Fernanda Romagnoli: differenze tra le versioni

m (sistemo)
 
*''Ti supplico per lei, così smaniosa | di mari e di ginestre || Tu non esaudirmi, ché non io, | la mia carne di madre ha paura''. (da ''Per lei'')
 
*''Stupendo sacrilegio imporvi un segno | - l'arco del piede - premere col viso | la freschezza deposta dalla luna. | Il mare straripava nel sereno | a livello dei cigli. Ah, la bellezza | che pativo, non mia, che mia stringevo | in quel primo singhiozzo di creatura | che s'arrende all'immenso - era già il pegno, | la stigmata che in me sfolgora e dura.'' (da ''Stigmata'')
 
*''Mi scinderò dalla perpetua danza, | dal flusso senza fine che mi porta, | creatura di lucente libertà | - io - che piangete morta.'' (da ''Avvento'')
 
*''M'inebrio al colpo che t'assalirebbe | all'altezza dell'anima. M'inebria | pensare come il volto | ti si farebbe pallido, e smarrita | l'onestà dello sguardo.'' (da ''Tu sapessi'')
 
*''I capelli riposano leggeri | nell'ombra che al suo corpo fa da culla. | Ma la mano s'è arresa, | crocefissa alla vita.'' (da ''Sonno'')
 
*''Poi ti raggiungerò | là dove – abbandonata | la via terrestre, simile | a rotaia in disuso – | s'incammina lo spirito, esitante, | confuso ancora al grido, ancora all'orlo | della sua cieca vibrazione umana. | Io ti raggiungerò | dove tu "Sono qui!" | balenerai, che ancora dalla fascia | del buio mi districo. | "Qui dove" – nell'angoscia | di troppa luce, nessuno distinguendo – | ti griderò. Ma già saremo Uno.'' (da ''Poi'')
*''Fu pura diserzione. | Silenziosa vedetta mi scortava | all’estuario del tempo. | Lo spazio si sfilava dai miei piedi, | mal cucito sudario. | Non v’era qui altro metro che l’eterno. | Non v’era riva fuor che lo splendore''. (da ''Libertà'')
 
==Citazioni su Fernanda Romagnoli==
Utente anonimo