Differenze tra le versioni di "Canti popolari"

1 638 byte aggiunti ,  3 anni fa
→‎Siciliani: Inserisco una citazione, wikilink; [cogliere] e [innanzi] sono nel testo, non sono mie NDR.
(→‎Calabresi: Inserisco una citazione.)
(→‎Siciliani: Inserisco una citazione, wikilink; [cogliere] e [innanzi] sono nel testo, non sono mie NDR.)
*''Figghiuzza 'nta lu sonnu mi vinisti | du' paruleddi ruci e ti nni isti | e a la matina quannu mi śvigghiaiu | ca mi sintìa ca eri a lu me latu | mi vàju pi vutari e nun mìu a nuddu.''<ref>Citato in Roberto Leydi, ''I Canti popolari italiani'', ''Oscar Mondadori'', 1973, p. 188.</ref>
:''Figliuola nel sonno sei venuta a me | due paroline dolci e te ne andasti | e la mattina quando mi svegliai | e sentivo che eri al mio fianco | vado per voltarmi e non vedo nessuno.''
*''Lu 'nfernu è chinu di fiscali''<ref>Impositori di tasse. {{cfr}} Giuseppe Passarello, Elena Janora e Serena Passarello, p. 420.</ref>'' e judici, | Mastri nutara, spiziali e medici; | e poi nni vitti quarcu'n 'atri dudici | 'ntra monaci, parrini e antri clerici, | è giudicatu cu leggi lu codici, {{sic|e'}} 'ntra lu 'nfernu cu' spinci lu calici | e cunnannatu cu 'pigghiava pulici.''<ref>Cercare il pelo nell'uovo. {{cfr}} Giuseppe Passarello, Elena Janora e Serena Passarello, p. 420.</ref>'' | Lu puvireddu si un'ha jiri a sparaci''<ref>Nel senso di povere erbe per sfamarsi. {{cfr}} Giuseppe Passarello, Elena Janora e Serena Passarello, p. 420.</ref>'', | lu riccu arrobba senza jiri a giudici.''<ref>Con la certezza dell'impunità. {{cfr}} Giuseppe Passarello, Elena Janora e Serena Passarello, p. 420.</ref>(''Lu 'nfernu è chinu di fiscali e judici.''<ref>Citato in Giuseppe Passarello, Elena Janora e Serena Passarello, ''La memoria e la ragione: Ottocento e Novecento, {{small|antologia di cultura generale. Per gli istituti professionali}}'', Società Editrice internazionale, Torino, Ristampa luglio 1981, p. 420. ISBN 88-05-01587-3</ref>)
:''L'[[inferno]] è pieno di fiscali e giudici, Maestri notai, farmacisti e medici; | e poi ne vidi circa altri dodici | tra monaci, preti e altri chierici, | è giudicato chi legge il codice, | è nell'inferno chi alza il calice | {{sic|E}} condannato chi prendeva pulci. | Il povero se ne deve andare a [cogliere] asparagi | {{sic|Il}} ricco ruba senza andare [innanzi] ai giudici.''<ref>In Giuseppe Passarello, Elena Janora e Serena Passarello, p. 420. ISBN 88-05-01587-3</ref>
*''Lu Santu Patri ni livau la missa, | lu Re conza la furca a li parrini, | la Sicilia è fatta carni di sasizza, | cca c'è la liggi di li saracini.'' <ref>Citato in ''[http://www.archiviostoricoeoliano.it/wiki/la-lenta-conclusione-di-una-lunga-vicenda La lenta conclusione di una lunga vicenda]'', ''ArchivioStoricoEoliano.it''.</ref>
:''Il Santo Padre ci ha tolto la messa | il re prepara la forca per i preti | la Sicilia è fatta carne da salsiccia | qui vige la legge dei saraceni.''