Differenze tra le versioni di "Carlo Goldoni"

m
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
==''La vedova scaltra''==
===[[Incipit]]===
<center>{{centrato|''Notte''<br>''Camera di locanda con tavola rotonda apparecchiata, sopra cui varie bottiglie di liquori con sottocoppa e bicchieretti, e due tondi con salviette, candelieri con candele''.<br>MILORD RUBENIF, MONSIEUR LE BLAU, DON ALVARO, IL CONTE DI BOSCO NERO.<br>''Tutti a sedere alla tavola rotonda, con bicchieri in mano pieni di vino, cantando una canzone alla francese, intuonata da Monsieur Le Blau, e secondata dagli altri, dopo la quale''</center>}}
'''Mon.''' Evviva la bottiglia, evviva l'allegria.<br>
'''Tutti.''' Evviva.<br>
==[[Incipit]] di alcune opere==
===''Amor contadino''===
<center>{{centrato|Vasta campagna arativa, sparsa di vari fasci di grano mietuto. In lontano colline deliziose, ingombrate d'alberi e vigneti, con caduta d'acque, che formano un vago rivo, sopra il quale si vedono degli alberghi villerecci.<br>TIMONE, GHITTA, LENA, CIAPPO, FIGNOLO, ''tutti distesi al suolo dormendo, appoggiati ai fasci di grano. Villani e Villanelle sparsi per le colline''.</center>}}
<poem>'''Tim.''' Oh dolcissimo ristoro (svegliandosi)
Delle membra affaticate!
 
===''Amor fa l'uomo cieco''===
<center>{{centrato|Città.<br>LIVIETTA ''in abito di Cittadina e'' MINGONE</center>}}
<poem>'''Liv.''' Vi sto ben?
Vi comparisco?
 
===''Amore in caricatura''===
<center>{{centrato|Giardino pensile.<br>''Madama di'' CRACCHÈ, ''Monsieur de la'' COTEROTI, ''il Marchese'' CARPOFERO, ''il Cavaliere'' TRITOGANO, ''il Conte'' POLICASTRO</center>}}
<poem>'''Mons.''' Vi presento, madam di Cracchè,
Quest'anemolo colto da me,
 
===''Arcifanfano re dei matti''===
<center>{{centrato|Campagna deliziosa con collina amena in prospetto, adornata di vari alberetti; e da un lato veduta della Città, con porta che introduce nella medema.<br>ARCIFANFANO ''sotto un trono capriccioso. Due Pazzi, suoi ministri, al tavolino scrivendo; ed altri Pazzi serventi''.<br>Tutti gli altri sei Pazzi, uomini e donne, stanno sedendo, sparsi per la collina sotto gli alberetti; e due Pazzi stanno a' piedi della collina, ascoltando quello che loro dicono.<br>''Li sei Pazzi cantano come segue:''</center>}}
<poem>''a due'' Vogliamo l'Arcifanfano
Signor della città.
 
===''Aristide''===
<center>{{centrato|Cortile reale con fontana.<br>ARISTIDE ''e'' CARINO ''che dorme''.</center>}}
<poem>'''Aris.''' Sei amor, sei timor, tu che mi guidi
Nell'empia reggia a riveder la sposa?
 
===''Bertoldo Bertoldino e Cacasenno''===
<center>{{centrato|Camera nel Palazzo del Re.<br>''Il'' RE, ''la'' REGINA, AURELIA, ERMINIO. ''Paggi e Servi Reali''.</center>}}
<poem>'''Coro''' Amor discenda
Lieto e sereno;
 
===''Buovo D'Antona''===
<center>{{centrato|Luogo campestre, con collina praticabile in prospetto. Da una parte un violino, e dall'altra un rastello che introduce in giardino.<br>MENICHINA ''colla rocca filando'', CECCHINA ''facendo le calze''.</center>}}
<poem>'''Men.''' Quest'aure amate,
Quest'onde chiare
 
===''Chi la fa l'aspetta''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Bortolo. Un tavolino picciolo da lavorare in mezzo la scena. Varie sedie sparse qua e là.<br>CECILIA ''e'' LISSANDRO</center>}}
'''Cec.''' (''Guardando degli orecchini ed altre cose da donna, di pietre false'')<br>
'''Liss.''' (''Tira fuori di quando in quando degli astucchi e delle scatole con dentro simili mercanzie'') La varda quelle buccole se le puol esser meggio ligae.<br>
 
===''De gustibus non est disputandum''===
<center>{{centrato|Appartamenti.<br>ERMINIA ''e'' CELINDO, ''sedendo vicini l'uno all'altro in fondo della scena''. ROSALBA ''e il'' CONTE RAMERINO, ''ad un tavolino, giocando fra di loro alle carte. Il'' CAV. DI ROCCAFORTE, ''ad un altro tavolino, scrivendo''. DON PACCHIONE, ''sedendo da un altro lato, bevendo la cioccolata. Li sei Personaggi suddetti, ciascheduno stando al loro posto, cantano li seguenti versi, mostrando averli ciascuno in un foglio a parte. Poi la baronessa'' ARTIMISIA</center>}}
<poem>Il mondo è bel, perch'è di vari umori.
Vari sono degli uomini i capricci:
 
===''Filosofia ed amore''===
<center>{{centrato|Giardino.<br>CLORIDEA, LEONZIO, ''poi'' MENALIPPE</center>}}
<poem>'''Clor.''', Leon.''', ''a due''
Dolce amor, te solo invoco
 
===''Gli amanti timidi''===
<center>{{centrato|ARLECCHINO ''solo''.<br>Ripulisce un abito disteso sopra un tavolino ch'è ben innanzi, e facendo le sue incombenze, parla come segue:</center>}}
'''Arl.''' Dise el proverbio: ''o servi come servo, o fuggi come cervo'': no voggio ch'el me patron s'abbia da lamentar de mi. Ghe piase la pulizia, e amo anca mi la nettìsia. E po el xe cussì bon, ch'el merita de esser servio de cuor. Qualche volta el par un pochetto fantastico; ma un omo che xe innamorà, el gh'ha delle ore bone e delle ore cattive. (''porta l'abito sull'altro tavolino, e prende il cappello per ispazzarlo'') So mi, che brutta bestia che xe l'amor.
 
===''Gli amori di Zelinda e Lindoro''===
<center>{{centrato|Camera con un grande armadio nel fondo, due porte laterali aperte che poi si chiudono; ed un tavolino da una parte, ad uso di segretario, col bisogno da scrivere, e sedie.<br>'''Fabrizio''' ''solo''.</center>}}
Ah! Ci scommetterei la testa che Zelinda e Lindoro si amano segretamente. Li vedo troppo attaccati, e credo, se mal non ho inteso, si abbiano dato l'appuntamento di trovarsi qui insieme. Ecco la ragione, per cui costei mi disprezza, che altrimenti, se Lindoro è segretario, io son mastro di casa, e tutti due serviamo onorevolmente lo stesso padrone, ed ella, quantunque dia ad intendere di esser nata signora, è obbligata, come me, a nutrirsi di pane altrui, ed a servire da cameriera... Ma... Eccoli a questa volta. Vo' chiudermi in quest'armadio, e scoprire, se posso, i segreti loro. Se ne vengo in chiaro, se si amano veramente, non son Fabrizio, se non mi vendico. (''si chiude nell'armadio'')
 
===''Gli uccellatori''===
<center>{{centrato|Piazza di villa con veduta in prospetto del palazzo della Contessa, ed abitazioni villareccie dai lati.<br>PIEROTTO ''con la stanga in spalla, e gabbie da quaglia in mano, con dentro i quagliotti;'' TONIOLO ''con fascio di reti in spalla e gabbie in mano con uccelli da richiamo;'' CECCO ''con civetta e solito bastone per la medesima e fascio di vimini vischiati per uccellare''.</center>}}
<poem>'''Tutti tre'''
Andiamo, compagni,
 
===''I bagni di Abano''===
<center>{{centrato|Cortile corrispondente ai Bagni, tanto degli Uomini che delle Donne.<br>ROSINA ''alla porta del bagno delle Donne'', MARUBBIO ''alla porta del bagno degli Uomini'', VIOLANTE, LISETTA, ''poi'' RICCARDO, PIROTTO ''da' loro respettivi bagni''.</center>}}
<poem>'''Rosina''', '''Marubbio'''
Fuori, fuori dal bagno, signori,
 
===''I due gemelli veneziani''===
<center>{{centrato|Camera di Rosaura.<br>ROSAURA ''e'' COLOMBINA, ''tutte due alla tavoletta, che si assettano il capo''.</center>}}
''''Ros.''' Signora Colombina garbata, mi pare che l'obbligo suo sarebbe, prima di mettersi in tante bellezze, di venire ad assettare il capo alla sua padrona.<br>
'''Col.''' Signora, l'obbligo mio l'ho fatto: vi sono stata dietro due ore ad arricciarvi, frisarvi e stuccarvi: ma se poi non vi contentate mai, e vi cacciate per dispetto le dita ne' capelli, io non vi so più che fare.
 
