Differenze tra le versioni di "Canti popolari"

1 113 byte aggiunti ,  3 anni fa
→‎Calabresi: Inserisco una citazione.
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
(→‎Calabresi: Inserisco una citazione.)
 
==Calabresi==
*''[[Cristoforo Colombo|Cristofuru Culumbu]], chi facisti? | La megghiu giuvintù tu rruvinasti. | Ed eu chi vinni mi passu lu mari | cu chiddu lignu niru di vapuri. | L'America ch'è ricca di danari | è giriata di paddi e cannuni, | e li mugghieri di li «mericani»''<ref>Gli emigrati in America. {{cfr}} Giuseppe Passarello, Elena Janora e Serena Passarello, p. 422.</ref>'' | chiangiunu forti che rristaru suli.'' (''Cristoforo Colombo''<ref>Citato Giuseppe Passarello, Elena Janora e Serena Passarello, ''La memoria e la ragione: Ottocento e Novecento, {{small|antologia di cultura generale. Per gli istituti professionali}}'', Società Editrice internazionale, Torino, Ristampa luglio 1981, p. 422. ISBN 88-05-01587-3</ref>)
:''Cristoforo Colombo, che facesti? | La migliore gioventù tu rovinasti. | Ed io che ci sono venuto traversai il mare | con quel legno nero di bastimento. | L'America che è ricca di denari | è piena di palle e cannoni, | e le mogli degli «americani» | piangono forte per essere rimaste sole.''<ref>In ''Giuseppe Passarello, Elena Janora e Serena Passarello'', p. 422.</ref>
*'''N jürnu 'na [[colomba|palumba]] curtivai, | amminezu le palumbe 'guale sue. | Si fice 'rande e ll'ali cce tagliai, | ppe' nun putire volare a voglie sue. || 'Ntisi 'na vuce all'ariu e m'affacciai, | e lla vidietti amminezu de le grue; | io cce dissi: «Palumba, duve vai? | Vòtate arriedi si bene mi vue.» | «Io nun me vuotu né moni, né mai, | ca soverchiu aspettai l'amore tue.»''
:''Un giorno una colomba m'allevai, | in mezzo alle colombe pari sue. | Si fece grande, e le tagliai le ali, | che non potesse volare secondo la sua voglia. || Intesi nell'aria una voce e m'affacciai, | e la vidi in mezzo alle gru; | io le dissi: «Colomba, dove vai? | Voltati indietro se mi vuoi bene.» | «Io non mi volto né adesso né mai, | ché troppo aspettai l'amore tuo.»'' (''N jürnu 'na palumba curtivai'' / ''Un giorno una colomba m'allevai''<ref>In ''Canzoniere italiano'', a cura di [[Pier Paolo Pasolini]], Guanda; citato in ''La nuova antologia Garzanti'', vol. I, Garzanti, 1981, p. 390.</ref>)