Differenze tra le versioni di "Alpinismo"

254 byte aggiunti ,  3 anni fa
nessun oggetto della modifica
(Ed. or. Deutsche Alpenzeitung, 1° agosto 1911, citato da Enrico Camanni, La nuova vita delle Alpi, Torino 2002, pagg. 62-63)
* Oggi le montagne sono «vinte» con l'aiuto della corda e dei chiodi: un po' dappertutto si possono vedere persone penzolare da pareti completamente lisce, intere montagne vengono scalate con manovre di corda. Eppure l'esperienza insegna che molti di questi passaggi possono essere superati in arrampicata libera; in caso contrario, tanto vale non intestardirsi in insulsi tentativi. Anche il chiodo da roccia va considerato come un espediente di fortuna e non come un mezzo per conquistare le montagne. Non sarò io a negare che certi scalatori moderni subiscano entro certi limiti il fascino del rischio. Mi sembra però che il pensiero: «se cado, resto appeso a tre metri di corda» abbia moralmente meno valore dell'altro: «una caduta e sei morto!» ([[Paul Preuss]])
* Programma di alpinista povero. Pane e Marmolada. ([[Gino Patroni]])
* Quando mi chiedono "chi te lo fa fare di scalare" io rispondo sempre che è come chiedere "chi te lo fa fare di amare". L'amore è irrazionale, non c'è mai una convenienza dietro l'amore. [...] L'amore è una pulsione irrefrenabile. ([[Simone Moro]])
 
===[[Erri De Luca]]===
235

contributi