Differenze tra le versioni di "Malattia"

622 byte rimossi ,  2 anni fa
Rimuovo, ora in sezione.
(→‎Ippocrate: Sezione Bernhard)
(Rimuovo, ora in sezione.)
*Malattia non è altro che non ''riconoscere'', non ''trovare'' le strade della propria guarigione! ([[Peter Altenberg]])
*Nella malattia il dolore fine a se stesso non va mai accettato e va contrastato con qualsiasi mezzo. La malattia deve aumentare e non diminuire il rispetto per la libertà, l'autodeterminazione e la personalità dell'individuo. ([[Umberto Veronesi]])
*Non c'è ipocrisia più diffusa di quella del sano nei confronti del malato. I sani, in fondo, non vogliono avere più niente a che fare con i malati e non sono affatto contenti che i malati, sto parlando dei veri malati, e cioè dei malati gravi, esigano tutt'a un tratto di ritornare in buona salute, o almeno di normalizzarsi o almeno di migliorare le loro condizioni di salute. Il sano, se è una persona sincera, ammetterà che non vuole avere più niente a che fare con il malato, non vuole che nessuno gli rammenti la malattia e, attraverso la malattia, logicamente e forzatamente la morte. ([[Thomas Bernhard]])
*Non dobbiamo vergognarci della nostra malattia. Non è qualcosa da tenere nascosta. È, come dire, quella parte della nostra carta d'identità che ci fa rassomigliare di più A Gesù Cristo. È una tessera di riconoscimento incredibile, straordinaria. ([[Antonio Bello]])
*Non era triste che la maggior parte delle persone si dovesse ammalare per rendersi conto che è bello vivere? ([[Jostein Gaarder]])