Differenze tra le versioni di "Haruki Murakami"

1 554 byte aggiunti ,  3 anni fa
+3 da saggio introduttivo a una raccolta di raccointi di Akutagawa
(+3 da saggio introduttivo a una raccolta di raccointi di Akutagawa)
*Se mi chiedessero qual è la qualità più importante per uno scrittore dopo il talento, direi senza esitare la capacità di concetrazione. La facoltà intellettuale di riversare tutto il talento di cui siamo dotati, intensificandolo, su un unico obiettivo. Chi non è capace di fare questo non riuscirà a portare a compimento nulla di buono. Invece usando in maniera efficace l'energia mentale, in una certa misura si compensa un talento carente. (p. 67)
*Ognuno lascia la sua impronta nel luogo che sente appartenergli di più.
 
==''La caduta di un'élite intellettuale''==
*La forma letteraria dei racconti brevi funziona in questo modo. Su cento racconti, se dieci sopravvivono per le generazioni seguenti, si può parlare di un grande successo. Non è possibile che ogni opera sia un capolavoro, né si può criticare uno scrittore per aver scritto opere mal riuscite. La vita è un lungo percorso, le cose a volte vanno bene, a volte no. Succede anche di scrivere in fretta per necessità. Quello che conta è soltanto il valore dei dieci capolavori che restano. Ed è per questo che sia [[Francis Scott Fitzgerald|Fitzgerald]] che [[Ryūnosuke Akutagawa|Akutagawa]] sono tutt'oggi considerati dei grandi, e le loro opere sono ancora lette. (pp. XI-XII)
*Anche quando narra eventi vicini alla sua vita privata, Akutagawa mantiene un forte controllo stilistico, la sua scrittura rivela una premeditazione sufficiente a mettere in guardia il lettore, cui sembra voler dire: non potrai mai sapere quanto vi sia di vero e quanto di falso. (p. XX)
*Akutagawa Ryūnosuke ancor oggi esiste e agisce nella realtà in quanto «scrittore di statura nazionale». Non ho altro da aggiungere. Akutagawa continua a vivere nella letteratura giapponese, punto di riferimento fisso e parte delle nostre comuni fondamenta intellettuali. (p. XXVI)
 
==''L'uccello che girava le viti del mondo''==
*Haruki Murakami, ''Norwegian Wood'' (''Noruwei no mori''), Einaudi, Torino, 2006.
*Haruki Murakami, ''Sotto il segno della pecora'' (''Hitsuji o meguru bōken''), Longanesi, Milano, 1992. ISBN 9788830410978
*Haruki Murakami, ''La caduta di un'élite intellettuale'', saggio introduttivo alla raccolta di racconti di [[Ryūnosuke Akutagawa]] ''Rashōmon e altri racconti'', traduzione a cura di Antonietta Pastore, Torino, Einaudi, 2016. ISBN 9788806204112
 
==Altri progetti==