Differenze tra le versioni di "Sigmund Freud"

+1
m (Automa: Correzione automatica trattini in lineette.)
(+1)
[[ImmagineFile:Sigmund Freud LIFE.jpg|thumb|right|Sigmund Freud a 66 anni]]
'''Sigismund Schlomo Freud''' (1856 – 1939), medico, neurologo e psicoanalista austriaco.
 
*[...] si impara ben presto che essere [[Amore|amati]] costituisce un fattore positivo tale da giustificare la rinuncia ad altri vantaggi.<ref>Da ''Considerazioni attuali sulla guerra e la morte'' (1915), in ''Perché la guerra?'', p. 26.</ref>
*Siamo ormai d'accordo che nonostante tutto il nostro orgoglio per le nostre conquiste culturali, non ci riesce facile assolvere le richieste di questa civiltà, sentirci a nostro agio in essa, perché le limitazioni pulsionali imposteci significano per noi un grave onere psichico. Ebbene, ciò che abbiamo riconosciuto valido per le pulsioni sessuali vale in uguale e forse maggior misura per le altre pulsioni, quelle aggressive. Sono queste soprattutto che rendono difficile la convivenza degli uomini e che ne minacciano la continuità; la limitazione della propria aggressività è il primo e forse più difficile sacrificio che la società deve esigere dal singolo.<ref name="Introd" />
*Un paziente mi prega di consigliargli un luogo di cura in Riviera. Conosco un luogo adatto vicinissimo a Genova, ricordo anche il nome del collega tedesco che vi esercita, ma non riesco a nominare il luogo per quanto sia certo di conoscerlo bene. Non mi resta che chiedere al paziente di attendere e ricorrere alle donne di casa: «Come si chiama quel posto vicino a Genova dove il dottor N. ha una piccola clinica ove è stata in cura per tanto tempo la signora Tal dei Tali?» «Naturalmente proprio tu dovevi dimenticare questo nome. Si chiama ''[[Nervi (Genova)|Nervi]]''». Devo riconoscere che coi ''nervi'' ho abbastanza a che fare.<ref>Da ''Psicopatologia della vita quotidiana'', 2010, pp. 35-36</ref>
*{{NDR|Su [[Friedrich Nietzsche]]}} Una capacità di introspezione che non è mai stata raggiunta prima da nessuno, e probabilmente non verrà mai più raggiunta da nessun altro.<ref>Citato in [[Friedrich Nietzsche]], ''Autobiografia attraverso le lettere'', a cura di Carla Buttazzi, Piemme, 1995.</ref>
 
*Sigmund Freud, ''Psicoanalisi dell'arte e della letteratura'', traduzione di Antonella Ravazzolo e Celso Balducci, Grandi Tascabili Economici Newton, 1993.
*Sigmund Freud, ''Psicopatologia della vita quotidiana. Dimenticanze, lapsus, sbadataggini, superstizioni ed errori'', traduzione di Carlo Federico Piazza, Michele Ranchetti, Ermanno Sagittario, Boringhieri, 1971.
*Sigmund Freud, ''Psicopatologia della vita quotidiana. Dimenticanze, lapsus, sbadataggini, superstizioni ed errori'', traduzione di Carlo Federico Piazza, Michele Ranchetti, Ermanno Sagittario, Boringhieri, 2010.
*Sigmund Freud, ''Psicopatologia della vita quotidiana. Dimenticanze, lapsus, sbadataggini, superstizioni'', traduzione di Cecilia Galassi, in ''Opere 1886/1905'', Newton Compton, 1992.
*Sigmund Freud, ''Shakespeare, Ibsen e Dostoevskij'', traduzioni di Pietro Veltri, Mario Ciarfaglini e Silvano Daniele, Bollati Boringhieri, 2002.
==Altri progetti==
{{interprogetto}}
 
===Opere===
{{Pedia|Al di là del principio del piacere}}