Differenze tra le versioni di "Antonio Mazzi"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  3 anni fa
Corretto: "un intervento"
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
(Corretto: "un intervento")
 
==Citazioni di Antonio Mazzi==
*Non vorrei mica trovarmi a Milano con uno come [[Matteo Salvini]]. Solo a vederlo quello lì devo andare al cesso.<ref>Da un' intervento all'assemblea del [[Partito Democratico]] a Expo 2015; citato in ''[http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/11812149/Don-Mazzi---Quando-vedo.html Don Mazzi: "Quando vedo Salvini vado al cesso. A Milano Majorino è il peggior candidato possibile"]'', ''Liberoquotidiano.it'', 18 luglio 2015.</ref>
*Paragonare i samaritani sudaticci e perennemente indaffarati ai [[asino|somarelli]] [...] mi è venuto così, sponte. Fu così che mi invaghii di loro. Invaghirsi dei somari è un po' da picchiati in testa. Me lo dicono in tanti. Però i somari battono sentieri impraticabili, sono disposti a tutto, portano i pesi che non vogliono portare gli altri, non si stancano mai, sono i veri amici dei poveri, con poco fieno e poca paglia sono felici. Terminate le loro azioni, le più eroiche, restano estranei ad ogni mania di grandezza e di ricompensa.<br />Nessuno si è mai sognato di trasformare il somaro in cavallo, o di premiarlo con medaglie d'oro [...]. Facciamo sfilare cani, gatti, pecore, lupi, frati, politici, miss... ma i somari restano felicemente somari.<ref>Da ''Elogio del somaro'', p. 94.</ref>
*Per molto tempo mi sono soffermato a studiare e meditare il [[Vangelo]] «alto», quello di spessore. Ho corso il rischio di abolire dalla mia vita il Vangelo spicciolo, quello che «puzza» di povertà vera.<ref>Da ''Elogio del somaro'', p. 93.</ref>
Utente anonimo