===''I malcontenti''===
<center>{{centrato|Camera in casa della signora Felicita.<br>''La signora'' FELICITA ''e'' GRILLETTA</center>}}
'''Felic.''' Lasciatemi stare, Grilletta; sono arrabbiata quanto mai posso essere.<br>
'''Grill.''' Questo è fuori del solito; ella suol essere pazientissima per costume, ed ora per così poco vuol dar nelle smanie?<br>
 
===''I mercatanti''===
<center>{{centrato|Stanza di negozio in casa di Pancrazio, con suoi banchi e scritture; e vari giovini che stanno scrivendo.<br>PANCRAZIO ''e'' GIOVINI</center>}}
'''Panc.''' (Tre lettere di cambio oggi scadono, e conviene pagarle. Ma pagarle con che? Denari nello scrigno non ce ne sono. La roba conviene sostenerla per riputazione. Oh povero Pancrazio! siamo in rovina, siamo in precipizio; e perché? Per cagione di quello sciagurato di mio figliuolo). (''da sé'') Avete estratto il conto corrente con i corrispondenti di Livorno? (''ad un Giovine'')
 
===''I morbinosi''===
<center>{{centrato|Fondamenta della Zuecca colla veduta del Canale<br>''Sior'' Felippo e ''sior'' Andreetta</center>}}
<poem>'''And.''' Cossa diseu, compare? aveu mai più sentio,
Che s'abia un'altra fraggia come la nostra unio?
 
===''I pettegolezzi delle donne''===
<center>{{centrato|''Camera di Checchina''.</center>}}
CHECCHINA a sedere nel mezzo, BEATRICE ed ELEONORA a sedere vicino a Checchina, donna SGUALDA appresso a Beatrice, e donna CATTE appresso ad Eleonora.<br>
'''Beatrice''' – Via, sposina, state allegra.<br>
 
===''I portentosi effetti della madre natura''===
<center>{{centrato|Campagna mista di collina e pianura, con una torre antica da un lato.<br>CETRONELLA, RUSPOLINA, POPONCINO, CALIMONE, ''Pastori e Pastorelle, sparsi qua e là per la collina e per la pianura, guardando le loro gregge e i loro armenti al pascolo''.<br>La Scena oscura denota mal tempo; formandosi a poco a poco un temporale con tuoni, baleni e fulmini.</center>}}
<poem>'''Coro di pastori e pastorelle'''
Giove collerico,
 
===''I puntigli domestici''===
<center>{{centrato|Appartamento del conte Ottavio.<br>BRIGHELLA ''ad un tavolino, che sta rapando un bastone di tabacco; poi'' CORALLINA ''colla rocca, filando''.</center>}}
'''Brigh.''' Vardè cossa che i s'ha inventà per far sfadigar la povera servitù! Grattar el tabacco! Invece de pestarlo, grattarlo! Quel che doveria far i facchini, l'ha da far i poveri servitori. (''va rapando'')<br>
'''Cor.''' Brighella, la padrona vi domanda.<br>
 
===''I Rusteghi''===
<center>{{centrato|''Camera in casa di Lunardo</center>}}
''MARGARITA che fila. LUCIETTA che fa le calze. Ambe a sedere''
 
 
===''Il bugiardo''===
<center>{{centrato|Notte con luna.</center>}}
Strada con veduta del canale. Da una parte la casa del Dottore, con un terrazzino. Dall'altra, locanda con l'insegna dell'Aquila.<br>
Nell'alzar della tenda vedesi una peota illuminata, disposta per una serenata con dentro i suonatori, ed una donna che canta. I suonatori suonano una sinfonia.
<center>{{centrato|'''''Florindo''''' ''e'' '''Brighella''' ''in terra, da un lato della scena''.<br>'''Rosaura''' ''e'' '''Beatrice''' ''vengono sul terrazzino''.</center>}}
'''Flor.''' Osserva, osserva, Brighella; ecco la mia cara Rosaura sul terrazzino con sua sorella Beatrice; sono venute a godere la serenata. Ora è tempo ch'io faccia cantare la canzonetta da me composta, per ispiegare con essa a Rosaura l'affetto mio.
 
===''Il burbero benefico''===
<center>{{centrato|''Martuccia, Angelica, e Valerio.''</center>}}
'''Angelica''': Valerio, lasciatemi, ve ne prego. Io temo per me, temo per voi. Ah, se noi fossimo sorpresi!<br>
'''Valerio''': Mia cara Angelica!...<br>
 
===''Il buon compatriotto''===
<center>{{centrato|Campagna col canale della Brenta ed il Burchiello di Padova, alle porte del Moranzan.<br>TRACCAGNINO ''e'' ROSINA.</center>}}
'''Ros.''' Vegnì qua, sior Traccagnin. Fina ch'el burchiello passa le porte del Moranzan, vegnì qua che gh'ho voggia de parlar un pochetto con vu.<br>
'''Tracc.''' (''Mostra piacere e volontà di parlare con lei'')<br>
 
===''Il cavaliere di buon gusto''===
<center>{{centrato|Camera del conte Ottavio.<br>''Il conte'' OTTAVIO ''in veste da camera e parrucca, sedendo ad un tavolino, leggendo un libro''.</center>}}
'''Ott.''' Convien poi dire, che in questo secolo piucché mai fioriscono gl'ingegni peregrini in Italia. Questo libro è sì bene scritto, ch'io lo reputo testo di lingua<ref>Le opere del Conte [[Gasparo Gozzi]].</ref>, e in oggi certamente pochi Italiani scrivono in questo stile. Questo sogno è un capo d'opera, e il dialogo fra il calamaio e la lucerna è una cosa molto graziosa. Ma il sole principia a riscaldare la terra. Or ora verranno visite; non voglio lasciarmi trovare in quest'abito di confidenza. Chi vuole esiger rispetto, deve anche in casa propria prendersi qualche piccola soggezione. Chi è di là?
 
===''Il cavaliere di spirito ovvero La donna di testa debole''===
<center>{{centrato|DON CLAUDIO ''e'' GANDOLFO.</center>}}
<poem>'''Gan.''' Son quattro giorni in punto che la padrona è qui;
E ch'ella andò lontano è questo il primo dì.
 
===''Il cavaliere e la dama''===
<center>{{centrato|''Camera in casa di donna Eleonora''.<br>DONNA ELEONORA ricamando ad un piccolo telaio e COLOMBINA colla rocca sedendo, che dorme.</center>}}
'''Donna Eleonora''' – Questo tulipano non risalta come vorrei. Bisogna dargli un'ombra un poco più caricata. Vi vogliono due o tre passate di seta scura. Colombina, dammi quel gomitolo di seta bleu. Colombina, dico, Colombina?<br>
'''Colombina''' – Signora, illustrissima, eccomi. (''svegliandosi'')<br>
 
===''Il cavaliere giocondo''===
<center>{{centrato|Camera in casa del Cavaliere.<br>''Il'' CAVALIER GIOCONDO ''in veste da camera e berretta, al tavolino, scrivendo''. FABIO, ''maestro di casa''.</center>}}
<poem>'''Fab.''' Signor, non ho danaro. Se voi me ne darete,
Provvederò al bisogno.
 
===''Il conte Caramella''===
<center>{{centrato|Cortile chiuso con porta in prospetto per dove entrano i vendemmiatori.<br>CECCO, ''capo de' Contadini vendemmiatori'', DORINA ''e'' GHITTA ''con cestelli d'uva vendemmiata''.</center>}}
<poem>'''Coro''' Bel godere il dolce frutto
Delle rustiche fatiche;
 
===''Il conte Chicchera''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Madama.<br>LUCREZIA, IPPOLITO, MADAMA LINDORA, ''Don'' FABRIZIO ''e'' CAVALLINA</center>}}
<poem>'''Lucr.''' Serva, Madama.
'''Mad.''' Serva, signori.
 
===''Il contrattempo''===
<center>{{centrato|Camera di Beatrice con tavoletta.<br>BEATRICE ''alla tavoletta'', CORALLINA ''che la serve''.</center>}}
'''Beat.''' Guarda un poco, Corallina, che ti pare di questi nèi? Li ho io distribuiti bene?<br>
'''Cor.''' La distribuzione è bella e buona, ma la novità mi fa un poco di specie.<br>
 
===''Il festino'' (Commedia di carattere)===
<center>{{centrato|Camera in casa del Conte<br>''Il'' CONTE ''e'' BALESTRA.</center>}}
<poem>'''Bal.''' Creda, signor padrone, la cosa è naturale,
Mancano i sonatori sul fin del carnovale.
 
