Human Traffic: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
(aggiunti doppiatori nel box)
Nessun oggetto della modifica
 
* {{NDR|Davanti a fotografi e cronisti, dopo essersi licenziata}} Grazie. Grazie. È una sensazione fantastica far parte di questa categoria. E non vedo l'ora di starmene con la pancia all'aria e di dormire la mattina fino a tardi. E di farmi delle mega scopate stile "vietato ai minori". ('''Nina''')
* Siamo giunti al weekend: si parla solo di locali, [[droga]], pub, feste. Quarantott'ore di libera uscita dal mondo. Schizzerò vapore dalla testa come una pentola impazzita, sparerò cazzate tutta la notte con gente mai vista, scorticherò la pista da ballo. I miei [[radicali liberi]] stanno sbroccando! Stasera sarò Jip Travolta, Sergent Popper. Atterrerò sull'Isola che non c'è con la mia bella famigliola. Saremo più stralunati di [[Neil Armstrong|Armstrong]], è sicuro. Può accadere di tutto questa sera, potrebbe essere la più grande serata della mia vita. Ho settanta reginette in tasca e voglio bruciarmele tutte, amico. I dolcetti li offro io! Sì! Allarme rosso per tutti i crociati sulla pista da ballo, pronti a scattare! Regine della disco, vittime dei locali, coraggio uniamo le forze... Motori a palla!!! ('''Jip''')
*Stando alle statistiche, è più facile morire strozzati da una foglia di cavolo o durante una discussione piuttosto che calandosi una pasta. L'[[etanoloBevanda alcolica|alcol]] uccide ben trentamila persone all'anno, da solo, in [[Gran Bretagna]]. Ma quello non fa niente. Perché si può tassare, quella è una droga di stato, giusto? ('''Jip''')
*Il presente è andato. La [[fantasia]] è parte della realtà. E noi molliamo i freni. I pensieri sono nitidi eppure non stiamo affatto pensando. E questo ci fa stare bene. Smettiamo di controllare le cose. Siamo attraversati da calde correnti chimiche: fluttuiamo. È un danno cerebrale? Dimentichiamo il [[dolore]] e il male della vita, e vorremmo essere altrove. Non ci sentiamo più minacciati dalla gente. Tutte le nostre insicurezze sono evaporate. Siamo nelle nuvole. Completamente aperti. Siamo esseri dello spazio, in orbita attorno alla Terra e – sì – il mondo appare meraviglioso da quassù. Siamo ninfolettici, desiderosi di qualcosa che non si può avere. Rischiamo la follia per qualche attimo di luce. Così poca memoria, e così tante idee. Si urtano quelle che scorrono via e quelle che arrivano. Siamo invasi da un'infinita sensazione d'[[amore]]. Scorriamo all'unisono. Siamo insieme. Vorrei che fosse vero. Noi vogliamo sentire questo universale senso d'insieme dove poter stare bene. Con chiunque. Siamo in sintonia, parti di un movimento che conduce alla fuga. Vi diciamo: «addio». In fondo, vogliamo solo essere felici. Sì. Sì. ('''Jip''')