidiare. (da ''Libero'', 28 settembre 2003, pag. 2)
*[{{NDR|Dopo la caduta del regime sovietico] }}i comunisti [italiani] con una mossa trasformistica si sono ripresentati sul mercato elettorale con la bottega ripittata e una nuova insegna, però vendendo la solita merce putrida in confezione liberale. […] hanno profittato di Mani Pulite e affini per allearsi con le toghe rosse e sgominare gli avversari. […] Risultato: la DC in galera e il vecchio PCI restaurato al governo. Questa è l'anomalia italiana, altro che Berlusconi e la sua banda di dilettanti. (da ''Libero'', 2 novembre 2003, prima pagina)
*[…] Non ho capito un'acca. So soltanto che mancano in cassa [quattro miliardi di Euro]. E che l'azienda sta sprofondando, né potrebbe essere diversamente con quel buco nello scafo. Allora chiedo: [come mai non c'è] nessuno in grado di fornire spiegazioni? Nel caso della Parmalat, non vi è alcuno della famiglia del vecchio Calisto [che sia stato] in grado di convocare gli azionisti e raccontare come sia effettivamente andata. […] Miliardi che [sono usciti] dal portafoglio e ti [sei accorto] del disastro solo quando non hai [avuto] più nemmeno i soldi per pagare il lattaio. Sarà così? Pur con ogni sforzo è dura da bere. (da ''Libero'', 21 dicembre 2003, prima pagina)
*{{NDR|La [[RAI]] compie 50 anni}} Non c'è nulla di più falso del rimpianto dei bei tempi andati. I bei tempi non sono mai esistiti, [...]. Eppure è diffusa l'abitudine pigra di serbarne selezionati e dolci ricordi. (da ''Libero'', 4 gennaio 2004, prima pagina)
*Ma andate all’inferno, non al seggio a votare [[Partito Democratico|Pd]].<ref name=mps/>
*Destra e sinistra sono categorie del passato ma che esistono ancora, tant'è vero che mi fanno ribrezzo. Entrambe.<ref>Da un [https://twitter.com/vfeltri/status/299216282396536832 tweet] del 6 febbraio 2013.</ref>
*Quando entro in cabina elettorale, mi guardo in giro, attorno, non c'è nessuno, guardo molto bene la scheda, traccio la mia croce e poi faccio il gesto dell'ombrello.<ref>[https://www.youtube.com/watch?v=odGUB9Jy0nE&t=968s Intervista a Vittorio Feltri a ''Le invasioni barbariche''], 7 marzo 2013</ref>
*[[Carlo Lizzani|Lizzani]] si è lanciato dal terzo piano. [[Mario Monicelli|Monicelli]] si gettò dal nono. Il che dimostra la differenza di livello fra i due anche nel suicidio.<ref>Da un [https://twitter.com/vfeltri/status/386801364091027456 tweet] del 6 ottobre 2013.</ref>
*Nel 1992 stavo a fianco di Antonio Di Pietro e di altre toghe. A Bettino Craxi ho dedicato i titoli più carogna della mia vita professionale al tempo dell'Indipendente. Del resto Bettino non fece nulla per sottrarsi ai colpi. Incurante di essere considerato il simbolo della politica ladra e corrotta, circondato da ometti che non facevano nemmeno lo sforzo di togliersi la giacca da gangster, non smetteva di ergersi senza ripararsi. Non schivava i colpi, e io pensavo fosse alterigia: quindi via con le ironie, le indignazioni e i sarcasmi. Ho sbagliato. Non scriverei più festosamente davanti alla «rivolta popolare» che accolse Bettino la sera del 30 aprile del 1993 fuori dall'hotel Raphaël a un passo da piazza Navona.<ref>Da ''Io che attaccai il Cinghialone e non vidi gli orrori dei giudici'', Il Giornale, 16-12-2013</ref>
321

contributi