===''Il festino'' (Dramma giocoso)===
<center>{{centrato|Camera in casa del Conte.<br>''Il Conte'' BELFIORE ''e'' BALESTRA</center>}}
<poem>'''Con.''' Tant'è, tant'è, Balestra,
Per terminar l'orchestra
 
===''Il feudatario''===
<center>{{centrato|Camera della Comunità, con sedie antiche.<br>NARDO ''che siede nel mezzo, con giubbone, berretta bianca, cappello e scarpe grosse''. CECCO ''con fazzoletto al collo, scarpe da caccia, berretta nera e cappello bordato''. MENGONE ''con capellatura e cappello di paglia, giubba grossolana e pantofole: tutti sedendo''.</center>}}
'''Nar.''' Sono due ore di sole, e i sindaci non si vedono.<br>
'''Cec.''' Pasqualotto è andato colla carretta a portare del vino al medico.<br>
 
===''Il filosofo''===
<center>{{centrato|ANSELMO ''solo''.</center>}}
<poem>Mondo, misero mondo!
Ognuno ti strapazza,
 
===''Il filosofo di campagna''===
<center>{{centrato|Giardino in casa di Don Tritemio.<br>EUGENIA ''con un ramo di gelsomini'', LESBINA ''con una rosa in mano''.</center>}}
<poem>'''Eug.''' Candidetto gelsomino,
Che sei vago in sul mattino,
 
===''Il filosofo inglese''===
<center>{{centrato|GIOACCHINO ''e'' BIRONE, ''ciascheduno dalla parte della sua bottega''</center>}}
<poem>'''Bir.''' Ecco i stampati fogli, che il padron mio vi manda: (''a Gioacchino'')
I soliti foglietti di Parigi e d'Olanda,
 
===''Il finto principe''===
<center>{{centrato|Appartamenti di Rosmira.<br>ROBERTO ''e'' ROSMIRA</center>}}
<poem>'''Rob.''' Rosmira, addio. (''in atto di partire'')
'''Rosm.''' Fermati, oh Dio! crudele.
 
===''Il frappatore''===
<center>{{centrato|Sala nella locanda dell'Aquila.<br>ELEONORA ''e'' COLOMBINA</center>}}
'''Col.''' Compatitemi, signora, se entro in un proposito in cui non ci dovrei entrare; ma l'amore che ho concepito per la vostra persona, mi obbliga a farlo.<br>
'''Eleon.''' Cara Colombina, conosco che siete una buona giovine, e ho piacere nel trattenermi con voi. So che voi vorreste conoscermi, e che vi svelassi l'esser mio e le mie contingenze, ma questa è l'unica cosa, da cui vi prego di dispensarmi.
 
===''Il geloso avaro''===
<center>{{centrato|Camera in casa di don Luigi.<br>DON LUIGI ''con un ritratto in mano, e poi'' BRIGHELLA.</center>}}
'''Lui.''' E sarà vero che tu m'abbia a far sospirare? Maledetto ritratto! ti getterò tra le fiamme. E poi, incenerito che sarà il ritratto, mi staccherò dal cuore l'originale? Ah no, s'io non mi strappo il cuore medesimo, in cui il perfido amore ha stampato l'effigie della mia tiranna.<br>
'''Brigh.''' Signor...<br>
 
===''Il genio buono e il genio cattivo''===
<center>{{centrato|Giardino rustico con vari alberi fruttiferi e varie piante di fiori. Da un lato una capanna grande, di cui non si vede che l'entrata. In fondo la scena due alti cespugli, o due folti boschetti di alberelli truccati uno per parte, e nel mezzo una fontana rustica parimente truccata. Più avanti, di qua e di là, due alberi isolati, uno per parte, anch'essi truccati.<br>ARLECCHINO ''e'' CORALLINA ''escono dalla capanna ridendo, saltando e cantando''.</center>}}
'''Cor.''' Allegramente, Arlecchino.<br>
'''Arl.''' Allegri, muggier, allegri.<br>
 
===''Il giuocatore''===
<center>{{centrato|Camera da giuoco nel casino<br>FLORINDO ''al tavolino da giuoco con lumi e carte, numerando denari; poi'' BRIGHELLA</center>}}
'''Flor.''' Chi è di là?<br>
'''Brigh.''' Illustrissimo.<br>
 
===''Il gondoliere veneziano ossia Gli sdegni amorosi''===
<center>{{centrato|BULEGHIN ''solo''.</center>}}
<poem>'''Bul.''' Cosa dirastu mai, Bettina cara,
Che tardi son vegnuo a retrovarte?
 
===''Il matrimonio discorde''===
<center>{{centrato|''Donna'' FLORIDA ''alla tavoletta''.</center>}}
<poem>Gran miseria d'una sposa,
Che ha il marito cacciatore!
 
===''Il matrimonio per concorso''===
<center>{{centrato|Sala comune a più appartamenti, nella locanda di Filippo.<br>LISETTA ''e'' FILIPPO, ''poi un'' SERVITORE</center>}}
'''Fil.''' Non temete di niente, vostro padre è fuori di casa; se egli verrà, noi saremo avvertiti, e possiamo parlare con libertà.<br>
'''Lis.''' Caro Filippo, non ho altro di bene che quei pochi momenti ch'io posso parlar con voi. Mio padre è un uomo stravagante, come sapete. Siamo a Parigi, siamo in una città dove vi è molto da divertirsi, ed io sono condannata a stare in casa, o a sortir con mio padre. Buona fortuna per me, che siamo venuti ad alloggiare nella vostra locanda, dove la vostra persona mi tiene luogo del più amabile, del più prezioso trattenimento.
 
===''Il medico olandese''===
<center>{{centrato|Camera con libreria di monsieur Bainer<br>''Mounsier'' GUDEN ''e'' PETIZZ.</center>}}
<poem>'''Pet.''' Signor, se trattenersi le aggrada in questo loco,
A casa il mio padrone dee ritornar fra poco.
 
===''Il mercato di Malmantile''===
<center>{{centrato|Piazza rustica in pianura con fabbriche antiche, e in distanza il castello di Malmantile sopra una collina. Varie botteghe amovibili, con merci e venditori, che formano il mercato, e vari contadini e contadine che vendono i loro prodotti.<br>BERTO, LENA ''e'' CECCHINA ''ai loro posti''. LAMPRIDIO, ''il'' CONTE DELLA ROCCA ''e'' BRIGIDA ''che passeggiano per il mercato, e'' RUBICCONE ''da un lato per esercitare la sua professione''.</center>}}
<poem>'''Tutti''' cantano come segue:
Che bella festa, che bel mercato!
 
===''Il Moliere''===
<center>{{centrato|MOLIERE ''e'' LEANDRO.</center>}}
<poem>'''Lean.''' Eh via, Moliere, amico, mostratevi gioviale;
Un autor di commedie, un uom che ha tanto sale,
 
===''Il mondo alla roversa o sia le donne che comandano''===
<center>{{centrato|Cortile spazioso, ornato di spoglie virili all'intorno, acquistate in varie guise dalle accorte Femmine. Termina il cortile con archi maestosi, oltre i quali vedesi la gran Piazza, da dove entrano nel cortile sovra carro trionfale, tirato da vari uomini:<br>TULLIA, CINTIA, AURORA, ''precedute da Coro di Donne, le quali portano seco delle catene e delle vittoriose insegne. Mentre si canta il Coro, gli Uomini s'incatenano''.</center>}}
<poem>'''Tull.''', '''Cin.''', '''Aur.''', Presto, presto, alla catena.
Alla usata servitù.
 
===''Il mondo della luna''===
<center>{{centrato|Notte con luna e cielo stellato. Terrazzo sopra la casa di Ecclitico con torre nel mezzo, o sia specula, ed un gran canocchiale su due cavalletti. Quattro fanali che illuminano il terrazzo.<br>ECCLITICO ''e quattro Scolari''.</center>}}
<poem>'''Tutti''' O Luna lucente,
Di Febo sorella,
 
===''Il negligente''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Filiberto.<br>FILIBERTO ''a sedere, e'' LISAURA</center>}}
<poem>'''Fil.''' Possibile che un giorno
Non possa star senza pensare a niente?
 
===''Il padre di famiglia''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Pancrazio con due tavolini, con sopra libri, carta e calamaio.<br>LELIO ''ad un tavolino, che studia''. FLORINDO ''all'altro tavolino, che scrive''. OTTAVIO, ''che assiste all'uno ed all'altro''.</center>}}
'''Ott.''' Testa dura, durissima come un marmo. (''a Lelio'')<br>
'''Lel.''' Avete ragione, signor maestro; sono un poco duro di cervello; ma poi sapete che, quando ho inteso, non fo disonore al maestro.<br>
 
===''Il padre per amore''===
<center>{{centrato|Camera in casa di don Fernando.<br>''Il'' CAVALIERE ANSALDO ''e'' FABRIZIO ''cameriere''.</center>}}
<poem>'''Cav.''' Fabrizio, a dirti il vero, non so quel ch'io mi faccia;
S'io rechi questo foglio, s'io il celi, o s'io lo straccia.
 
===''Il paese della cuccagna''===
<center>{{centrato|Spiaggia di mare con veduta di legni naufragati.<br>PANDOLINO, ''poi'' POLLASTRINA</center>}}
<poem>'''Pand.''' Chi m'insegna, chi mi dice
L'infelice Pollastrina
 
===''Il poeta fanatico''===
<center>{{centrato|Camera d'Ottavio.<br>OTTAVIO ''al tavolino'', ELEONORA, FLORINDO, ROSAURA ''e'' LELIO, ''tutti a sedere''.</center>}}
'''Ott.''' Signori miei, la nostra nuova accademia si va a gran passi avanzando, e spero sarà ella fra poco annoverata fra le primarie d'Europa, e darà motivo d'invidia e d'emulazione alle più rinomate. Voi mi avete onorato del titolo di principe dell'accademia, ed io non mancherò con tutto il possibile zelo di contribuire all'avanzamento di essa. Signor Florindo, ecco la vostra patente.
 
