Differenze tra le versioni di "Sandro Pertini"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  3 anni fa
m
nessun oggetto della modifica
m
*Ormai a tutti è noto che l'[[Unione Europea]] e gli organismi derivanti dal Piano Marshall non sono l'espressione spontanea della volontà e delle esigenze dei popoli europei, bensì sono stati artificiosamente creati con lo scopo politico di fare d'un gruppo di nazioni europee uno schieramento in funzione antisovietica, e con lo scopo economico di fare dell'Europa Occidentale un campo di sfruttamento della finanza americana.<ref>Da ''L'Europa e il Piano Marshall'', ''Avanti!'', 30 giugno 1949; riportato in ''[http://www.pertini.it/cesp/doc_73.htm Pertini.it]''.</ref>
*{{NDR|Sullo stato della Repubblica nel dopoguerra}} Siamo caduti nella zona di influenza [[america]]na: Piano Marshall, Patto atlantico, [[NATO]]. Gli americani temevano una rivoluzione e ci hanno impedito di fare ciò che avremmo dovuto. Ci hanno rimesso in mano i vecchi arnesi del fascismo, i questori Guida, sicché è un po' successo in Italia ciò che successe in Francia dopo la [[rivoluzione francese]]: quando tornarono a galla i vecchi arnesi del vecchio regime.<ref name=fallaci/>
*Sono al fianco di chi soffre umiliazioni e oppressioni per il colore della sua pelle. [[Adolf Hitler|Hitler]] e [[Benito Mussolini|Mussolini]] avevano la pelle bianchissima, ma la coscienza nera. [[Martin Luther King]] aveva la pelle color dell'ebano, ma il suo animo brillava della limpida luce, come i diamanti che negri oppressi estraggono dalle miniere del Sudafrica, per la vanità e la ricchezza di una minoranza dalla pelle bianca. (da un discorso del 1982; citato in Michelangelo Jacobucci, ''Pertini uomo di pace'', Rizzoli, 1985)<ref>Citato nella canzone ''Il Biancobianco Ee Ilil Neronero'' nell'album ''Verba Manent'' (19921993) di [[Frankie hi-nrg mc]].</ref> (da un discorso del 1982; citato in Michelangelo Jacobucci, ''Pertini uomo di pace'', Rizzoli, 1985)
*Sono del parere che la televisione rovina gli uomini politici, quando vi appaiono di frequente. (alla Camera il 22 luglio 1971, rivolgendosi all'Onorevole [[Giuseppe Niccolai]])
*Sono socialista, da più di mezzo secolo. Per me socialismo vuol dire esaltazione della dignità dell'[[uomo]]; e quindi il socialismo non può andare disgiunto dalla [[libertà]]. (citato in [[Gianni Bisiach]], ''Pertini racconta'', Milano 1983, p. 46)