===''Il povero superbo''===
<center>{{centrato|Stanza contigua alla cucina, in casa di Pancrazio.<br>LISETTA ''e'' SCROCCA ''che mangia''.</center>}}
<poem>'''Lis.''' Via, mangiate e bevete,
E vi faccia buon pro: statevi allegro,
 
===''Il prodigo''===
<center>{{centrato|Cortile in casa di Momolo, corrispondente alla Brenta.<br>CELIO, BEATRICE, TRAPPOLA ''fattore''.</center>}}
'''Trapp.''' Signori, il padrone non è ancora alzato, e non è solito alzarsi così per tempo.<br>
'''Beat.''' Dite a mio fratello che mi preme parlargli.<br>
 
===''Il Quartiere fortunato''===
<center>{{centrato|BELLINDA ''sola''.</center>}}
<poem>'''Bell.''' Vedovella ch'è senza marito,
È una vite senz'olmo in campagna,
 
===''Il raggiratore''===
<center>{{centrato|Camera in casa del conte Nestore.<br>''Il'' CONTE, ''il'' DOTTORE, CAPPALUNGA ''ed'' ARLECCHINO</center>}}
'''Con.''' In due parole vi spiccio tutti.<br>
'''Dott.''' La prego io, signor Conte, che ho degli affari alla Curia.<br>
 
===''Il ricco insidiato''===
<center>{{centrato|Camera in casa del conte Orazio<br>RAIMONDO ''e'' BIGOLINO, ''uno da una parte, l'altro dall'altra, incontrandosi''.</center>}}
<poem>'''Rai.''' Buon giorno, Bigolino
'''Big.''' Raimondo, vi saluto.
 
===''Il signor dottore''===
<center>{{centrato|Piazzetta del Borgo con Spezieria.<br>FABRIZIO ''solo''.</center>}}
<poem>Signor Ippocrate,
Signor Galeno,
 
===''Il Teatro Comico''===
<center>{{centrato|''S'alza la tenda. E prima che intieramente sia alzata, esce'' ORAZIO, ''poi'' EUGENIO.</center>}}
'''Orazio''' Fermatevi, fermatevi, non alzate la tenda, fermatevi. (''verso la scena'')<br>
'''Eugenio''' Perché, signor Orazio, non volete, che si alzi la tenda?<br>
 
===''Il tutore''===
<center>{{centrato|Camera di Rosaura.<br>ROSAURA ''e'' CORALLINA, ''che lavorano''.</center>}}
'''Cor.''' Questa tela è molto fina, non vi è dubbio ch'ella vi scortichi le carni.<br>
'''Ros.''' Il signor Pantalone mi vuol bene, me l'ha comprata di genio.<br>
 
===''Il vecchio bizzarro''===
<center>{{centrato|Casino di giuoco con tavolini e sedie.<br>MARTINO ''che taglia alla bassetta ad un tavolino'', OTTAVIO ''e'' FLORINDO ''che puntano''.</center>}}
'''Ott.''' Va il ''due'' a quattro ducati.<br>
'''Mart.''' Va. ''Do'' xe andà.<br>
 
===''Il vero amico''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Lelio.<br>FLORINDO ''solo passeggia e pensa, poi dice''.</center>}}
'''Flor.''' Sì, vi vuol coraggio: bisogna fare un'eroica risoluzione. L'amicizia ha da prevalere, e alla vera amicizia bisogna sagrificare le proprie passioni, le proprie soddisfazioni, e ancora la vita stessa, se è necessario. Ehi, Trivella. (''chiama'')
 
===''Il viaggiatore ridicolo''===
<center>{{centrato|Camera in casa di don Fabrizio, con varie sedie e tavolino.<br>DON FABRIZIO, DONNA EMILIA, ''il'' CONTE ''a sedere bevendo la cioccolata,'' LIVIETTA ''in piedi, e'' GIACINTO ''che serve''.</center>}}
<poem>'''Tutti''' Quanto è buono il cioccolato
Che si beve in compagnia!
 
===''Ircana in Julfa''===
<center>{{centrato|Viale de' platani con veduta della città di Julfa con porta e ponte levatore. Sole che spunta<br>IRCANA ''in abito virile sopra un sedile erboso, che dorme fra i platani''. BULGANZAR ''che passeggia a poca distanza''.</center>}}
<poem>'''Bulganzar''': Quanto aspettar dovremo, che a Julfa apran le porte?
Quest'aria sul mattino pizzica troppo forte.
 
===''L'adulatore''===
<center>{{centrato|DON SANCIO ''a sedere'', DON SIGISMONDO ''in piedi''.</center>}}
'''Sig'''. Eccellenza, ho formato il dispaccio per la Corte. Comanda di sentirlo?<br>
'''Sanc.''' È lungo questo dispaccio?<br>
 
===''L'Amante Cabala''===
<center>{{centrato|LILLA ''e'' FILIBERTO</center>}}
<poem>'''Lilla''' Resti, resti, e non s'incomodi.
'''Filib.''' Vuò venir; questo è il mio debito.
 
===''L'amante di sé medesimo''===
<center>{{centrato|Camera in casa di don Mauro<br>''Il'' CONTE DELL'ISOLA ''ed il signor'' ALBERTO.</center>}}
<poem>'''Con.''' Un'ora star con voi solo, amico, mi preme.
Berrem, se non vi spiace, la cioccolata insieme.
 
===''L'amante militare''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Pantalone.<br>ROSAURA ''e don'' ALONSO, ''ambi a sedere''.</center>}}
'''Ros.''' Caro don Alonso, vi supplico a ritirarvi.<br>
'''Alon.''' Perché, adorata Rosaura, mi allontanate da voi?<br>
 
===''L'amore artigiano''===
<center>{{centrato|Piazzetta con varie case e botteghe ancora chiuse.<br>''Vedesi appena l'alba, e a poco a poco si va rischiarando''. ROSINA ''apre la finestra e si fa vedere; poi'' ANGIOLINA ''fa lo stesso nell'abitazione sua dirimpetto a quella della'' ROSINA; ''poi'' GIANNINO ''viene di strada, suonando il chitarrino e cantando''.</center>}}
<poem>'''Ros.''' (''Apre la finestra e si fa vedere'')
Bella cosa gli è il vedere
 
===''L'amore paterno''===
<center>{{centrato|ARLECCHINO ''in abito da campagna, e'' SCAPINO</center>}}
'''Scap.''' Oh oh, signor Arlecchino, ben tornato dalla campagna.<br>
'''Arl.''' Com'èla, Scapin? Cossa vol dir? Mi te credeva ancora in Italia. Per che rason et tornà a Parigi?<br>
 
===''L'apatista''===
<center>{{centrato|''Il Cavaliere e don Paolino.''</center>}}
<poem>'''Paolino''': Cavalier, perdonate, se pria non son venuto
D'affetto e d'amicizia a rendervi un tributo.
 
===''L'Arcadia in Brenta''===
<center>{{centrato|Camera terrena in casa di messer Fabrizio.<br>FABRIZIO ''che dorme sopra una poltrona, in veste da camera, e'' FORESTO</center>}}
<poem>'''For.''' Oh questa sì ch'è bella!
Il padrone di casa
 
===''L'avaro''===
<center>{{centrato|'''Don Ambrogio''' ''solo''.</center>}}
Oh quanto vale al mondo un poco di buona regola! Ecco qui, in un anno, dopo la morte di mio figliuolo, ho avanzato due mila scudi. Sa il cielo, quanto mi è dispiaciuto il perdere l'unico figlio ch'io aveva al mondo, ma s'ei viveva un paio d'anni ancora, l'entrate non bastavano, e si sarebbono intaccati i capitali. È grande l'amor di padre, ma il danaro è pure la bella cosa! Spendo ancora più del dovere, per cagione della nuora ch'io tengo in casa. Vorrei liberarmene, ma quando penso che ho da restituire la dote, mi vengono le vertigini. Sono fra l'incudine ed il martello. Se sta meco, mi mangia le ossa; se se ne va, mi porta via il cuore. Se trovar si potesse... Ecco qui quest'altro tàccolo, che mi tocca soffrire in casa. Un altro regalo di mio figliuolo; ma ora dovrebbe andarsene.
 
===''L'avventuriere onorato''===
<center>{{centrato|Camera di donna Aurora.<br>''Donna'' AURORA ''e'' BERTO.</center>}}
'''Aur.''' Viene a me questo viglietto?<br>
'''Ber.''' Sì signora, a lei.<br>
 
===''L'avvocato veneziano''===
<center>{{centrato|Camera dell'avvocato in casa di Lelio, con tavolino, scritture, calamaio ed una tabacchiera sul tavolino medesimo.<br>ALBERTO ''in veste da camera e parrucca, che sta al tavolino scrivendo, e guardando libri e scritture; poi'' LELIO</center>}}
'''Alb.''' Me par impossibile che el mio avversario voggia incontrar sto ponto<ref>''Ponto'' è lo stesso che ''articolo''.</ref>. La rason xe evidente, la disputa è chiara, e l'articolo xe dalla legge deciso.<br>
'''Lel.''' Signor Alberto, che fate voi con tanto studiare? Prendete un poco di respiro; divertitevi un poco. Non vedete che il sol tramonta? Sono quattr'ore che siete al tavolino.<br>
 
===''L'erede fortunata''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Pancrazio, con varie sedie.<br>PANCRAZIO, OTTAVIO, DOTTORE, FLORINDO ''ed un'' NOTARO, ''tutti a sedere, e'' TRASTULLO ''in piedi'.</center>}}
'''Panc.''' Signor Dottore, adesso si leggerà il testamento del quondam signor Petronio vostro fratello, e se voi sarete l'erede, o se voi sarete il tutore di Rosaura sua figlia, son pronto a darvi tutto, fino a un picciolo. Egli è morto in casa mia, ma è morto in casa di un galantuomo. Siamo stati compagni di negozio, e ci siamo amati come due fratelli. Gli sono stato fedele in vita, gli sarò fedele anche dopo morte; e mi scoppia il cuore nel pensare che il cielo mi ha tolta la cosa più cara che aveva in questo mondo. Signor notaro, apra il testamento e lo legga.
 
===''L'impostore''===
<center>{{centrato|Luogo campestre con osteria.<br>BRIGHELLA ''in divisa militare, con bastone e schioppo da sargente, alla testa di alcuni soldati ch'egli fa marciare con ordine, e dopo aver loro comandato alcuni piccioli movimenti, li fa schierare in fondo alla scena, e riposare sull'armi''. ORAZIO ''da un lato sta osservando l'operazion di Brighella, dopo di che questi si accosta ad Orazio, parlando fra di loro, in distanza tale da non essere intesi dai soldati''.</center>}}
'''Oraz.''' Bravo, signor sargente. (''ironico'')<br>
'''Brigh.''' Grazie umilissime all'onor che me fa l'illustrissimo signor capitano, (''anch'egli con ironia'')<br>
 
===''L'impresario di Smirne''===
<center>{{centrato|Sala comune nella locanda di Beltrame.<br>''Beltrame aggiustando i mobili della sala, poi il Conte Lasca''</center>}}
'''Las.''' Buon giorno, messer Beltrame.<br>
'''Beltr.''' Servitor umilissimo del signor Conte. Che cosa ha da comandarmi?<br>
 
===''L'incognita''===
<center>{{centrato|Campagna, e si vede l'aurora che va dilatandosi.<br>ROSAURA ''e'' FLORINDO</center>}}
'''Ros.''' Oh Dio! Florindo, dove mi conducete voi?<br>
'''Flor.''' Andiamo, e non temete. Un calesse ed un cavallo ci aspettano. Voi salirete in calesse con Colombina, io a cavallo vi seguirò, e fra un'ora al più saremo in luogo sicuro.<br>
 
===''L'ippocondriaco''===
<center>{{centrato|MELINDA ''sola''.</center>}}
<poem>Crepa, schiatta, in malora,
Prego il ciel che da vero
 
===''L'isola disabitata''===
<center>{{centrato|Spiaggia marittima nel litorale dell'Isola con navi in qualche distanza, e varie feluchette vicine, dalle quali sbarcano ROBERTO, VALDIMONTE, GARAMONE, PANICO, CAROLINA, GIACINTA, MARINELLA, ''Artefici, Marinari e Soldati''.</center>}}
<poem>'''Coro pieno''' Che bel piacere dal mare infido
Scender contenti sul caro lido!
 
===''L'osteria della posta''===
<center>{{centrato|''Il'' MARCHESE, ''il'' TENENTE ''e il'' CAMERIERE ''dell'Osteria''.</center>}}
'''Ten.''' Ehi, oste, camerieri, diavoli, dove siete?<br>
'''Cam.''' Eccomi a servirla. Comandi.<br>
 
===''L'uomo di mondo''===
<center>{{centrato|Strada con canale in prospetto, da un lato la casa del Dottore Lombardi, e dall'altro la locanda di Brighella coll'insegna del Fungo.<br>''Vedesi arrivare una gondola col suo'' GONDOLIERE. SILVIO ''e'' BEATRICE ''da viaggio sbarcano''. TRUFFALDINO ''sta in attenzione, per portar se occorre''. LUDRO ''in disparte, che osserva, poi'' BRIGHELLA ''dalla locanda''.</center>}}
'''Gond.''' Per terra<ref>Termine con cui in Venezia si chiamano i facchini, quando si ha bisogno dell'opera loro.</ref>. (''gridando forte'')<br>
'''Truff.''' Son qua mi. Volìu che porta la gondola?<br>
 
===''L'uomo prudente''===
<center>{{centrato|Notte. Camera di Beatrice, con tre tavolini e sedie, candelieri con candele accese, e sei tazze di tè.<br>BEATRICE ''a sedere al tavolino di mezzo''. LELIO ''a sedere accanto di lei''. DIANA ''a sedere al tavolino a parte sinistra''. OTTAVIO ''a sedere presso di lei''. ROSAURA ''a sedere al tavolino a parte dritta''. FLORINDO ''accanto di lei. Tutti bevendo il tè''.</center>}}
'''Beat.''' Signor Lelio, sentite com'è grazioso questo tè.<br>
'''Lel.''' Non può essere che grazioso ciò che viene dispensato da una mano, ch'è tutta grazia.<br>
 
===''La bancarotta''===
<center>{{centrato|Strada con varie case.<br>SILVIO ''e'' BRIGHELLA</center>}}
'''Brigh.''' Lustrissimo, se la me permette, gh'ho da dar una polizza.<br>
'''Silv.''' Date qui. ''Conto dell'Illustrissimo Signor Conte Silvio Aretusi. D.D.'' A chi devo dar io?<br>
 
===''La birba''===
<center>{{centrato|ORAZIO ''di casa, cacciato da quattro che poi affiggono su la porta un cartello, e partono''.</center>}}
<poem>'''Oraz.''' Piano, piano, signori,
Abbiate compassione
 
===''La Bottega da caffè''===
<center>{{centrato|NARCISO e Garzoni.</center>}}
<poem>'''Narc.''' Ànemo, spiritosi,
Disinvolti, graziosi,
 
===''La buona famiglia''===
<center>{{centrato|''La signora'' COSTANZA, ''la signora'' ISABELLA, LISETTA; ''tutte tre lavorano''.</center>}}
'''Isab.''' Come è bello questo lino, signora madre.<br>
'''Cost.''' Vuol venire una bellissima tela.<br>
 
===''La buona figliuola''===
<center>{{centrato|Giardino delizioso, adorno di vari fiori, con veduta del Palazzo del Marchese.<br>CECCHINA ''sola''.</center>}}
<poem>Che piacer, che bel diletto
È il vedere, in sul mattino,
 
===''La buona figliuola maritata''===
<center>{{centrato|Camera.<br>MARIANNA, ''il'' CAVALIERE ''e'' MENGOTTO</center>}}
<poem>'''Cav.''' Della bella Marchesina
Son cognato e ammirator.
 
===''La buona madre''===
<center>{{centrato|Camera in casa della signora Barbara.<br>BARBARA ''stirando delle camiscie ed altre cose bianche sottili, e'' GIACOMINA ''che lavora; poi'' MARGARITA</center>}}
'''Barb.''' Margarita. (''chiamando'')<br>
'''Marg.''' Siora. (''di dentro'')<br>
 
===''La buona moglie''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Bettina.<br>BETTINA ''a sedere, che fa le calze e sta cullando un bambino, poi'' MOMOLA.</center>}}
'''Bett.''' (''Cullando canta'') Sto putelo no vol dormir. No so cossa mai che el gh'abia. No gh'ho mai un'ora de ben. Uh, quanto che stava megio da maridar! Almanco dormiva i mi soni, laorava co ghe n'aveva vogia, e andava a spasso co voleva. Me recordo che el me lo diseva el sior Pantalon, mio missier: Betina, magnerè el pan pentio. Oh! lo magno, lo magno. No credeva mai che Pasqualin me avesse da far sta cativa vita. Malignaze le cative pratiche! No gh'è caso: sto putelo no vol dormir. Momola. (chiama) Adesso vita mia, sangue mio, te farò far la papa, sa, caro. Momola. Momola. Anca sì che sta frasconazza xe sul balcon! Momola.
 
===''La burla retrocessa nel contraccambio''===
<center>{{centrato|Camera.<br>GOTTARDO ''e'' PLACIDA</center>}}
'''Gott.''' E bene. Cosa c'è? Cos'avete? Dopo sei giorni di matrimonio, cominciate di già a farmi il grugno?<br>
'''Plac.''' Veramente in questi primi giorni voi mi date gran ragione di star allegra!<br>
 
===''La calamita de' cuori''===
<center>{{centrato|Tempio dedicato ad Amore col simulacro di Cupido ed ara accesa.<br>ARMIDORO, GIACINTO, PIGNONE ''e'' SARACCA</center>}}
<poem>Bell'idolo d'Amore,
Che m'impiagasti il core,
 
===''La cameriera brillante''===
<center>{{centrato|FLAMINIA ''e'' CLARICE.</center>}}
'''Clar.''' Questa è una vita da diventar etiche in poco tempo.<br>
'''Fla.''' Io per me ci sto volentierissima in villa.<br>
 
===''La Cantarina''===
<center>{{centrato|''Madama'' GELTRUDA ''e'' LORINO</center>}}
<poem>'''Mad.''' Ve l'ho detto, e il torno a dir:
Gelosia non vuò soffrir.
 
===''La casa nova''===
<center>{{centrato|''Camera d'udienza nella casa nova.''<br>SGUALDO ''Tappezziere, Pittori, Fabbri, Falegnami che lavorano intorno alla camera, poi'' LUCIETTA</center>}}
'''Sgu.''' Fenimo sta camera za che ghe semo. Questa ha da esser la camera da recever; e el paron el vol che la sia all'ordene avanti sera. Intanto, che i fenisse de far la massarìa<ref>Lo sgombero, o sia il trasporto de' mobili da una casa all'altra.</ref>, el vol sta camera destrigada<ref>Sbarazzata.</ref>. Da bravo, sior Onofrio fenì de dar i chiari scuri a quei sfrisi. Vu, mistro Prospero, mettè quei caenazzetti<ref>Piccoli chiavistelli.</ref> a quela porta; e vu, mistro Lauro, insoazè<ref>Mettere la cornice.</ref> quella erta, e destrighèmose, se se pol. (''i lavoratori eseguiscono'')
 
===''La cascina''===
<center>{{centrato|Campagna parte in collina, parte in pianura, con animali bovini che vanno qua e là pasturando.<br>''La'' LENA ''e la'' CECCA, ''sedendo sopra alcuni sassi al piano, colle loro rocche filando''. PIPPO ''e'' BERTO ''in collina, tagliando il fieno. La'' LENA ''e la'' CECCA, ''cantando insieme''.</center>}}
<poem>Io non conosco amore,
E pur lo provo al cor.
 
===''La castalda''===
<center>{{centrato|CORALLINA ''ed'' ARLECCHINO ''seduto ad una tavola, che mangia e beve''.</center>}}
'''Cor.''' Animo, animo, mangiate e bevete, che buon pro vi faccia.<br>
'''Arl.''' Oh che onorata gastalda! Oh, quanto che ve son obligà! Cussì sti bocconcini la mattina per el fresco i me tocca el cuor.<br>
 
===''La contessina''===
<center>{{centrato|Camera di Pancrazio.<br>PANCRAZIO ''e'' LINDORO</center>}}
<poem>'''Pancr.''' Vieni fra le mie braccia, amato figlio.
Ma no, degno non sei
 
===''La conversazione''===
<center>{{centrato|Camera di conversazione, con sedie.<br>MADAMA LINDORA, ''Donna'' BERENICE, ''Don'' FILIBERTO, ''Don'' FABIO, SANDRINO, GIACINTO ''e'' LUCREZIA, ''tutti a sedere bevendo la cioccolata''.</center>}}
<poem>'''Tutti'''
Che bevanda delicata!
 
===''La dama prudente''===
<center>{{centrato|Camera di donna Eularia.<br>COLOMBINA ''che sta facendo una scuffia, ed il'' PAGGIO.</center>}}
'''Col.''' Paggio, fatemi un piacere, datemi quelle spille.<br>
'''Pagg.''' Volentieri, ora ve le do. (''le va a prendere da un tavolino'')<br>
 
===''La diavolessa''===
<center>{{centrato|Camera nobile di locanda.<br>DORINA ''e'' GIANNINO, ''poi'' FALCO</center>}}
<poem>'''Dor.''' Ho risolto, voglio andar.
Non mi state a tormentar.
 
===''La donna bizzarra''===
<center>{{centrato|MARTORINO ''ed il'' CAPITANO.</center>}}
<poem>'''Mar.''' Oh signor capitano, venuto è di buon'ora!
'''Cap.''' La padrona è levata?
 
===''La donna di garbo''===
<center>{{centrato|ROSAURA ''e'' BRIGHELLA</center>}}
'''Ros.''' Sì, Brighella, voglio appagarvi. La bontà che avete avuta per me, la vostra fedeltà e il debito ch'io vi professo, m'obbligano a darvi questa soddisfazione. Sono pronta a svelarvi l'esser mio, e per qual cagione mi sia dalla mia patria involata.<br>
'''Brigh.''' Veramente son stà un omo troppo facile a introdurve per serva qua in casa dei mii padroni, senza prima saver chi fussi. M'ha piasso la vostra idea e ho volesto crederve, tanto più che ve sé impegnada de dirme tutto. Ve prego mo no ingannarme, e più tosto che dirme qualche filastrocca, seguitè a taser, che me contento.
 
===''La donna di governo'' (Commedia)===
<center>{{centrato|Camera<br>VALENTINA ''e'' BALDISSERA.</center>}}
<poem>'''Val.''' Zitto, parlate piano.
'''Bal.''' Dorme ancora il padrone?
 
===''La donna di governo'' (Dramma Giocoso)===
<center>{{centrato|Cantina con varie botti; tavola in mezzo con vivande.<br>CORALLINA, LINDORA ''e'' RIDOLFO, MOSCHINO ''e'' TIRITOFFOLO, ''sopra una panca''.<br>Tutti seduti a tavola, che mangiano, bevono e cantano.</center>}}
<poem>'''Tutti''' Bel piacer ch'è l'allegria!
Bel piacere in compagnia
 
===''La donna di maneggio''===
<center>{{centrato|Camera di donna Giulia, con tavolino e sedie.<br>''Donna'' GIULIA ''e'' FABRIZIO, ''ambi seduti al tavolino''.</center>}}
'''Fabr.''' Questa è la lettera che va al marchese di Cappio.<br>
'''Giu.''' Sentiamo. Illustrissimo Signore, Signor mio colendissimo. Perché non ci avete messo il Padrone?<br>
 
===''La donna di testa debole''===
<center>{{centrato|Camera di ritiro di donna Violante, con un tavolino carico di libri e fogli e calamaio ecc.<br>DONNA VIOLANTE ''sedendo al tavolino e leggendo, ed'' ARGENTINA</center>}}
'''Arg.''' Signora padrona.<br>
'''Vio.''' Lasciami studiare.<br>
 
===''La donna forte''===
<center>{{centrato|Camera in casa di don Fernando.<br>''Don'' FERNANDO ''e'' PROSDOCIMO.</center>}}
<poem>'''Fer.''' Questa volta, Prosdocimo, convien che adoperiate
Quel valor, quel coraggio, che posseder vantate.
 
===''La donna sola''===
<center>{{centrato|Camera di donna Berenice<br>DONNA BERENICE ''sola, poi'' FILIPPINO.</center>}}
<poem>'''Ber.''' Son pur lieta e contenta. Mi par d'esser rinata,
Or che son dalla villa in Milan ritornata.
 
===''La donna stravagante''===
<center>{{centrato|Camera di don Riccardo con tavolino, sedie e lumi.<br>DON RICCARDO ''sedendo al tavolino, e'' CECCHINO.</center>}}
<poem>'''Ric.''' Ehi!
'''Cec.''' Signore.
 
===''La donna volubile''===
<center>{{centrato|Camera di Rosaura.<br>ROSAURA, ''vestita pomposamente, a sedere ad un tavolino collo specchio in mano''.</center>}}
'''Ros.''' Questa scuffia mi sta malissimo; non si confà niente all'aria del mio viso; mi fa parer brutta. Se viene il signor Florindo, e mi vede con questa scuffia, non mi conosce più. Oh, non mi servo mai più di questa scuffiara! Gran disgrazia è la mia! Ho cambiato più di trenta scuffiare; tutte per un poco mi servono bene, e poi cambiano la mano e mi servono male. Questa scuffia non la voglio assolutamente. Ehi, donne, dove siete? Dove siete, donne?
 
===''La donna vendicativa''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Ottavio.<br>CORALLINA ''e'' FLORINDO</center>}}
'''Cor.''' Trattenetevi qui, che or ora parleremo con comodo.<br>
'''Flor.''' Dove andate così presto?<br>
 
===''La famiglia dell'antiquario''===
<center>{{centrato|''Camera del Conte Anselmo, con vari tavolini, statue, busti e altre cose antiche''</center>}}
''Il Conte Anselmo ad un tavolino, seduto sopra una poltrona, esaminando alcune medaglie, con uno scrigno sul tavolino medesimo; poi Brighella''.
 
 
===''La favola de' tre gobbi''===
<center>{{centrato|Camera con due porte.<br>''Madama'' VEZZOSA ''con un Servitore''.</center>}}
<poem>Sì, lo so, non replicar;
Tutti muoiono per me.
 
===''La fiera di Sinigaglia''===
<center>{{centrato|Piazza o sia centro della Fiera con varie botteghe, fra le quali una bottega di caffè, una di chincaglie, una di panni e sete ecc. Da una parte locanda con finestra, dirimpetto alla bottega da caffè.<br>''Il'' CONTE ERNESTO ''sedendo al Caffè'', LISAURA ''per la Fiera'', LESBINA ''sulla porta della sua Bottega'', GIACINTA ''alla finestra della sua Locanda'', ORAZIO ''alla sua Bottega di panni'', PROSPERO ''alla sua Bottega di chincagliere'', GRIFFO ''passeggiando''.</center>}}
<poem>'''Tutti''' Dove sono i tempi andati?
I negozi son spiantati,
 
===''La figlia obbediente''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Pantalone.<br>ROSAURA ''e'' BEATRICE</center>}}
'''Ros.''' Venite, amica, venite. Son sola, son malinconica, ho bisogno d'un poco di compagnia.<br>
'''Beat.''' Spero io essere venuta ad iscacciare la vostra malinconia.<br>
 
===''La finta ammalata''===
<center>{{centrato|Bottega di speziale.<br>AGAPITO ''sedendo e leggendo i foglietti''. TIBURZIO ''dentro al banco. Dottor'' MERLINO ''e'' TARQUINIO, ''che giuocano a sbaraglino''.</center>}}
'''Agap.''' Oh, chi l'avesse mai detto, che l'imperator della China avesse a sposare la figlia del re del Mogol!<br>
'''Tarq.''' Il signor Agapito non pensa altro che alle novità, e lascia la spezieria in mano de' suoi garzoni. (''giuocando'')<br>
 
===''La fondazion di Venezia''===
<center>{{centrato|LA COMMEDIA ''sola si trova in Scena''.</center>}}
<poem>Care spiagge adorate, a voi ritorno,
E qui dove non turba
 
===''La gelosia di Lindoro''===
<center>{{centrato|Camera con grand'armadio nel fondo. – Da una parte tavolino da scrivere ad uso di segretario, dall'altra un altro tavolino con sopra della biancheria, cioè sei o sette camicie proprie e pulite, ed una cestella col bisogno per lavorare di bianco, ed una sedia a ciaschedun tavolino.<br>'''Zelinda''' ''a sedere lavorando'', '''Lindoro''' ''a sedere scrivendo''.</center>}}
'''Zel.''' Lindoro. (''chiamandolo, dopo essere stati un poco senza dir niente'')<br>
'''Lin.''' (''scrivendo'') Cosa volete?<br>
 
===''La guerra''===
<center>{{centrato|Camera in casa del Commissario, con lumi accesi, con tavolini, sedie, ecc.<br>''Don'' FABIO ''che taglia al faraone. Il'' CONTE CLAUDIO, ''che punta al faraone. Donna'' FLORIDA ''e don'' FAUSTINO ''a sedere, parlando e amoreggiando fra di loro. Don'' FERDINANDO ''e donna'' ASPASIA ''a un altro tavolino, bevendo, con bottiglia, bicchieri ecc. Altri due Ufficiali, che puntano al Faraone. Altri Ufficiali, che giocano ad un altro tavolino. Un'' CAPORALE.</center>}}
'''Con.''' Paroli al sette.<br>
'''Fau.''' Donna Florida, mi permettete ch'io vada a quella banca di faraone ad arrischiar la mia sorte?<br>
 
===''La madre amorosa''===
<center>{{centrato|Camera di donna Aurelia.<br>DONNA AURELIA ''e'' PANTALONE.</center>}}
'''Pant.''' La supplico de benigno perdon, se vegno a darghe el presente incomodo. L'affar xe de premura; e el zelo della mia servitù me conduse a sta ora importuna a incomodar vusustrissima.<br>
'''Aur.''' Caro signor Pantalone, in ogni tempo vi vedo assai volentieri. La vostra buona amicizia mi ha sempre giovato, e non sarà che profittevole per me l'incomodo che ora vi siete preso.
 
===''La mascherata''===
<center>{{centrato|Luogo terreno che introduce al cortile di Beltrame, dove le Donne lavorano la seta.<br>DONNE ''che incannano la seta e cantano, indi'' BELTRAME</center>}}
<poem>'''Donne''' Amore è fatto come un uccelletto,
Che va di ramo in ramo saltellando:
 
===''La moglie saggia''===
<center>{{centrato|Anticamera nel palazzo della marchesa Beatrice, con una tavola in mezzo con bocce di vino e bicchieri.<br>BRIGHELLA, ARLECCHINO, FALOPPA, PISTONE ''intorno la suddetta tavola, che bevono''.</center>}}
'''Arl.''' Salute, patroni. (''beve'')<br>
'''Brigh.''' Viva, compare Arlecchin. (''beve'')<br>
 
===''La Pelarina''===
<center>{{centrato|PELARINA ''e'' VOLPICIONA</center>}}
<poem>'''Pel.''' Non me ne dite altre.
'''Volp.''' Ma se il tuo ben...
 
===''La pupilla'' (commedia)===
<center>{{centrato|''Messer'' LUCA, PANFILO.</center>}}
<poem>'''Luca''' Vi è nessun che ci ascolti?
'''Pan.''' No, certissimo.
 
===''La Pupilla'' (intermezzo)===
<center>{{centrato|ROSALBA ''sola''.</center>}}
<poem>Misera condizion del nostro sesso!
In ogni stato, in ogni età le donne
 
===''La putta onorata''===
<center>{{centrato|Camera del Marchese.<br>Il marchese Ottavio in veste da camera al tavolino scrivendo e la marchesa Beatrice in abito di gala.</center>}}
'''Ott.''' Sì signora, v'ho inteso; lasciatemi scrivere questa lettera.<br>
'''Beat.''' Questa sera vi è la conversazione in casa della Contessa.<br>
 
===''La ritornata di Londra''===
<center>{{centrato|Piazza con la casa del Conte da un lato.<br>''Vedesi arrivato il carrozzino a quattro cavalli di'' MADAMA PETRONILLA, ''ed un calesse di seguito per la Cameriera ed un Cameriere, e vari Servitori di dietro di ciascun legno. Smontano dal calesse'' GIACINTA ''ed il Cameriere ed i Servitori tutti, e s'accostano al carrozzino di cui apresi l'uscita. Escono'' MADAMA PETRONILLA, ''il'' MARCHESE DEL TOPPO, ''il'' BARONE DI MONTEFRESCO ''e'' ''Carpofero. Dal palazzo del Conte vengono altri Servitori a ricevere Madama, invitandola ad entrare per ordine del Padrone. Discesi tutti, s'avanzano, servita'' MADAMA ''dal'' MARCHESE ''e dal'' BARONE</center>}}
<poem>'''Mad.''', '''Carp.''', '''Giac.''' ''a tre''
Bel piacer quando s'arriva
 
===''La scuola di ballo''===
<center>{{centrato|Sala del maestro di ballo.<br>''Monsieur'' Rigadon, Giuseppina, Rosalba, Felicita, Filippino, Carlino, ''altri ballerini e ballerine; tutti a sedere, fuorché Rigadon. Mentre di vedono questi due in azione, Felicita imparando a ballare il minuetto, e Rigadon insegnandole col suo violino''</center>}}
<poem>'''Rig.''' Alto con quella testa: il petto in fuori:
Quelle punte voltate un poco più:
 
===''La scuola moderna''===
<center>{{centrato|Galleria.<br>LEONORA ''ricamando'', DRUSILLA ''lavorando merletti'', LINDORO ''scrivendo al tavolino; altre Ragazze che sono alla scola, indi'' BELFIORE ''che arriva''.</center>}}
<poem>'''Belf.''' Benedetti! sì vi voglio.
Tutt'intenti a lavorar.
 
===''La serva amorosa''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Ottavio.<br>OTTAVIO ''e'' PANTALONE</center>}}
'''Ott.''' Qui, qui, signor Pantalone, in questa camera parleremo con libertà.<br>
'''Pant.''' Son qua, dove che volè.<br>
 
===''La sposa sagace''===
<center>{{centrato|''Donna'' BARBARA ''e'' LISETTA.</center>}}
<poem>'''Bar.''' È svegliato Mariano?
'''Lis.''' Credo di sì, signora.
 
===''La vedova spiritosa''===
<center>{{centrato|Camera di donna Placida<br>DONNA PLACIDA ''e'' DONNA LUIGIA.</center>}}
<poem>'''Pla.''' Grazie al cielo, germana, l'anno è di già compito,
Che vedova rimasi in casa del marito.
 
===''La vendemmia''===
<center>{{centrato|Esterno di Giardino.<br>CECCHINA, ROSINA ''con altri Contadini e Villanelle raccolti per la vendemmia''. IPPOLITO e FABRIZIO</center>}}
<poem>'''Tutti''' Bel goder la fresca aurora
Che c'invita a respirar.
 
===''La villeggiatura''===
<center>{{centrato|Sala terrena di conversazione in casa di don Gasparo.<br>DON RIMINALDO ''che taglia al faraone,'' DON CICCIO, DON MAURO, ''che puntano;'' DONNA FLORIDA ''e'' DON EUSTACHIO ''ad un altro tavolino, che giocano a picchetto''. DONNA LAVINIA ''sedendo da un'altra parte, leggendo un libro''.</center>}}
'''Flo.''' Facciamo che questa partita sia l'ultima; già non vi è gran differenza.<br>
'''Eus.''' Finiamola presto dunque, che voglio veder di rifarmi alla bassetta. Colà giocano ancora.<br>
 
===''Le avventure della villeggiatura''===
<center>{{centrato|''Sala terrena in casa di Filippo, con tavolini da gioco, sedie, canapè ecc. Gran porta aperta nel fondo, per dove si passa nel giardino. Brigida, Paolino, Tita, Beltrame''.</center>}}
'''Brigida''': Venite, venite, che tutti dormono.<br>
'''Paolino''': Anche da noi non è molto che si son coricati.<br>
 
===''Le Baruffe Chiozzotte''===
<center>{{centrato|''Strada con varie casupole''.<br>PASQUA ''e'' LUCIETTA ''da una parte''. LIBERA, ORSETTA ''e'' CHECCA ''dall'altra. Tutte a sedere sopra seggiole di paglia, lavorando merletti su i loro cuscini posti ne' loro scagnetti''.</center>}}
'''Luc.''' Creature, còssa diséu de sto tempo?<br>
'''Ors.''' Che órdene xélo?<br>
 
===''Le donne curiose''===
<center>{{centrato|Camera con porte chiuse.<br>OTTAVIO ''leggendo un libro'', FLORINDO ''e'' LEANDRO ''giuocando a dama''. LELIO ''a sedere''.</center>}}
'''Lel.''' Amici, come va la partita?<br>
'''Flor.''' In questo punto sono arrivato a dama.<br>
 
===''Le donne di buon umore''===
<center>{{centrato|Camera di Costanza.<br>COSTANZA ''alla tavoletta, e'' MARIUCCIA ''cameriera che sta assettandole il capo''.</center>}}
'''Cost.''' Eppure ancora non istò bene. (''guardandosi nello specchio alla tavoletta'')<br>
'''Mar.''' Che dice mai, signora padrona? Sta tanto bene, che pare una principessa.<br>
 
===''Le donne di casa soa''===
<center>{{centrato|''Camera della signor'Angiola''.<br>''Angiola e Betta''.</center>}}
<poem>'''Betta''': Sior Anzola! Patrona.
'''Angiola''': Patrona, siora Betta.
 
===''Le donne gelose''===
<center>{{centrato|Camera de siora Giulia.<br>''Siora'' GIULIA ''che laora de merli. Siora'' TONINA ''in zendà. Siora'' ORSETTA ''che fila della bavella, e siora'' CHIARETTA ''che fa bottoni''.</center>}}
'''Ton.''' Cara siora Giulia, la compatissa se son vegnua a darghe incomodo.<br>
'''Giu.''' Oh siora Tonina, cossa disela! La m'ha fatto una finezza a vegnirme a trovar. Gh'aveva tanta voggia de véderla.<br>
 
===''Le donne vendicate''===
<center>{{centrato|Sala con tavola apparecchiata e lumi.<br>CASIMIRO, ROCCAFORTE, VOLPINO ''e'' FLAMINIO ''con quattro Donne, mangiando e bevendo''.</center>}}
<poem>'''Tutti''' Viva, viva l'allegria,
E la nostra compagnia;
 
===''Le femmine puntigliose''===
<center>{{centrato|''Appartamento nella locanda, in cui sono alloggiati don Florindo e donna Rosaura''.<br>DONNA ROSAURA e DON FLORINDO.</center>}}
'''Don Florindo''' – Signora consorte carissima, credo che ce ne possiamo tornare al nostro paese, e se aveste aderito a quello che io diceva, non saremmo nemmeno venuti a Palermo.<br>
'''Donna Rosaura''' – Che avrebbero mai detto di noi le donne del nostro rango, se dentro il primo anno del nostro matrimonio non fossimo venuti a far qualche sfarzo nella città capitale?
 
===''Le inquietudini di Zelinda''===
<center>{{centrato|Camera in casa di don Flaminio, con varie sedie.<br>LINDORO, FABRIZIO ''e servitori''</center>}}
'''Lind.''' (''A sedere in aria di melanconia'')<br>
'''Fabr.''' Via, accomodate bene le sedie, ripulite bene per tutto, che non abbiano occasione di lamentarsi. (''ai Servitori, i quali mettono sei o sette sedie in semicircolo, e partono'') Che avete, Lindoro, che siete sì melanconico?<br>
 
===''Le massere''===
<center>{{centrato|''Strada con due case, una della signora Costanza, l'altra della signora Dorotea''.<br>''Momolo forner, poi Zanetta, poi donna Rosega''</center>}}
<poem>'''Momolo''': (''dopo avere alcuna volta fischiato'')
Ste massere le dorme, e le me fa subiar;
 
===''Le morbinose''===
<center>{{centrato|''Camera in casa de sior Luca. Siora Marinetta che se conza la testa, Tonina che la serve''.</center>}}
<poem>'''Marinetta''': Via, conzème pulito, che voggio parer bon.
'''Tonina''': Cara siora parona, se la xe bella, in ton,
 
===''Le nozze''===
<center>{{centrato|Sala.<br>''Il'' CONTE, ''la'' CONTESSA ''e poi'' MASOTTO</center>}}
<poem>'''Con.''' La voglio così.
'''Cont.''' Così non sarà.
 
===''Le pescatrici''===
<center>{{centrato|Spiaggia di mare.<br>BURLOTTO, FRISELLINO ''ed altri Pescatori, quali tirano alla spiaggia la rete colla presa del pesce''. NERINA ''e'' LESBINA ''a sedere sopra dei tronchi, tessendo reti da pescare''.</center>}}
<poem>'''Coro di pescatori'''
Tira, tira; viene, viene.
 
===''Le virtuose ridicole''===
<center>{{centrato|Giardino delizioso in casa di Affrodisia.<br>AFFRODISIA, ERIDENO, MELIBEA, PEGASINO, ARMONICA ''e'' GAZZETTA, ''tutti a sedere in circolo''</center>}}
<poem>'''Le 3 donne''' Sì, sì, sì.
'''Li 3 uomini''' No, no, no.
 
===''Lo scozzese''===
<center>{{centrato|FABRIZIO, ''garzoni e'' MONSIEUR LA CLOCHE</center>}}
'''Clo.''' Datemi del caffè col latte. (''va a sedere ad un tavolino'')<br>
'''Fabr.''' Servite monsieur la Cloche. (''ai Giovani'')<br>
 
===''Lo speziale''===
<center>{{centrato|Bottega da Speziale co' suoi utensili.<br>MENGONE ''che sta pistando in un mortaio''.</center>}}
<poem>Tutto il giorno pista, pista:
Oh che vita amara e trista!
 
===''Lo spirito di contradizione''===
<center>{{centrato|Camera con tavolino e sedie.<br>RINALDO, FERRANTE, FABRIZIO, ROBERTO, GAUDENZIO, FOLIGNO, VOLPINO</center>}}
<poem>'''Gau.''' Sia ringraziato il cielo. Giust'è ch'io mi consoli,
Per le nozze concluse, coi padri e coi figliuoli.
 
===''Lugrezia romana in Costantinopoli''===
<center>{{centrato|Sala regia con trono alla turchesca, preparato per l'incoronazione di Mirmicàina.<br>ALBUMAZAR, MAIMUT ''e Popolo''.</center>}}
<poem>'''Alb.''' Olà, principi, nati
Del mio sangue real, benché bastardi,
 
===''Monsieur Petiton''===
<center>{{centrato|Camera con letto disfatto, tavolino e sedie.<br>GRAZIOSA ''in veste da camera e scufia da notte'', PETRONIO ''in collar, monsù'' PETITON ''alla francese; poi'' LINDORA ''in veste e zendal alla veneziana''.</center>}}
<poem>'''Petit.''' Madam, monsieur, je prego,
Perdonate a muè man presontion.
 
===''Pamela maritata''===
<center>{{centrato|''Miledi'' PAMELA ''e milord'' ARTUR</center>}}
'''Art.''' No, miledi, non apprendete con tanto senso un leggiero ostacolo alla vostra piena felicità. Lo sapete che le grandi fortune non vanno mai scompagnate da qualche amarezza, e la vostra virtù può consigliarvi meglio assai di qualunque labbro eloquente.<br>
'''Pam.''' Se si trattasse di me, saprei soffrire costantemente qualunque disastro, ma trattasi di mio padre, trattasi di una persona che amo più di me stessa, ed il pericolo in cui lo vedo, mi fa tremare.
 
===''Sior Todero brontolon''===
<center>{{centrato|Camera di Marcolina.<br>MARCOLINA e CECILIA</center>}}
'''Marc.''' E cussì? Ghe xe caso che possa bever el caffè sta mattina?<br>
'''Cec.''' Co no la manda a tórselo alla bottega, ho paura che no la lo beva.<br>
 
===''Torquato Tasso''===
<center>{{centrato|TORQUATO ''solo, al tavolino, pensando''.</center>}}
<poem>'''Tor.''' Muse, canore Muse, Amor, soave foco, (''alzandosi''.)
Umile a voi mi volgo, voi nel grand'uopo invoco.
 
===''Un curioso accidente''===
<center>{{centrato|Camera in casa di Mr. Filiberto.<br>GUASCOGNA ''allestendo il baule del suo padrone, poi'' MARIANNA</center>}}
'''Marian.''' Si può dare il buon giorno a monsieur Guascogna.<br>
'''Guasc.''' Sì, amabile Marianna, da voi mi è caro il buon giorno, ma mi sarebbe più cara la buona notte.<br>
 
===''Una delle ultime sere di Carnovale''===
<center>{{centrato|''Camera e lumi sul tavolino''</center>}}
''ZAMARIA, BALDISSERA, COSMO e MARTIN''
 
6 674

contributi